3 Aprile 2011

INTERVISTE JUVENTUS. MATRI: “Il mio gol? Doni ha allargato le gambe”

TUTTE LE DICHIARAZIONI DEL DOPOGARA DELLA JUVENTUS, CLICCA QUI per le dichiarazioni della ROMA

MATRI a Sky
Hai un dito steccato ma per una partita del genere può valerne la pena

“Si tanto non è nulla di grave. Siamo contenti per il risultato e la prestazione e per come abbiamo gestito il risultato. Abbiamo giocato sempre come se fossimo sullo 0-0”
Del Neri ha detto che “Matri è un terminale fantastico”
“Lo ringrazio molto. Quest’anno sono contento perchè la cose stanno andando bene per me. Speriamo di chiudere al meglio questo campionato”
Ti aspettavi di inserirti così in fretta nella Juventus e in Nazionale?
“No sinceramente ha stupito anche me perchè quello che succedendo mai lo avrei immaginato così in fretta. Ho sempre creduto nei miei mezzi e lavorato ma quest’anno sono arrivate un po’ in fretta. Ma è piacevole”.
Sul gol il pallone è passato sotto il piede di Doni. E’ sembrato quasi un tiro sbagliato
“Lo volevo allargare di più, però ho visto che ha allargato le gambe. Non ci credete (ride n.d.r). Ha allargato le gambe ed è andata bene così”.

MARCHISIO a Mediaset Premium
La Juve stasera ha giocato da squadra vera..
“E’ stata un’ottima prestazione da parte di tutti, specie di Grosso che non giocava da un po’e che oggi ha fatto una grande partita. Abbiamo resistito fino alla fine e siamo stati bravi a portare a casa la vittoria”.
Dopo una vittoria come questa aumenta il rammarico per le occasioni perse precedentemente?
“Si certo ma ora dobbiamo pensare di partita in partita, pensiamo alla prossima contro il Genoa che non sarà facile”.
Che obiettivi avete adesso?
“Pensiamo a vincere le partite una alla volta e poi vedremo dove arriveremo”
Oggi eri anche capitano, hai fatto una partita importane , sei il leader del futuro per la Juve?
“Prima della partita ero molto teso, non mi aspettavi di essere capitano, poi alla fine è andato tutto liscio, ho temuto solo negli ultimi minuti perché ho rischiato di prendere il secondo cartellino giallo”
Si parla anche molto di mercato per te..
“La mia voglia è di stare qui, con questa squadra ma soprattutto di tornare a vincere con questa società”.

STORARI a SKY
Quando hai saputo di dover giocare?
“L’ho saputo tardi però io immagino sempre di dover giocare. Cerco sempre di essere pronto”.
La tue parole fondamentali come i gol. Qual’è stata la più difficile?
“Fosre quella su Totti in cui sono stato bravo a chiudere subito ma anche fortunato perchè sono sbattutto sulla palla e non è entrata”
Un anno fa con le tue parate hai tolto lo scudetto alla Roma e oggi probabilmente le togli un posto in Champions
“Non voglio sembrare presuntuoso ma penso che da un paio d’anni a questa parte ho reso tristi molti tifosi di tante squadre diverse”.

STORARI a Mediaset Premium
Chissà che la Roma non decida ti prenderti, tu che sei un tifoso della Roma quando vedi la tua squadra ti esalti..
“Si, sono stato tifoso della Roma ma sto veramente bene alla Juve e spero di ritagliarmi il mio spazio”
Stasera hai giocato a sorpresa e hai fatto una grandissima partita..ci può essere un posto fisso per te?
“Deciderà il mister, io faccio di tutto per giocare, solo un cieco non vedrebbe quello che sto facendo e spero che il mister non sia cieco”
La parata più bella di stasera?
“Sul tiro di Totti, è la parata che ricorderò più volentieri”.

DELNERI a Sky
La partita di oggi è sembrato il replay di Roma-Sampdoria dello scorso anno.
“Sempre in partite molto importanti. Anche con la Samp era fondamentale. E anche questa visto che venivamo da un periodo difficile e volevamo il risultato che è arrivato”
Ha usato il tridente questa sera
“Abbiamo provato prima il 4-5-1 e poi il 4-1-4-1 ma Matri era troppo solo. Abbiamo cambiato in corsa avvicinando Krasic e Pepe a Matri che è fantastico quando deve fare il terminale offensivo”
Matri terminale fantastico. Che cosa ha di particolare lei che ha allenato anche Pazzini?
“Ha più profondità di Pazzini che in area di rigore è fantastico. Anche sul gol ha fatto uno scatto e un gol bellissimo. Noi abbiamo preso un ottimo giocatore. Pazzini e Matri sono terminali ma con caratteristiche diverse. Matri è più freddo, Pazzini è più bravo nel girarsi ma sono entrambi giocatori dal 16-17 gol a stagione”
Grande partita di Grosso
“Fabio è due settimane che si allenava. L’ho visto in netta crescita negli allenamenti e molto motivato. L’ho visto bene ed ero sicuro che avrebbe fatto una prestazione del genere. Uno che ha vinto il mondiale non può diventare un estranero nel calcio. Anche Motta ha contenuto molto bene Vucinic dando una mano all’esterno alto”
Storari ha fatto una grande partita anche se è sembrato un po polemico nel finale
“So cosa ha detto. So che lui ha una gran voglia di giocare. Oggi ha dimostrato di essere un vero uomo, che lavora. Lo ringrazio per oggi”.

DELNERI a Mediaset Premium
Lo scorso anno grande vittoria con la Samp contro la Roma, quest’ anno alla guida della Juve un altro successo contro i giallorosso. , grande risultato.
Il mio è un gruppo fanststico che lavora bene, siamo in grado di battere chiunque ed a volte paghiamo dazio. Con questo spirito, se la squadra non ha intoppi, faremo bene fino alla fine.
Si è imbufalito durante il primo tempo con Krasic…
Lui andava via spesso da solo e noi avevamo preparato la gara sugli esterni. Abbiamo trovato il gol, il primo, in questo modo. Lui sta imparando al primo anno in Italia e si è messo al servizio della squadra per essere un giocatore completo.
Cosa fare con Storari? E se volesse andar via l’ anno prossimo?
Abbiamo due portieri fantastici, lui è importante per la Juventus. Non credo che andrà via, è un uomo serio, che lavora bene ed è importante per lo spogliatoio.. Lui ha un contratto con la uventus e dovrebbe pensarci due volte prima di andare via.
Sulla frase che ha detto “solo un cieco non vede cosa sto facendo…”, come commenta?
Io ci vedo molto bene, so di avere due ottimi portieri. Lui mi dice sempre che si allena con tanta dedizione ma io ho da fare una decisione importante con due giocatori ottimi, come con altre persone in altre ruoli. Come con Motta che oggi è andato benissimo. Giocatori così me li tengo ben stretti ed il rapporto umano con loro è sincero.
Sognate ancora il quarto posto?
Dopo oggi ci siamo avvicinati di più all’ Europa ma no è facile. Abbiamo molti incontri difficili e tanta strada da fare. Lavoreremo sempre con grande intensità e raccvogliamo gli applausi di tifosi perché è giusto così.
Come mai la Juventus contro i grandi club fa delle grandissime partite e contro le medio-piccole si perde?
Quando un gruppo cambia molto, come il nostro, va incontro a delle situazione sconosciute. Può capitare qualsiasi cosa, contro le piccole squadre è comunque sepre difficile giocare. Questa Juventus può mettere le basi per un prossimo anno importante dopo quest’ anno di difficoltà. Siamo consapevoli che stiamo lavorando bene ma anche che ci vuole del tempo per trovare gli ingranaggi giusti. Stiamo parlando tra l’ altro di un club che fornisce alla Nazionale diversi calciatori… I più giovani che giocano in questo gruppo devono imparare a confrontarsi con la nostra realtà e a sopportare le pressioni.
Grande partita tatticamente della Juventus, il ruolo fondamentale è stato di Felipe Melo a centrocampo, così come Matri e Grosso, senza tralasciare gli altri.
E’ stata la voglia che ci ha portato a questo successo, la voglia di tutti però. Oggi Grosso ha fatto fare un goal a Krasic da esterno puro ed allo stesso tempo ha chiuso benissimo sull’ attacco giallorosso. Adesso strutturalmente e tatticamente bbiamo trovato l’ equilibrio giusto. Il campionato è ancora lungo e difficile ma possiamo fare qualcosa di importante.
Felipe Melo su Twitter le ha dedicato la vittoria.
Mi fa assolutamente piacere. Nel gruppo c’è grande intesa e siamo molto uniti, stiamo crescendo e sono contento della rosa”.

DELNERI in conferenza stampa
Una Juve che non ha sbagliato niente…
“Si ha giocato bene anche chi giocava meno, complimenti a Grosso e Motta che hanno spinto e giocato, Grosso ha giocato alla grande, ci ha fatto vedere quello che ha proposto ai mondiali, ho fiducia in lui e in altri giocatori. Chi ha i piedi deve giocare, e così ho fatto. Abbiamo avuto grande equilibrio”.
Una Juve che è Juve solo con le grandi…
“Quando si fa una casa non si può ottenere tutto e subito, ci vuole tempo dobbiamo abituarci a lottare con ogni squadra e con squadre che hanno bisogno di punti, qui vincere è d’obbligo, se perdi ti mandano saette e fulmini, il campionato è molto complicato, ci sono gare che si ribaltano e che vanno come devono andare. Noi potevamo fare qualcosa di più ma se dimostriamo di reggere con le grandi, con un po’ di tempo le cose cambieranno. Abbiamo dato sette giocatori alla nazionale e dobbiamo crescere, tutti quanti. Abbiamo pagato anche questo e sappiamo che possiamo battere le grandi e dobbiamo stare sereni quando si gioca con le piccole in cui è obbligatorio per noi vincere. Noi dobbiamo sempre dare il massimo”.
Una vittoria cominciata dalla difesa e poi un ottimo Grosso….
“Era un trequartista una volta, il piede ce l’ha lo sappiamo. La difesa si è posta bene aiutando anche l’attacco, ha dato una scrematura in avanti accompagnando l’azione sempre. E’ un fatto di collaborazione”.
Storari rimane titolare?
“In questo momento qua non ho problemi in tal senso, stiamo tutti tranquilli, io farei giocare tutti titolari”.

LE DICHIARAZIONI DEL PREGARA

MAROTTA a Sky
La Juventus può arrivare in Champions?

“Onestamente abbiamo il dovere di difenderci fino in fondo anche se i punti ci vedono lontani. Dobbiamo sperare in una catastrofe delle squadre che ci stanno davanti. E’ abbastanza difficile ma abbiamo l’obbligo di difenderci”.
Tante le assenze
“Sono undici: Buffon, Iaquinta, passando per Del Piero e Chiellini, Quagliarella e Sissoko. E’ un periodo negativo sotto questo punto di vista”.
Buffon ha detto che vuole parlare con lei per conoscere il suo futuro. Qual’è il nodo?
“Con Gigi parliamo spessissimo. Con Martina (il procuratore del giocatore n.d.r), ho un rapporto d’amicizia che ci lega da motli anni. Buffon è un patrimonio della Juventus e non abbiamo intenzione di cederlo. Tutto quello che si è letto credo sia stata solo fantacalcio. Non devo smentire nulla perchè a pieno titolo Buffon è un nostro giocatore e lo sarà anche in futuro”
E’ fantasia invece l’interesse della Juventus per Vucinic e Menez?
“Credo sia inopportuno parlarne adesso, per quanto riguarda i piani futuri ne parleremo più avanti. Sicuramente si tratta di due giocatori molto validi. Con tutto il nostro rispetto crediamo che la Roma farebbe bene a tenerseli stretti”.
Vucinic lo considerate un “top player”?
“Adesso è difficile che mi pronunci sotto questo punto di vista perchè è un buon giocatore ma della Roma. Top Player significa identificare i migliori giocatori in circolazione, ovviamente considerando un maggiore esborso economico. Non mi sento di catalogare Vucinic”.

DELNERI a Rai Sport
“Ho detto crediamo nell’Europa, sembrava una Battuta ma oggi si è assottigliato il distacco. Se la squadra si convince…”
Parttia perfetta, primo tempo sofferto, meglio nel secondo. Tanti interventi su Krasic e Pepe
“Due giocatori che fanno la differenza, abbiamo cominciato col 4-5-1, poi ho preferito spostare Krasic punta”.
La duttilità di questi giocatori compromette il ruolo di Del Piero?
“No, Del Piero non si discute”.
Storari?
“Non avevo dubbi, sono giocatori di grande livello. Poi lui sa che ha la mia stima, è un grande portiere e un grande uomo, mi dispiace che resti fuori ma tra lui e Buffon scegliere è un bel da fare
E’ cambiato tutto con il modulo 4-4-2
“Non abbiamo calciato in porta, ma siamo usciti molto bene, anche la Roma che è una squadra in salute ha tirato da 70 metri. Abbiamo sofferto e ne l seocndo tempo la sqaudra si è espressa meglio, meritando di fare due gol”.
Perché il cambio di modulo?
“Personalmente pensavo che Vucinic e Menez non rientrassero, ho preferito dare un aiuto a Matri che era da solo. Krasic e Pepe si adattano benissimo a cambiare ruolo”.
Partita d’orgoglio, come spieghi questi momenti?
“Più che orgoglio esperienza. Spesso non siamo stati pronti in tante occasioni, ma dobbiamo abituarci a giocare a certi livelli e a subire le pressioni, nessuno costruisce in breve tempo. Tanti infortuni e la sfortuna ci hanno condizionato”.
Non manca un po’ di qualità?
“Non dobbiamo pensare di cambiare tutto subito, non è semplice. La Juve si guarda in giro e ogni hanno migliorerà su questo aspetto”.

LE DICHIARAZIONI DEL PREGARA

BARZAGLI a Sky
Avete studiato la formula con cui imbrigliare Totti?

“Sicuramente abbaimo studiato la Roma. Loro hanno molta qualità davanti. L’abbiamo vista in vari video e siamo preparati. Speriamo di fare un abuona partita”.
Montella gioca con Vucinic e Menez larghi per aggredirvi sugli esterni
“Non è la prima volta che la Roma gioca con questo sistema. Noi siamo pronti a tutto e molto dipenderà dall anostra difesa”.
Ci credete ancora al quarto posto?
“Ci crediamo ed è normale che sia così. Quando giochi a calcio ci devi sempre credere. Sicuramente è una partita importante per tutte e due le squadre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *