Foto Tedeschi

ROMA BODO GLIMT – Giornata di vigilia per la Roma, che domani affronterà all’Olimpico il Bodo/Glimt nella quarta giornata del Gruppo C di Conference League. Alle 13.30 interviene José Mourinho in conferenza stampa prepartita dalla sala Champions di Trigoria. Ad affiancare il tecnico giallorosso c’è Tammy Abraham. La conferenza stampa, come di consueto, è stata preceduta dall’allenamento di rifinitura.

Da Trigoria
Giacomo Emanuele Di Giulio

La conferenza stampa di Mourinho

In apertura di conferenza stampa José Mourinho ha precisato che non risponderà a domande su Roma-Milan e sul relativo arbitraggio che ha generato polemiche nei giorni successivi. Risponderà solo a questioni riguardanti il match di domani e la Conference League.

Bisogna vincere la partita per tornare in testa al girone e dimenticare il risultato dell’andata.
“Siamo in una buona posizione, abbiamo sei punti, ma è chiaro che non possiamo dimenticare la partita dell’andata. Domani però non possiamo dire che sia decisiva, vogliamo vincere e chiudere il girone al primo posto ma ci sono ancora nove punti a disposizione”.

Domani darà chance a chi ha fallito in Norvegia o metterà in campo la squadra più forte?
“Abbiamo sbagliato tutti nella gara di andata, non è che abbia sbagliato questo o quell’altro. Domani vogliamo vincere come squadra, ovviamente non giocherà la stessa squadra vista in Norvegia. Avevo detto prima della partita che avevo troppe paure, ho avuto paura del campo, del freddo, degli infortuni, della stanchezza e non ho avuto paura di una sconfitta. Ho sbagliato io, abbiamo sbagliato tutti. Non giocherà la stessa squadra”.

Abraham è il grande colpo di mercato e non ha reso secondo le aspettative: è un problema di squadra o di adattamento?
“Il problema siamo sempre noi, non è individuale. Abraham viene da una cultura calcistica diversa, cultura arbitrale diversa, anche sociale diversa. Penso che non sia mai facile, però ha iniziato abbastanza bene, ha creato un impatto positivo con l’ambiente e adesso vive un momento non speciale però è un gande giocatore e abbiamo fiducia in lui, tornerà a giocare meglio e segnerà. Abbiamo fiducia totale”.

Lei è qui da qualche mese, ormai è andato via 1/3 delle partite della stagione. Rispetto alle altre piazze ha riscontrato differenze degli arbitraggi?
“Non parlo di arbitraggi né di Serie A”.

Sia col Cagliari che con il Milan si è visto un modulo diverso nel secondo tempo, è una soluzione che può venire dal primo minuto nelle prossime partite?
“Non parlo della Serie A”.

Dopo un anno di inattività Zaniolo è tornato ad essere un punto fermo della Roma, una valutazione su di lui?
“Due anni di infortuni non è facile, contro la Juve si è sentito un po’ la paura di un giocatore che ha sofferto tanto ed è normale e solo il tempo può aiutare a dimenticare. Fisicamente sta bene, è fortissimo. Ci sono dei dettagli dal punto di vista tattico che deve migliorare, è normale quando hai 23 anni e quando hai perso due anni della tua carriera in infermeria ci sono delle cose da imparare. E’ un bravo giocatore e un professionista che lavora ogni giorno. Sono soddisfatto”.

Lei ha detto spesso che il livello del calcio italiano rispetto alla sua prima esperienza in certi campi è migliorato, secondo lei è migliorata anche l’immagine del calcio italiano all’estero? Penso al problema del razzismo negli stadi…
“E’ un campionato dove si gioca bene, le squadre hanno qualità, i giocatori e gli allenatori hanno qualità, si preoccupano non solo dei risultati ma anche giocando con ambizione e bene. In questo senso sono molto soddisfatto di essere qui con voi”.

Si fida ancora di Shomurodov?
“Mi fido di tutti, poi ci sono dei momenti in cui un calciatore ha meno fiducia. Afena-Gyan domani non ci sarà, ha delle qualità che non abbiamo perché è un giocatore fa dei movimenti che noi non facciamo molto, vogliamo la palla sui piedi, Afena-Gyan è aggressivo nello spazio, non è ancora un prodotto finito o un calciatore fatto e perfetto per essere titolare nella Prima Squadra, però ha un profilo che merita attenzione e bisogna lavorarci e dargli opportunità di giocare. Va bene che si alleni con noi e anche altri giocatori come Missori o Volpato, poi un conto è lavorare e un conto è giocare, serve tempo per accelerare questo processo. Ho fiducia in Borja Mayoral e Shomurodov, non cambia nulla. Complimenti al Bodø/Glimt che ha vinto il campionato”.

9 Commenti

  1. vorrei che la Roma si impegnasse, giocasse bene e vincesse con largo scarto .. cancellerebbe, almeno in parte, non completamente, la vergogna che ci ha regalato all’ andata ..

  2. Visto che si gioca in casa a Mourinho parlasse poco con i giornalisti italiani stesso concetto per Ahbram adesso fino a gennaio silenzio come i Presidenti la Roma e’ Accerchiata lo attaccano pure per i vaccini loro lo fanno aTrigoria ed e0 stata montata un casino con la dirigente donna allo stadio Olimpico che Mou e’ un maleducato…mi ricordo dell’ interprete Ucraina… l’ingnoranza di Moi siete vergognosi pur di colpire la Roma Quello che fanno a Zaniolo un ragazzo di 22 anni peggio di quel 40 svedese che provoca provoca e in campo fa’ come gli pare non le scrivete ste cose poi vi meravigliate se i Fredkin non vi parlano

  3. Stasera contro i boscaioli bisogna vincere con almeno 7 gol di scarto e non basterebbe comunque a cancellare la figuraccia. Ogni altra considerazione va bene per un P-boy, non per un tifoso della Roma!

    • Ma chissene frega del 61, io vorrei vincere almeno 1 0 o 2 1 e prendere i 3 punti non è facile perché sono fortissimi ed hanno appena terminato trionfalmente il campionato in Norvegia.

  4. Quoto in tutto e per tutto dwalter………questi giornalai da strapazzo e il vertice del calcio italiano vogliono accerchiare la Roma e il suo condottiero perchè hanno paura!!!! Quello che fanno a Zaniolo rasenta la miseria umana……..chiunque può istigarlo, offenderlo e picchiarlo senza che nessuno dica nulla. Da soli contro tutti…..daje Roma e daje veri romanisti……

  5. Dear Papa Max dubito di un punteggio tennistico ,anche se il pallone e` rotondo, se parti poi con l’idea di fare un gran risultato finisci di essere troppo contratto e mai sottovalutare l’avversario.
    La Roma ,qualunque cosa faccia viend sempre troppo chiaccherata e spesso non rispettano anche la vita privata dei giocatori. Comunque Mourinho non e` un personaggio facile ,sa ribattere colpo su colpo.
    Ma giustamente come si dice concentrarsi sull’oggi e domani c’e`la partita ,devono solo impegnarsi per riacquistare immagine ,il 6 a 1 pesa molto.

  6. ahjh non avete dimenticato la partita col bodo ? nemmeno dopo tutte le roboanti vittorie ? caspita, squadra concentratissima proprio

  7. Mmmm, escludo la goleada, giocano bene, e poi noi non siamo abituati al sintetico, loro invece saranno sicuramente abituati anche al campo in erba. Ce la dovremo guadagnare, non mi sembravano per niente scarsi.
    Forza Roma, sempre e in ogni caso

  8. Non c’è niente da cancellare, questo serve solo a chi ha scarsa autostima, serve vincere e basta. Elconde non perde occasione per dire o robe populiste come “la figuraccia da cancellare” oppure riferimenti a persone inesistenti come i seguaci di Pallotta (chi sìano lo sa solo lui) oppure errori tipo “Stasera coi boscaioli” ecc perchè in realtà non si gioca stasera ma domani. Prova a leggere qualche libro, è una buona palestra per la mente, ti rende più elastico e incline a vedere le cose da più angolazioni, cose reali intendo, non come le crociate contro nemici inesistenti come i P-ecc ti auguro ogni bene e lo dico senza ironìa

Comments are closed.