JUVE INCHIESTA BILANCIO – La Guardia di finanza di Torino giovedì avrebbe acquisito nella sede della Juve documenti relativi a plusvalenze e movimenti di mercato degli ultimi tre anni, lo riferisce Corriere.it. Nell’articolo si legge infatti che “per falso in bilancio e false fatturazioni sono infatti indagati il presidente Andrea Agnelli, il vice, Pavel Nedved, l’ex direttore sportivo Fabio Paratici (oggi al Tottenham) e altri tre dirigenti ed ex dirigenti bianconeri dell’area finanziaria. In base alla legge sulla responsabilità delle società, la stessa contestazione è mossa al club.”. Si tratterebbe di movimenti per circa 50 milioni di euro. E l’inchiesta sarebbe arrivata solo dopo accertamenti della Consob e della Covisoc avvenuti settimane fa.

5 Commenti

  1. Era solo questione di tempo, visto che già si sapeva delle indagini di Consob e covisoc.
    Non credo proprio che le contestazioni riguardino solo la Juve ma se il tema sono le plusvalenze ad essere coinvolto è l’intero sistema calcio.
    Anche in questa classifica cmq i gobbi sono arrivati i primi! 🤣

  2. La Juve è stata beccata con le mani nella marmellata perchè è quotata in Borsa. Infatti sembra che la segnalazione delle Plusvalenze fittizie sia partita dalla Consob e l’abbia trasmesso alla Covisoc.
    Sarebbe curioso sapere se alla Covisoc sapevano tutto e non abbiamo mosso un dito per via degli intrallazzi
    di Potere che ci sono in Federazione e in Lega….. Chissà se Lotito stara tranquillo, perchè un altra società quotatat in Borsa è la Lazie. Per la nostra benamata Roma possiamo stare tranquilli perchè, anche per una semplice scorreggia fatta dal magazziniere di Trigoria, la notizia sarebbe uscita all’istante.

Comments are closed.