26 Agosto 2022

Juventus-Roma, Mourinho: “Matic prenderà il posto di Zaniolo. Felix non sarà convocato. Il girone di Europa League è tosto”

La conferenza stampa per Roma-Monza, invece, salterà a causa delle due gare troppo ravvicinate tra loro

Oggi, venerdì 26 agosto, alle 15, presso la sala stampa del Centro Sportivo Fulvio Bernardini, si terrà la conferenza stampa di mister José Mourinho alla vigilia dell’atteso match di campionato contro la Juventus. Lunedì 29 agosto non è prevista invece la conferenza stampa pre-Monza, in scia con quanto già fatto dal tecnico portoghese nella scorsa stagione, durante la quale ha scelto di non parlare con i giornalisti in occasione di gare ravvicinate.

La conferenza stampa

Come arriva la squadra alla partita di domani? Un’opinione sul sorteggio di Europa League?

“E’ una grande partita contro una grande squadra, che vuole vincere lo scudetto. Ma è una di 38. E’ una buona partita da giocare, dipende dalla tua prospettiva. Giocare contro una grande è una difficoltà e una motivazione. Noi cerchiamo di prenderla in modo equilibrato. E’ difficile, ma è bella da giocare e vogliamo giocarla. I sorteggi? L’Europa League è sicuramente una competizione difficile, con squadre che devono vincere, altrimenti per loro sarebbe un disastro, con il loro potenziale economico e sportivo. Noi andiamo passo passo, ovviamente parliamo di un gruppo che secondo me non è facile. Il Betis ha vinto la coppa, ha un allenatore top e una squadra che gioca benissimo, è una squadra di alto livello. Ho giocato credo due anni fa contro il Ludogorets, non è una squadra facile, vince praticamente sempre il proprio campionato. Helsinki non conosco, però l’evoluzione delle squadre del nord Europa è molto visibile, è incredibile, è la prima volta che gioco in Finlandia, con grande piacere, curiosità e rispetto. Purtroppo un altro campo di plastica, ma sappiamo che può succedere. Spero avremo fortuna di giocare lì presto e non a novembre, perché sarebbe doppiamente duro”

Corriere dello Sport: Contro la Juventus è una partita che sente più delle altre?

“E’ sport. Per me ogni partita ha la stessa vigilia con la stessa routine, non cambia assolutamente niente. Andare a Torino l’ho fatto tante volte ma si tratta di una gara isolata”

Gazzetta dello Sport: Domani sarà una partita particolare per Dybala. Che consiglio sente di dargli?

“Nessuno. Dybala è un ragazzo con tanta esperienza e parliamo molto tra di noi. Il controllo delle sue emozioni non dipendono da me. Da come ha lavorato in questi giorni, non ho visto niente di diverso. Sarà sicuramente emozionato, ma mi aspetto una gara normale da lui”

La Roma ha una pessima tradizione allo Stadium, c’è un aspetto psicologico che va curato particolarmente?

“Pensare che ogni partita è una partita isolata, questa Juve-Roma non ha nessuna connessione con l’ultima nè con la prossima. È un evento isolato. Il passato e il futuro non hanno nessuna connessione. Dal punto di vista psicologico possiamo preparare la squadra al meglio, però lo facciamo sempre. Non è che cambia qualcosa per la partita con la Juve. È la normalità. Non cambiamo ora in cui andiamo a dormire perché giochiamo contro la Juve. Siamo cresciuti, siamo preparati, ci siamo allenati abbastanza bene. Sappiamo quello che vogliamo fare, i giocatori sanno da due giorni chi gioca. Non c’è grande storia, andiamo lì a cercare di vincere”

La Stampa: Sia Juve che Roma hanno subito zero gol. Si aspetta una partita di grandi attacchi o di grandi difese?

“Sarà una partita tra due grandi squadre. Le squadre che prendono pochi gol sono le squadre forti. Ciò non significa che siamo perfetti, magari domani finisce anche 4-4. Chi non prende gol è una squadra che gioca bene, è una squadra di qualità”

Radio Radio: Percepisce il percorso che la Roma sta intraprendendo?

“Lo scorso anno a Torino abbiamo giocato per vincere, abbiamo giocato bene. Al di là di quello che è successo, ero contento per l’atteggiamento, non per il risultato. Oggi mi aspetto uno stesso atteggiamento. La Roma deve provare a vincere. Non andiamo a giocare per il pareggio, vogliamo vincere domani. Andremo lì per vincere, se poi perdiamo perderemo”

Teleradiostereo: C’è già una griglia dei rigoristi per domani? Felix sarà convocato?

Se ci sarà domani abbiamo deciso chi lo tirerà, ma non è una decisone per tutta la stagione. Dipende dalle nostre analisi dei rigoristi, prendiamo la decisione prima della partita. Non dirò chi è altrimenti Perin e Szczesny possono guardare come li tirano, invece così sono 4-5 i potenziali. Dybala? Magari tira diversamente. Per Felix, esiste una possibilità altissima che possa essere trasferito e non vogliamo rischiare. Lui non sarebbe disponibile mentalmente per prendere rischi, per questa ragione domani non sarà convocato”

Retesport: In relazione alla stagione di quest’anno, vuole dire qualcosa sull’operato arbitrale?

“Dopo la partita posso commentare, ora prima della partita non posso commentare. Il mio principio è che ogni arbitro è bravo e che può fare bene. Non posso dare giudizi prima delle partite. Tutti gli arbitri sono top, tutti sono bravi. Dopo la partita posso fare i complimenti o dire che qualcosa non mi è piaciuto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. Massimo ha detto:

    Me raccomando, continuate a fare allenare Felix insieme ai compagni… così romperà qualcos’altro.. Se è in partenza e non è convocato, perché non lo fate allenare a parte?

  2. Giorgio ha detto:

    In effetti si pensava fosse a Cremona invece sta ancora qui