24 Maggio 2021

La Roma salva la Conference League: decisivi Dzeko e Pastore

Foto Tedeschi

ROMA CONFERENCE LEAGUE – Si è conclusa una stagione molto tribolata per la Roma che grazie alla rete negli ultimi minuti di Mkhitaryan ha ritrovato la qualificazione alla Conference League.

Il saluto di Fonseca dopo una partita a due facce

Si conclude la stagione della Roma con il 2-2 contro lo Spezia e la qualificazione in extremis alla nuova competizione europea, la Conference League. Come riportato da Il Messaggero, anche per l’ultima partita il tecnico Paulo Fonseca ha salutato la Capitale con quest’ultima partita salvando il salvabile. Nel match contro i liguri ha dovuto fare a meno di 12 giocatori: Pau Lopez, Mirante, Peres, Smalling, Ibanez, Fazio, Calafiori, Veretout, Spinazzola, Perez, Pellegrini e Zaniolo. Nel primo tempo in campo si è vista solo la formazione di Italiano che è andata in vantaggio per 2-0 con le reti di Verde e Pobega. Nella ripresa la Roma accorcia con El Shaarawy e gli innesti di Dzeko e Pastore aiutano la squadra che trova il pari con Mkhitaryan. Tanto è bastato per non farsi superare dal Sassuolo grazie ad una miglior differenza reti.

Leggi anche:
Il regolamento e il format della Conference League

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Papa Max ha detto:

    A ritrovare i commenti di prima che fosse iniziato questo campionato ci si accorgerebbe che qualcuno aveva detto che l’ Establishment del Calcio Italiano, naturalmente Arbitrucci inclusi, per questo anno avrebbe voluto tutte le squadre del Nord prime e chissene frega di Roma Lazio e Napoli .. e cosi’ e’ .. se qualcuno ha memoria o addirittura riesce a rintracciare quei commenti si potrebbe aprire una discussione, tra sportivi, sull’ accaduto .. l’ arbitraggio di Mariani, ieri sera, non mi ha convinto per niente .. purtroppo non ho visto il Napoli e come ha arbitrato Chiffi, ma anche di Chiffi non mi sono mai fidato ..

  2. gio ha detto:

    ahahahahha…mo il merito è di Pastore….ahahahahahahah