26 Gennaio 2021

La Roma e il triste record delle panchine: in Europa è seconda con 14 cambi di allenatore in 18 anni

Foto Tedeschi

romanews-roma-juventus-paulo-fonseca-olimpico-panchina

ROMA PANCHINA CAMBI RECORD – La Roma e gli allenatori, una storia lunga e travagliata, ma soprattutto ricca di addii. Sky ha stilato una classifica dei top club europei che hanno cambiato più tecnici a partire dall’estate del 2003. Al primo posto c’è il Real Madrid, con 16 allenatori in 18 anni. Il club della capitale si trova invece in seconda posizione con Chelsea e Inter, a quota 14 cambi. Questo l’elenco completo dei tecnici che si sono seduti sulla panchina giallorossa in questo arco di tempo:

  • Völler (post Capello e inizio stagione con Prandelli, 2004) – 5 panchine
  • Delneri (2004-2005) – 31 panchine
  • Conti (2005) – 15 panchine
  • Spalletti (2005-2009) – 224 panchine
  • Ranieri (2009-2011) – 84 panchine
  • Montella (2011) – 16 panchine
  • Luis Enrique (2011-2012) – 41 panchine
  • Zeman (2012-2013) – 25 panchine
  • Andreazzoli (2013) – 17 panchine
  • Garcia (2013-2016) – 118 panchine
  • Spalletti (2016-2017) – 75 panchine
  • Di Francesco (2017-2019) – 87 panchine
  • Ranieri (2019) – 12 panchine
  • Fonseca (2019-presente) – 74 panchine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

9 commenti

  1. luperque ha detto:

    Senza Dzeko Allegri non verrà mai!

  2. Artemisio ha detto:

    Fonseca come la crapa pelata?

  3. Saturninofer ha detto:

    Al netto del fatto che a Roma, ma non solo qua però, anche se in altre realtà è meno frequente come cosa, la piazza è umorale e magari contesterebbe anche Klopp se non ottiene subito risultati, o se li ottiene è poi smette di ottenerli, come sta succedendo a Liverpool quest’anno, che cosa sta a significare questo report di Sky? Alcuni allenatori andavano tenuti a prescindere? Gli si doveva dare più tempo ad uno come Andreazzoli ad esempio che dopo la sciagurata finale di coppa Italia in conferenza stampa dice: “dispiace perché ci è mancata la ciliegina sulla torta”? Le statiatiche pure e semplici, senza un minimo di contestualizzazione lasciano il tempo che trovano. Forse, anzi probabilmente possono indicare un lavoro inadeguato da parte delle varie dirigenze che si sono susseguite. Anche se quattro anni de Spalletti non stanno sullo stesso piano del Zeman bis o de Luis Enrique.

  4. alberto ha detto:

    ma ci credo vanno a pescare solo somari che vendono come profeti, poi si accorgono che non valgono una mazza ed è logico provare a cambiare…11 anni di questi americani e non sono riusciti a prendere un allenatore che si possa definire tale! basta guarda che fino hanno fatto zeman, spalletti, di francesco, garcia etc etc, qui a roma erano come messia (se li criticavi eri della lazie) ed ora? – questo somaro di fonseca è solo il prossimo della lista, NON vincerà mai. ma tanto basta entrare tra i primi 4 giusto? a me che sono tifoso deve bastare questo???? ma chi se ne frega di arrivare tra i primi 4…basta però al presidente così prende i diritti tv della champions, a questi come a pallotto non frega una mazza della roma calcio..vediamo se lo capite…

    • Toninho Cerezo (ex MaxP) ha detto:

      Spalletti ha fatto bene ovunque è andato, sempre con buone squadre, ma mai con squadre di campioni. Conte con l’Inter ha ottenuto gli stessi risultati di Spalletti.

  5. Forza Roma ha detto:

    Il problema è che si tratta di tecnici scarsi? Ad eccezione di Spalletti (se n’è andato lui) e, forse, di Enrique (vincere col Barcellona però è facile)… Mi dite infatti di quelli cacciati chi ha fatto poi una carriera brillante?
    Morale della favola : scegliete bene gli allenatori per favore!

    • Toninho Cerezo (ex MaxP) ha detto:

      Spalletti nun se n’e annato, l’anno cacciato una parte della tifoseria e i radiaroli, creandogli un clima infame. Ve raccontate sta barzelletta forse perché un po’ ve vergognate, de ave cacciato uno dei migliori allenatori, vincenti (2 coppe italia e una supecoppa), della Roma.

  6. D.M. ha detto:

    Dite quello che volete ma il migliore resta Spalletti almeno le sue squadre avevano un impronta di gioco e poi centra sempre gli obiettivi ed era competitivo ricordiamoci almeno 2 scudetti rubati.
    Il resto tutti mediocri sia Garcia che Luis Enrique (con quella rosa del Barcellona vincevano tutti)