28 Novembre 2022

Juventus, il presidente Agnelli si dimette insieme a tutto il Cda: Maurizio Scanavino nuovo direttore generale

Clamoroso in casa Juventus. Come riporta Gianluca Di Marzio di Sky Sport, il presidente Andrea Agnelli e tutto il Cda bianconero hanno rassegnato le loro dimissioni. I motivi, però, non sono ancora ben chiari. Si va verso una nuova dirigenza, si attendono novità da John Elkann e la proprietà Exor.

Stando a quanto riporta La Gazzetta dello Sport, il coinvolgimento dell’organo nell’indagine Prisma, aperta dalla Procura di Torino con l’accusa di falso in bilancio, e le ultime contestazioni della Consob, che hanno spinto a rivedere il progetto di bilancio da approvare e far slittare per due volte l’assemblea degli azionisti (fissata adesso il 27 dicembre) hanno portato alla decisione unanime di fare un passo indietro. Si chiude quindi ufficialmente l’era Agnelli.

Pochi minuti fa, sul proprio sito ufficiale, il club ha rilasciato un comunicato. Secondo la nota diffusa dalla società, “il Consiglio ha richiesto a Maurizio Arrivabene di mantenere la carica di Amministratore Delegato. In ragione di quanto precede, è venuta meno la maggioranza degli Amministratori in carica e, pertanto, ai sensi di legge e di statuto, il Consiglio di Amministrazione deve intendersi cessato. Il Consiglio proseguirà la propria attività in regime di prorogatio sino all’Assemblea dei soci che è stata convocata per il 18 gennaio 2023 per la 3 nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione (eccezion fatta per l’amministratore Daniela Marilungo che ha rassegnato le proprie dimissioni con dichiarazione separata; cfr. infra per ulteriori informazioni).

“Juventus continuerà a collaborare e cooperare con le autorità di vigilanza e di settore, impregiudicata la tutela dei propri diritti in relazione alle contestazioni mosse contro i bilanci e i comunicati della Società dalla Consob e dalla Procura». Si segnala, prosegue il club «ai sensi dell’Articolo IA.2.6.7 delle Istruzioni al Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A., che: – con riferimento alle dimissioni della dottoressa Daniela Marilungo, la stessa ricopriva la carica di consigliere non esecutivo e indipendente della Società, nonché di membro del «Comitato Controllo e Rischi» e del «Comitato ESG» di Juventus. La dott.ssa Marilungo ha motivato le sue dimissioni sostenendo l’impossibilità di esercitare il proprio mandato con la dovuta serenità e indipendenza anche, ma non solo, per il fatto di ritenere di non essere stata messa nella posizione di poter pienamente «agire informata» a fronte di temi di sicura complessità. Il Consiglio di Amministrazione ha preso nota dei commenti della dottoressa Marilungo, non condividendoli”.

“Ciononostante il Consiglio di Amministrazione ringrazia la dottoressa Marilungo per i suoi sette anni in Juventus; – sulla base delle comunicazioni effettuate alla Società e al pubblico, né la dott.ssa Marilungo né gli altri consiglieri risultano detenere, alla data odierna, azioni Juventus, ad eccezione di Andrea Agnelli, che detiene alla data odierna n. 96711 azioni Juventus”

Infine, “il Consigliere Giorgio Tacchia è stato nominato quale componente del “Comitato Controllo e Rischi” in sostituzione di Daniela Marilungo. Sulla base delle comunicazioni effettuate alla Società, il dottor Scanavino non risulta detenere, alla data odierna, azioni Juventus”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 commento

  1. Daniele ha detto:

    La grande fuga