EDITORIALE – Due strati di pasta di cioccolata, uno di confettura e poi una glassa dolcissima, avvolgente di cioccolato fondente. Tanto buona quanto compplicata  da digerire. E’ la Sacher Torte made in Vienna. Tanto buona quanto spettacolare e divertente è stata la partita di questa sera. Un po’ meno divertente per Spalletti che ha visto incubi neri. Un pareggio casalingo con tre gol presi fa male, sopratutto dopo aver vietato ai suoi “passi indietro”. E stasera di passi indietro la Roma ne ha fatti tanti dopo le due prove convincenti contro Inter e Napoli. Europa ancora ostica per Totti e compagni… A proposito, che show il capitano! Assist a go go, 4 ne ha asserviti negli ultimi 7 gol giallorossi in Europa League. Peccato per una serata che poteva celebrare la sua 100 gara internazionale con la maglia della Roma, che poteva salutare la doppietta piena di entusiasmo del Faraone e le prime giocate ispirate del talento in erba di Gerson. Troppo rilassati, anzi “faciloni” li ha descritti Spalletti. A volte la supremazia tecnica non basta se non c’è la fame di tirare il fiato fino al 90: sul 3-1 considerare la partita chiusa è troppo da bravi ragazzi. Esageratamente pesante il dazio che la squadra ha pagato in quei 10 minuti di black-out.
A proposito di Sacher Torte, prendiamo in prestito una celebre una scena di un film di Nanni Moretti che ruota proprio attorno al popolare dolce austriaco, in ci lo stesso Moretti dice “Continuiamo così. Facciamoci del male!“. Ogni riferimento non è volutamente casuale.

Giulia Spiniello

2 Commenti

  1. che show il capitano! Assist a go go, 4 ne ha asserviti negli ultimi 7 gol giallorossi in Europa League. Peccato per una serata che poteva celebrare la sua 100 gara internazionale con la maglia della Roma,…ma Spiniello stai parlando della Roma o sei troppo occupata a fare sta popò di sviolinata a Totti?

Comments are closed.