ROMA CONFERENCE LEAGUE AVVERSARIE – Obiettivo (minimo) centrato. La Roma chiude la stagione al settimo posto e accede ai play off di Conference League. Nell’anno che coincide con il ritorno delle tre competizioni europee (non succedeva dal 1999 quando la Coppa delle Coppe fu soppressa), i giallorossi si ritrovano a sperimentare subito la neonata ‘Europa di Serie C’. Non quello che tutti si aspettavano dalla Roma a inizio anno ma, almeno, i giallorossi riescono a ritagliarsi uno spazio continentale nel primo capitolo della nuova era Mourinho, con l’obiettivo che stavolta non può essere nascosto a nessuno: giocare la finale di Tirana e vincere la coppa. La Roma infatti, ai nastri di partenza, parte favorita assoluta insieme ai club dei top campionati europei, in attesa di conoscere le altre squadre che si uniranno alla competizione ‘causa’ eliminazione dai preliminari di Europa League. Ecco date, format e squadre partecipanti alla prima edizione assoluta della Conference League.

Leggi anche:
CONFERENCE LEAGUE, L’UEFA SVELA IL TROFEO

Il format della Conference League

In totale, le squadre che parteciperanno alla Conference League saranno 184, di cui almeno una per ognuna delle 55 federazioni UEFA e 46 provenienti dalla UEFA Champions League o dalla UEFA Europa League. Prima della fase a gironi ci saranno tre turni di qualificazione e un turno di play off (suddiviso in un percorso principale e un percorso Campioni, riservato alle squadre che provengono dal percorso Campioni di UEFA Champions League e UEFA Europa League). Turno Play Off a cui accederà direttamente la Roma, grazie al ranking UEFA del campionato di Serie A, che permette alla settima di evitare i primi turni preliminari. La particolarità della Conference League è che non ci sono squadre qualificate di diritto alla fase a gironi: tutte le partecipanti vi accederanno grazie ai suddetti Play Off. Fase a gironi a cui prenderanno parte 32 squadre suddivise in 8 gironi. Le 8 vincitrici accederanno direttamente agli ottavi, mentre le seconde classificate giocheranno una sorta di ‘sedicesimo di finale’ contro le 8 terze classificate della fase a gruppi di Europa League per guadagnarsi gli ottavi.

Le 32 squadre partecipanti alla fase a gironi si suddividono in:

• 17 squadre provenienti dal percorso principale di Conference League
• 5 squadre provenienti dal percorso Campioni di Conference League
• 10 squadre eliminate agli spareggi di Europa League

Dai preliminari ai Play Off: tutte le squadre già qualificate alla Conference League

Si parte dal primo turno preliminare, a cui prenderanno parte ben 70 club. Le 35 vincenti degli scontri diretti passeranno al secondo turno, a cui si aggiungeranno le squadre retrocesse dai preliminari di Europa League. Stesso discorso per il terzo turno preliminare e per i Play Off, che delineeranno il quadro completo della fase a gruppi. Ecco le squadre già qualificate dal secondo turno preliminare in poi.

LE SQUADRE GIA’ QUALIFICATE AI PLAY-OFF

ROMA (Italia)
TOTTENHAM (Inghilterra)
UNION BERLINO (Germania)
RENNES (Francia)
PACOS FERREIRA (Portogallo)

LE SQUADRE GIA’ QUALIFICATE AL TERZO TURNO PRELIMINARE

RUBIN KAZAN (Russia)
TRABZONSPOR (Turchia)
LASK LINZ (Austria)
VITESSE (Olanda)
ANDERLECHT (Belgio)
KOLOS KOVALIVKA (Ucraina)

LE SQUADRE GIA QUALIFICATE AL SECONDO TURNO PRELIMINARE

FEYENOORD (Olanda)
COPENHAGEN (Danimarca)
SANTA CLARA (Portogallo)
SOCHI (Russia)
SIVASSPOR (Turchia)
VORSKLA POLTAVA (Ucraina)
GENT (Belgio)
BASILEA, SERVETTE e LUCERNA (Svizzera)
STEAUA BUCAREST e UNIV.CRAIOVA (Romania)
AEK ATENE, PAOK SALONICCO e ARIS SALONICCO (Grecia)
OSIJEK, RIJEKA e HAJDUK SPALATO (Croazia)
PARTIZAN, CUKARICKI e VOJVODINA (Serbia)
POGON e RAKOW (Polonia)
HIBERNIAN e ABERDEEN (Scozia)
APOLLON LIMASSOL e AEL LIMASSOL (Cipro)
ELFSBORG, HACKEN (Svezia)
ROSENBORG, VALERENGA e MOLDE (Norvegia)
SLOVACKO (Rep. Ceca)
DUNAJSKA STREDA (Slovacchia)
OLIMPIA LJUBLJANA (Slovenia)
UJPEST (Ungheria)
ASHDOD (Israele)
TOBOL, ASTANA e SHAKHTER KARAGANDY (Kazakistan)
BATE BORISOV, TORPEDO ZHODINO e DINAMO BREST (Bielorussia)
CSKA SOFIA e LOKOMOTIV PLOVDIV (Bulgaria)
QARABAG e SUMGAYIT (Azerbaigian)
VADUZ (Liechtenstein)

Sorteggi e partite: tutte le date della Conference League

La Conference League si disputa il giovedì in contemporanea con l’Europa League. Le partite delle due competizioni si giocheranno in due fasce orarie: 18:45 (non più 18:55) e 21:00. Ecco le date dei sorteggi e delle fasi della competizione.

Sorteggio primo turno di qualificazione: 15 giugno
Sorteggio secondo turno di qualificazione: 16 giugno
Primo turno di qualificazione: 8 e 15 luglio
Sorteggio terzo turno di qualificazione: 19 luglio
Secondo turno di qualificazione: 22 e 29 luglio
Sorteggio Play Off: 2 agosto
Terzo turno di qualificazione: 5 e 12 agosto
Play Off: 19 e 26 agosto
Sorteggio fase a gironi: 27 agosto
Fase a gironi: 16 e 30 settembre, 21 ottobre, 4 e 25 novembre, 9 dicembre
Sorteggio spareggi turno a eliminazione diretta: 13 dicembre
Spareggi turno e eliminazione diretta: 17 e 24 febbraio
Sorteggio ottavi di finale: 25 febbraio
Ottavi di finale: 10 e 17 marzo
Sorteggio quarti di finale e semifinali: 18 marzo
Quarti di finale: 7 e 14 aprile
Semifinali: 28 aprile e 5 maggio
Finale: 25 maggio (National Arena, Tirana)

N.B. in grassetto le date dei Play Off, primo turno a cui parteciperà la Roma per qualificarsi alla fase a gironi.

Gli effetti dell’introduzione della Conference League sulle altre competizioni UEFA

La nuova struttura delle competizioni UEFA per club garantisce che siano rappresentate almeno 34 federazioni nella fase a gironi di una o più competizioni. L’introduzione della UEFA Europa Conference League non avrà effetti sulla UEFA Champions League, mentre la fase a gironi di UEFA Europa League verrà snellita: passerà da 48 a 32 squadre (otto gironi da quattro). Anche per la fase a eliminazione diretta dell’Europa League vale lo stesso format della Conference. Le otto vincitrici andranno direttamente agli ottavi, mentre le seconde classificate sfideranno le terze dei gruppi Champions per guadagnarsi gli ottavi.

Pietro Mecozzi

13 Commenti

  1. L’editoriale del sito, scrive che per dare una svolta e un cambiamento, serve una rivoluzione culturale. Io ci aggiungo, in merito nostro: 1) Esorcista anti infortuni. 2) Parroco per benedizioni giocatori. 3) Campagna acquisti, se non stellare e faraonica, per lo meno presentabile, per una stagione dignitosa. 4) Titolari inamovibili per le tre competizioni (Coppa Italia, campionato, Conference League).
    5) Niente primedonne e il primo che si lamenta, dal senatore al giovane primavera inesperto di 16 anni, panchina per 4 domeniche consecutive. 6) Pugno d’acciaio di Mourinho per TUTTI.

  2. Competizione he si deve vincere tolto il Tottenham il resto è fuffa.Spero che piu di metà squadra vada a fare i pastori e si tengano solo i tre terzini mancini fuzato kumbulla troppo brutto per essere questo ibanez veretout zaniolo miki e il faraone il resto ciaone a dimenticavo darboe

  3. Colossale buffonata dell’ infame uefa. Un altro mezzo per avere soldi ed infortuni. Che vergogna. W LA COPPA DELLE COPPE !

    • È vero la nostra bacheca talmente pullula di trofei in ambito internazionale che non sappiamo più dove metterli… mah meglio che mi fermo qui altrimenti rischio di diventare scortese.

    • Strano che per la società sta Conference non è proprio un cancro, se non altro tante partite possono servire a compensare i lauti guadagni. Se ci eliminano al 1° turno la squadra si potrebbe sfaldare come nel passato lontano e recente. Tanto i giocatori si sa, meno giocano e più indolenti diventano, non è che danno di più, anzi.

  4. Ma che è la fiera del P-boy? Scusate ma cosa abbiamo vinto mai nella nostra storia? Niente. Facciamo pure i sofisticati? Pensiamo di essere già in finale? Ma per piacere. Pedalare, sudore e pensare partita dopo partita, non sarà facile e ci vuole impegno massimo. Se vuoi vincere. Tutto il resto è… P-boy!

  5. se c’ era ancora Fonseca, credo proprio che potevamo TRANQUILLAMENTE aspira’ ( e scommeterci ..) al settimo posto pure in Confederation Cup o Confidence Cup o Conference Room o Conference League o come caspita se chiama ..

  6. Ma l’editorialista è connesso oppure sta parlando di un’altra realtà o di un’altra squadra? Potremo anche diventare una squadra accettabile, ma per il momento siamo quelli che hanno sofferto e spesso perso con Benevento, Spezia , Cagliari etc. Ad oggi immaginare che battiamo Tothemam, Feyenoord etc è fantascienza

Comments are closed.