Francesco Totti non è solo il leader indiscusso della Roma, ma è anche un giocatore fondamentale per il gioco di Luciano Spalletti. Dai suoi piedi partono la maggior parte delle azioni offensive dei giallorossi, non è solo il capocannoniere della squadra, ma anche un uomo assist formidabile, capace di mandare in gol molti suoi compagni. Purtroppo la Roma in questo periodo ha dovuto fare spesso a meno delle sue grandi doti. Il capitano giallorosso il 23 ottobre, durante la partita Roma-Sporting Lisbona, dopo un brutto contrasto con Liedson ha riportato un forte trauma contusivo alla caviglia destra, che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per ben quarantatre giorni. Totti è tornato a giocare il 5 dicembre in Roma-Cagliari, ma dopo aver disputato anche le partite con il Livorno e il Manchester, è stato costretto a rifermarsi in occasione della trasferta contro il Torino, per un riacutizzarsi del dolore alla caviglia. Ma quanto ha pesato l’assenza di Totti sul gioco e sui risultati della Roma? Prima di questo infortunio, in campionato, il capitano era mancato solamente nella gara con la Fiorentina (2-2). Dopo l’infortunio subito in Champions, Totti ha saltato sei partite di serie A. Nella stagione in corso, quindi, la Roma ha dovuto fare a meno del suo ‘faro’ per sette partite di campionato. In queste gare la squadra di Luciano Spalletti ha totalizzato quindici punti (media punti 2,14), realizzando undici gol (media gol fatti 1,57). Con Totti in campo invece, la Roma ha giocato dieci partite, totalizzando ventuno punti (2,1 punti a partita di media), e andando a segno per ben ventidue volte (media gol fatti 2,2). Di questi ventidue gol fatti, Totti ne ha realizzati nove, con una media di quasi un gol a partita. Da queste statistiche risulta evidente come, durante l’assenza di Totti, la Roma non abbia subito notevoli ripercussioni per quanto riguarda la classifica, grazie anche ad un Vucinic spesso decisivo (5 gol in 8 partite). Tuttavia il gioco di Spalletti ha risentito della mancanza del suo perno offensivo, soprattutto in termini di gol realizzati (1,57 contro 2,2 di media). Impossibile quindi non sottolineare come Totti sia indispensabile per la Roma. Con lui in campo tutta la squadra ne trae dei benefici sia sul piano del gioco ma anche su quello emotivo, grazie al suo indiscutibile talento e al suo forte carisma.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here