romanews-roma-nicolò-zaniolo-mancini-italia
Foto Tedeschi

ITALIA EURO 2020 – Roberto Mancini è la mente dietro al trionfo italiano a Euro 2020. Il CT azzurro ha avuto il merito di raccogliere un movimento a pezzi dopo la mancata qualificazione e portarlo al punto più alto in 15 anni. Un trionfo, quello europeo, che mancava invece da ben 53 anni. La Nazionale ora si prende una pausa, ma non troppo lunga. Già a settembre ci saranno subito tre partite per le qualificazioni mondiali. Il clou, però, a ottobre: il 6 a Milano la rivincita contro la Spagna nella semifinale di Nations League. In caso di finale, la vincente di Belgio-Francia. I primi del ranking o i campioni del mondo.

Tornerà in gruppo anche Pellegrini

Il Messaggero fa il punto della situazione in casa azzurra. Mancini dovrà fare a meno di Spinazzola. Emerson è il sostituto, ma andrà cercata l’alternativa. Di Lorenzo sa giocare pure a sinistra, lasciando l’altra corsia a Florenzi. In difesa avrà le sue chance Gianluca Mancini. Il ct dovrà anche convincere capitan Chiellini a non uscire dal giro, limitandosi all’attività nel suo club. In porta, come terzo, Cragno si prepara a prendere il posto di Sirigu che intanto cerca una sistemazione in serie A. Il centrocampo, già completo e intrigante all’Europeo, sarà arricchito dal ritorno di Sensi e Pellegrini usciti di scena prima dell’inizio del torneo. Sono i ricambi per il trio di lusso formato da Barella, Jorginho e Verratti. In più, se in estate confermerà quanto sta facendo nei primi passi dopo il secondo infortunio al ginocchio, Mancini ritroverà subito Nicolò Zaniolo che deve far crescere la competitività di questo gruppo. Da verificare Tonali, confermati Locatelli, Pessina e Cristante, spesso primo cambio per il reparto.