Lecce-Roma, la moviola della gara: manca un calcio di rigore

Formazione 1
02/04/2024 - 13:14

Lecce-Roma, la moviola della gara: manca un calcio di rigore

LECCE ROMA MOVIOLA – A margine di una partita tosta, con grande intensità e tanti duelli fisici, non mancano le polemiche. In casa Roma, infatti, c’è dell’amaro in bocca per una decisione di campo che fa discutere, soprattutto in relazione ad un mancato intervento del Var che rimane in silenzio.

L’episodio da segnare con la matita rossa

Un errore in compartecipazione tra sala Var e arbitro: secondo La Gazzetta dello Sport infatti, il contatto in piena area di rigore che coinvolge Zalewski, Blin e Falcone dovrebbe portare ad un calcio di rigore per la Roma. Proviamo a ricostruire la dinamica: al 55′ il polacco controlla di petto un corner profondo e aggira Falcone, che insieme a Blin travolge l’esterno giallorosso. Quest’ultimo non riesce quindi a mettere il mirino sulla porta e si lamenta del contatto subìto: Marcenaro fa segno di proseguire, ma, secondo il quotidiano, si macchia di un errore di valutazione e la sala Var non interviene, ritenendo valida la lettura dal campo dell’arbitro. Anche il Corriere dello Sport è d’accordo: il tamponamento in area era da punire con un tiro dagli undici metri.

Vedi tutti i commenti (10)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. L’ingresso in champions vale soldi e dal prossimo anno molti ma molti di più. Anche se non si vede tra terzo e ottavo posto si sta giocando una guerra di 50-100 milioni non di noccioline.
    Ragazzi giovani aprite gli occhi e domandatevi perché ci hanno mandato quell’arbitro e a pensar male non sbaglierete, come aveva già preconizzato Josè mesi fa.
    L’Atalanta è diventata ricca e protetta però lo ha fatto con merito, il Bologna si è ritrovata fior di giocatori ma con dirigenti che stavano alla Roma; l’unica veramente intrusa è la Rubentus, squadra mediocre che farà la corsa su di noi e che ha cominciato a farla ieri sera.
    Tutto questo senza nulla togliere al Lecce che ha trovato una Roma in affanno (14 nazionali) e ha giocato meglio di noi, arrivando prima su tutti i palloni.

  2. Questo è un rigore che può pesare molto, l’errore dell’arbitro è veramente grave, inoltre dopo 10 minuti ed al suo primo intervento falloso ammonisce Ndika condizionandone la gara ma soprattutto facendolo fuori per la prossima partita che è il Derby, il “Senatore” ha colpito ancora!

  3. Inutile commentare siamo abituati a certe valutazioni che sono figlie della sudditanza psicologica!! Senza ombra di dubbie a parti invertite sarebbe stato concesso senza esitazione!! Chiarissimo che il Var è manipolato dal sistema che ha sempre indirizzato le stagioni di calcio a favore di chi ha il portere!!!

  4. Manca come sempre la presa di posizione della proprietà, non dico della dirigenza perchè manco esiste. Lasciano l’allenatore allo sbaraglio e poi fanno la parte del “poliziotto buono” dalla parte del palazzo come fatto con Mourinho.De Rossi è ragazzo molto intelligente e sta cambiando atteggiamento parlando di più degli arbitraggi vergognosi a nostro danno, per amore della squadra e sapendo dei rischi che corre in Italia chi si espone (da Firenze in giù) verso gli arbitri. Agli F-boys pro-texas è sfuggita (non a caso) una delle prime frasi di Daniele: ha subito detto che con Tiago Pinto si trovava bene perchè lo “proteggeva”, lo aiutava a crescere (e infatti i texani hanno pensato bene di cacciarlo senza rimpiazzarlo). La tattica texana invece è di lasciare completamente esposto e scoperto un allenatore alle prime armi, ma dove si è mai visto? Per quanto “grande” e bravo anche Daniele rischia di bruciarsi. Vengo al punto: caro (din don) Dan dovresti far capire la vostra strategia. Se volete Daniele solo fino a giugno allora continuate così, tanto cosa vi importa se si brucia? Anzi direte di nuovo che avete mandato via il “cattivone” che cerca l’alibi dell’arbitro. Se invece ci volete puntare proteggetelo e fatelo in fretta. Di certo non pretendete miracoli se i “rinforzi” si chiamano Baldanzi, Angelino e Hujsen, così è già tanto il sesto posto!

  5. Colpa di Mou,l’unico che aveva ancora voglia e forza di difenderci da torti e soprusi…Ed abbiamo pure dovuto sentire canti ed inni di gioia al suo esonero come la fine di una peste bubbonica. Almeno con il portoghese le ultime due stagioni sono finite per noi ai primi di giugno a differenza del solito trend che ci vede fuori da tutto a Pasqua e dintorni…Perché la Roma vista ieri e nelle ultime partite giocate ha tutto purtroppo per proseguire su questo filone

    1. Scusa a prescindere dal giudizio su Mourinho, ma precisamente cosa ci avrebbero portato la sua “voglia e forza di difenderci da torti e soprusi”? Se guardiamo ai dati di fatto direi che tra lui e il suo staff abbiano fatto a gara a chi veniva squalificato più volte. Personalmente dubito che questo abbia giovato alla nostra classifica, ma questa è la mia opinione; la tua qual è?

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...