Foto Tedeschi

ROMA ZANIOLO – La Roma travolge il Trabzonspor con un netto 3-0 garantendosi il passaggio alla fase a gironi della Conference League, dopo il 2-1 in casa dei turchi della scorsa settimana. Il match, oltre alla qualificazione europea, regala alla Roma almeno tre risposte importanti. Il ritorno al gol di un campione d’Europa, Cristante, il ritorno al gol del Golden Boy giallorosso Zaniolo e la seconda convincente prova di Abraham. Il tutto condito da 25.000 anime romaniste che hanno spinto la squadra, da quell’inno cantato a squarciagola prima della gara, alla presenza dei giocatori come aveva invocato Mourinho, fino all’ultimo minuto. Anche oggi, dunque, tracce di Josè, alla terza vittoria sua tre. Sua l’impronta sul cambio di programmazione al momento di far risuonare “Roma, Roma, Roma”. Sempre sua la scelta di dare un significato ben preciso alla partita contro il Trabzonspor: giocano i più in forma, alle ortiche il turn over, la Roma vuole e deve qualificarsi. Ancora sua la mano sulla difesa, oggi più accorta e lucida che per la prima volta in una gara ufficiale, non prende gol.

Cristante e Abraham, così diversi e così simili

Reduce dalla galoppata gloriosa con la nazionale azzurra, Cristante si è fatto trovare dallo Special One più convinto dei suoi mezzi. E Mou gli ha consegnato le chiavi del centrocampo, si fida di lui e finora, nei primi 270 minuti stagionali, non ne ha fatto mai a meno. Questa sera è arrivata anche la rete, importantissima e bellissima, a sbloccare l’incontro. La stessa fiducia Josè la sta riponendo in Abraham, per la seconda volta in 4 gironi schierato dal 1’. Contro i turchi ha colpito di nuovo il palo, il secondo legno dopo la traversa con la Fiorentina. Non ha fatto gol, ma se ha lasciato il campo con una standing ovation dell’Olimpico è perché la gente ne sta apprezzando oltre che la qualità, la mentalità. Sempre sul pezzo, con carattere e disponibilità, pronto a dare una mano anche in difesa.

LEGGI ANCHE
Mourinho: “Pellegrini rinnoverà a breve. Ho chiesto a Zaniolo se vuole due giorni di vacanza, ha detto no”

La Roma ritrova Zaniolo e trova un portiere

Le emozioni grandi le ha regalate però Zaniolo che, a un anno dal suo infortunio in nazionale e dopo un autentico calvario, è tornato al gol. La copertina è tutta per lui. Come una favola, il numero 22 giallorosso, partito anche oggi dall’inizio come contro i Viola in campionato, ha lottato, non sempre tutto gli è riuscito, ma ha cercato questo gol scaccia-fantasmi. Bello che non sia riuscito a trattenere la commozione quando la sfera è passata tra le gambe di Ugurcan ÇakÕr ed è partito il boato dell’Olimpico. Per il talento romanista è stato come togliersi un peso. Adesso può davvero spingere il pulsante del reset e affidarsi alle sapienti mani di Mourinho che cercare di valorizzarlo al meglio. Chi si è valorizzato da solo è Rui Patricio, da subito leader trai pali giallorossi e in sintonia con il resto della squadra e dell’ambiente. Stasera ha detto no prima a Victor Hugo e poi ad Hamsik, con due interventi da assoluto protagonista. Che la Roma abbiamo trovato un portiere che fa davvero al caso suo?

GSpin

14 Commenti

  1. Da sottolineare anche la sontuosa partita di Ibanez. Non si vinceranno forse trofei quest’anno, ma era da tempo che non si vedevano i giocatori della Roma avere l’atteggiamento mostrato oggi. Avanti cosí, daje Roma

    • Ibanez è un bravo centrale… come anche Mancini e Kumbulla.
      L’importante è che la squadra difenda in maniera compatta (e aggressiva direi): due linee da quattro, vicine tra loro. Così i giocatori avversari non trovano spazi, e anche se fanno tiri da fuori non hanno modo di farlo con calma, mirando bene, ecc… Ed ecco che magicamente i nostri centrali diventano bravi (gli stessi “brocchi” dello scorso anno), così come il portiere: godiamoci Rui per ciò che stà facendo, ma sono sicuro che anche Olsen sarebbe andato decentemente (Ancelotti lo voleva all’Everton, e Ancelotti non è uno scemo).

    • Non solo anche chi subentra ci mette cattiveria agonistica e questa è una caratteristica di Mourinho.Alla faccia dei gufi.

  2. Rui ha confermato ciò che aveva detto mourinho..portiere affidabile di grande esperienza..non sarà il più forte del mondo ma non è nemmeno il più scarso…se continua cosi stiamo tranquilli

  3. l’infortunio di Cornelius ha cambiato la partita, non per la sostituizione in se, ma perchè Mou ha avuto quel minutino per parlare con Lollo e Tammy, e ha cambiato il modo di fare pressing: non più sui centrali avversari, lliberi di impostare, bensì quando la palla andava sulle fasce si iniziava a pressare uno sul portatore e altri 3-4 a chiudere i passaggi. da quel momento alla fine del primo tempo, tutti a nanna, gioca la Roma. stupendo. personalmente ho detto dal primo giorno “mi ricredo, se questo è l’entusiasmo, w Mou, può solo far bene alla Roma”, ma vederlo nell’intera gestione delle partite è uno stimolo intellettuale. siamo di fronte ad un’intellligenza superiore e gioca pe noi.
    Patricio è costato 8 milioni, non 11, 3 ce li ha ridati con la qualificazione ai gironi. ieri doppietta di grande spessore, dopo il gol all’andata.
    spero di non dover leggere/sentire più le buffonate su Pellegrini. brutta bestia l’invidia. Nicolò… volevo sta li a abbracciatte pur’io. finita la partita me so addormentato come un pupo, con gli occhi e la testa pieni de pensieri gialli e rossi. daje Roma daje!

  4. Bellissima partita e devo dire grande portire sicuro di se sempre attento ci voleva proprio un bel portiere. E grande unità di squadra era da tanto che non si vedeva una Roma con la volgia di vincere bravo Mourinho

  5. Ma dai Rui Patricio è bravo?Ma come troppi soldi spesi per uno che è uguale ad Olsen.Zaniolo recuperato? Ma dai.La Roma sta costruendo una squadra seria? Ma dai.Mourinho è un grande allenatore? Ma dai era bollito ha vinto solo qualche trofeuccio l’ultima Europa league nel 2017.Fredkyn è uguale a Pallotta.Ve deve schiatta er fegato.Sia al poro multinick e sia a tutti voi giornalettari servi del sistema.Fredkyn ve fa passa la sete cor prosciutto.Mariuccio stai a schiatta pure te è? Gufi ve dovete rompere tutte le ossa per quante volte cadrete dal trespolo.Forza Roma daje

    • Il primo a dire che lo Special1 è stra-bollito è un certo longoni, milanista, che due mesi fa lo schifava a ci sottovalutava irridendoci…. non vedo l’ora di massacrare il milan! Tammy+niccolò+elsa e passa la “paura”…. di longoni, intendo….
      Non dimentico nulla, ovviamente non vedo l’ora che arrivino i derby….. e lì la lista è moooolto lunga di gufi sbiaditi falliti da massacrare con i gol dei “Soliti Noti”!!!!💛❤

  6. finalmente si suda, si corre e si lotta per 90 minuti!!!!! ci voleva Mourinho per farglielo capire….prevedo tempi duri per i complessati, Forza Roma!

Comments are closed.