21 Maggio 2022

PAGELLE Torino-Roma | Abraham, una doppietta che vale Europa e record di gol. Pellegrini, concretezza e generosità

PAGELLE TORINO ROMA – Con una prestazione perfetta la Roma batte il Torino 3-0 e conquista un posto matematico alla
prossima Europa League. Decisiva la doppietta di Abraham e il sigillo di Pellegrini. Una vittoria che anticipa i titoli di coda sulla stagione che ci saranno mercoledì e che lancia la squadra di Mourinho nel migliore dei modi verso la finale di Tirana.


GLI HIGHLIGHTS DI TORINO-ROMA

Le pagelle di Torino-Roma

Rui Patricio 6. Un gran riflesso su Pobega e poco altro ma per scarsità di soluzioni offensive da parte degli avversari. Con questo fanno 15 clean sheet in Serie A, solo il Milan ne ha collezionati di più, 17.

Ibanez 7. Alla 100esima presenza in giallorosso si congeda dal campionato con una buona prova. Osservato speciale su Belotti, se la cava bene non facendosi sorprendere dall’attaccante granata. Ammonito.

Kumbulla 7. Difende con tranquillità e personalità, bene anche nella fase di gestione. Ha pure una bella occasione di testa per segnare, il primo tentativo verso la porta di Berisha della Roma.

Mancini 6,5. Pochissimi grattacapi a Torino, qiando è chiamato a fronteggiare non ha problemi, posizionamenti giusto e concentrazione fino alla fine.

Spinazzola 6. Mourinho gli assegna la sua fascia preferita e mette un mattoncino in più sul suo recuperò. La corsa si fa sempre più sciolta, lo sprint non è ancora quello dei tempi migliori, ma si prende rischi e responsabilità di andare a puntare l’avversario appena può. Ottandue minuti in campo sono tanta roba. (Dall’82’ Vina: SV)

Veretout 6,5. Inizia timido ma cresce dopo il doppio vantaggio. Bene nel recupero palla e sfiora anche il tris. Si candida anche lui per la finale di Tarana.

Sergio Oliveira 6. Si fa trovare smarcato e si destreggia con la solita qualità quando ha il pallone tra i piedi. Non bene in fase di conclusione. (Dal 58′ Cristante: SV)

Zalewski 6,5. Trasloca sull’out di destra per far posto a Spinazzola, e il risultato non cambia: qualità, testa ed esplosività! (Dal 58′ Karsdorp: SV)

Pellegrini 7. Lesto a recuperar una palla persa sulla trequarti dal Torino e a servire Abraham per il gol del vantaggio. Si dà tanto da fare e corona il match segnando il terzo gol con un penalty praticamente perfetto. Concretezza! (Dall’81 El Shaarawy: SV)

Shomurodov 6. Si guadagna la maglia da titolare dopo il gol dell’insperato pari con il Venezia. Alterna buone cose ad altre meno. Potrebbe far meglio nelle ripartenze. (Dal 76′ Zaniolo 6: appena entrato difende bene palla col corpo e si fa stendere in area per il secondo rigore del match. Non convince sulla gestione di qualche ripartenza)

Abraham 8. Apre le marcature con un gol pazzesco, si guadagna il calcio di rigore che va a battere e realizzare. Non segnava dal derby, chiude in bellezza il suo primo campionato italiano con un bottino regale di 17 marcature, un record al’esordio per un calciatore inglese.

Mourinho 7. Ritrova i gol di Abraham e l’aspetto mentale della squadra in vista della finale. Il turn over scientifico funziona, i cambi anche. La Roma migliora il posizionamento in classifica rispetto a un anno fa e accede all’Europa League indipendentemente da cosa accadrà a Tirana.

SEGUICI ANCHE SU TELEGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. Giorgio ha detto:

    Abraham stupefacente poi se si ritrova pure Veretout mercoledì abbiamo una marcia in più