Queste le dichiarazioni dell’ex arbitro Rosario Lo Bello a radio Kiss Kiss:
 
“Se Totti mi avesse mandato a quel paese, credo che proprio che il secondo “vaffa” lo avrebbe detto già sotto la doccia. In questi casi non esiste il concetto di discrezionalità dell’arbitro: esiste l’espulsione e basta. La mia paura, adesso, è che gli altri calciatori possano sentirsi autorizzati nel mandare a quel paese i direttori di gara come se si sentissero liberi da sanzioni. Per anni ho pagato dal punto di vista mediatico un Verona-Milan: in quel caso non feci altro che applicare scrupolosamente il regolamento”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here