Foto Tedeschi

SERIE A INDICE LIQUIDITA’ – L’indice di liquidità non può essere un criterio per l’ammissione al prossimo campionato, questo è quanto è stato deciso dal Collegio di Garanzia accogliendo, seppure parzialmente, l’appello fatto dai club di Serie A. Di seguito il comunicato.

Leggi anche:
La Lega Serie A approva il contributo per i club che partecipano all’Europa League: Roma interessata

Il comunicato

“Il Collegio di Garanzia, a Sezioni Unite, all’esito della camera di consiglio tenutasi in data 9 e 13 giugno 2022, in parziale accoglimento del ricorso proposto dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A avverso il Comunicato Ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio – FIGC n. 220/A del 27 aprile 2022 recante la pubblicazione della delibera del Consiglio Federale FIGC del 26 aprile 2022 di approvazione del Sistema delle Licenze Nazionali per l’ammissione al Campionato Professionistico di Serie A maschile 2022/2023; la delibera del 26 aprile 2022 di approvazione del Sistema delle Licenze Nazionali per l’ammissione al Campionato Professionistico di Serie A maschile 2022/2023; il Manuale Licenze Nazionali Serie A 2022/2023 e ogni altro atto presupposto, connesso e conseguente, HA ANNULLATO i provvedimenti impugnati nella parte in cui si prevede che la verifica del possesso del requisito dell’indice di liquidità sia fissata in un termine antecedente alla chiusura dell’esercizio in corso”

2 Commenti

  1. alla fine chi non ha versato l’indice di liquidità è stata la lazie, l’unica società che non lo aveva versato e rischiava di non iscriversi al campionato.

Comments are closed.