27 Ottobre 2010

L´AVVERSARIA: il LECCE. La Roma contro un attacco ´romano´ e una difesa indifesa

Pubblicato il 26/10/2010:
 
Chi l’avrebbe mai detto, prima dell’inizio del campionato, che dopo l’ottava giornata di Serie A il Lecce di De Canio si sarebbe trovato a +2 sulla squadra che appena cinque mesi fa aveva sfiorato lo Scudetto? Sabato prossimo, nell’anticipo dell’Olimpico (calcio d’inizio alle ore 18.00), la Roma di Ranieri dovràbattere la squadra pugliese per porre fine a questa stranezza del calcio, ma soprattutto per ricordarsi di essere ancora una “grande”. IL FIDO DE CANIO – Neopromossi in Serie A, i salentini hanno come unico obiettivo stagionale la salvezza. Per raggiungere questo traguardo, il presidente Semeraro si è affidato ad un tecnico ormai di casa, Luigi De Canio, già artefice della retrocessione del Lecce una stagione fa, ma anche della pronta risalita dei pugliesi nel massimo campionato. In Serie A il tecnico di Matera vanta salvezze sofferte come quelle con Reggina e Siena, ma anche un’avventura ben più gratificante all’Udinese. Fu lui, infatti, a guidare i friulani ad un ottimo 8’posto nella stagione 99-2000, vincendo poi la Coppa Intertoto e raggiungendo così la qualificazione in Coppa Uefa. Quell’Udinese era formata da giocatori importanti, come Jorgensen, Fiore, Locatelli, Muzzi e un giovane regista cileno di nome DAVID PIZARRO. L’anno successivo De Canio fu esonerato a campionato in corso e a sostituirlo fu un altro personaggio caro ai colori giallorossi, Luciano Spalletti. VOLTI NUOVI&VOLTI NOTI – Durante il calciomercato estivo, la società pugliese ha rinforzato notevolmente la squadra che a maggio aveva raggiunto la promozione dalla Serie cadetta. Il presidente Semeraro ha deciso di puntare quasi tutto su un rinnovamento del reparto offensivo. Sono stati ceduti i soli  Marilungo, Angelo e Baclet, mentre sono arrivati alcuni pezzi da novanta  come Olivera, Chevanton, Di  Michele e Jeda. Proprio David Di Michele,  originario di Guidonia e solo pochi mesi fa vicino alla Roma, è tornato in Salento dopo una stagione deludente al Torino e sembra aver ritrovato la sua verve. L’attaccante romano è attualmente  il capocannoniere del  Lecce con due reti, insieme ad un altro capitolino,  l’ex  giallorosso Daniele Corvia, che l’anno scorso in Serie B  ha realizzato ben 17 reti in 35 partite.    TATTICA – Fino a questo momento della stagione, il Lecce si è schierato solitamente con un propositivo 4-3-2-1,  che  prevede Corvia unica punta (in alternativa il nigeriano Ofere,  autore di un gol nell’ultima partita vinta per 2-1 contro il Brescia e fresco di convocazione in Nazionale),  con alle spalle l’estro e la vivacità  di Di Michele e dell’ex juventino Ruben Olivera. In alcune occasioni De Canio ha  preferito invece un 4-2-3-1 ancora più offensivo, con Chevanton (o Jeda), Olivera e Di Michele dietro a Corvia.  Non vanno poi sottovalutate le doti in fase di spinta di Vives e Munari sulla fascia destra e del nazionale algerino Mesbah sulla sinistra. Un discorso a parte merita Guillermo Giacomazzi, il capitano dei giallorossi ed autentico cuore del gioco  pugliese. Il 33enne uruguaiano, da dieci anni  con la maglia del Lecce (tranne una parentesi di un anno a Palermo ed Empoli),  è un centrocampista completo, che unisce grinta, qualità in fase di regia e gran tiro dalla distanza.  PUNTI DEBOLI – Come dimostrano i nomi sopra citati, dal centrocampo in su il Lecce è una squadra  imprevedibile e di qualità, che può creare diversi problemi  ad una difesa, quella romanista, che non si è certo  contraddistinta per solidità  e compattezza in questo avvio di stagione (12 gol subiti in campionato). Ma il reparto arretrato leccese è riuscito a far peggio, incassando ben 13 reti nelle prime 8 giornate e dimostrandosi così il  vero punto debole della squadra di De Canio. Potrebbero approfittarne il solito MARCO BORRIELLO, oppure FRANCESCO TOTTI, ancora alla ricerca spasmodica del primo gol stagionale, o anche MIRKO VUCINIC, che nel Lecce di Zeman realizzò la bellezza di 19 gol (suo record personale) nella stagione 2004-2005, entrando così nel cuore di tutti i tifosi salentini. SUBITO A LAVORO – Dopo la vittoria casalinga contro il Brescia, il Lecce è tornato ad allenarsi lunedi in vista della sfida di Tim Cup di mercoledi sera contro il Siena,  sempre al Via del Mare. Al momento, mister De Canio ha tutta la rosa a disposizione per la sfida di sabato contro la Roma, ad eccezione del difensore centrale Fabiano, out per una frattura all’ulna del braccio destro.    CLASSIFICA – Il Lecce si trova attualmente al settimo posto in graduatoria con 11 punti,  10 dei quali sono stati ottenuti in casa. Il ruolino nelle partite casalinghe dice 3 vittorie  e 1 pareggio. Lontano dalle mura amiche, però, il  risultato è l’opposto, 1 pareggio e 3 sconfitte,  con 2 gol fatti e 11 subiti. C’è da dire che nelle prime quattro  trasferte di campionato i pugliesi hanno affrontato due “grandi” come Milan e Juventus, ma in entrambe le  occasioni il risultato è stato perentorio: 4-0. Sarebbe già questo un ottimo motivo per ricordare alla Roma di essere ancora una “grande”.     
Federico Antonio PetittoUS LECCECittà: Lecce (95.263 abitanti)Fondazione Club: 1908Rifondazione: 1927Presidente: Pierandrea SemeraroStadio: Via del Mare (33.876 posti)Sito web: www.uslecce.itROSA: (in evidenza i nuovi acquisti; l’appartenenza alla nazionale è basata sulle ultime convocazioni in ordine cronologico) ALLENATORE: Luigi De CanioPORTIERI 22 – Antonio Rosati (ITA)25 – Davide Petrachi (ITA)81 – Massimiliano Benassi (ITA)DIFENSORI14 – Medina Da Silva Fabiano (BRA)3 – Alberto Giuliatto (ITA)13 – Stefano Ferrario (ITA)28 – Davide Brivio (ITA)2 – Giulio Donati (ITA)4 – Franchin Schiavolin Gustavo (BRA)6 – Tore Reginiussen (NOR)5 – Simone Sini (ITA)30 – Souleymane Diamoutene (Naz.MAL)33 – Andrea Rispoli (ITA)CENTROCAMPISTI18 – Guillermo Giacomazzi (URU)8 – Gianni Munari (ITA)20 – Giuseppe Vives (ITA)11 – Djamel Mesbah (Naz.ALG)7 – Bryan Bergougnoux (FRA)91 – Andrea Bertolacci (ITA)21 – Carlos Grossmuller (URU)10 – Ruben Olivera (URU)19 – Ignacio Piatti (ARG)32 – Manuel Coppola (ITA)ATTACCANTI9 – Daniele Corvia (ITA)23 – Ernesto Javier Chevanton (URU)17 – David Di Michele (ITA)27 – Capucho Neves Jeda (BRA)15 – Edward Ofere (Naz.NIG)
Probabile formazione (4-3-2-1): 22 Rosati; 33 Rispoli, 4 Gustavo, 13 Ferrario, 11 Mesbah; 20 Vives, 18 Giacomazzi, 19 Piatti; 17 Di Michele, 10 Olivera; 9 Corvia. Allenatore: De Canio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.