romanews-roma-paulo-fonseca-stadio-olimpico
Foto Tedeschi

ROMA MANCHESTER UNITED – Quanti rimpianti per quel secondo tempo dell’Old Trafford buttato via! La Roma all’Olimpico, ancora stordita dalla sbornia per l’annuncio di Jose’ Mourinho, nel return match salva almeno l’onore. Complice un Manchester molto disattento, nel primo tempo Pellegrini e compagni collezionano una serie di occasioni limpidissime per far gol, poi però in vantaggio ci vanno i Red Devils con il solito Cavani.

Roma tra rimpianti e sfortuna

Solo nei primi 45 minuti i giallorossi hanno tirato verso la porta 9 volte, più di ciascuna delle precedenti tre partite in Europa League in cui non ne aveva mai realizzati più di sette nell’intero match. E’ la Roma di quest’anno è già stata capace in altre due occasioni di chiudere in svantaggio un primo tempo nel quale aveva effettuato almeno nove tiri. E’ successo con il Milan in casa e con il Parma fuori. Poi il gol dell’1-1 di Dzeko sotto porta, il raddoppio di Cristante e l’esordio con rete del giovane Zalewski. Tre gol strameritati perché non si può certo dire che la Roma non ci abbia provato. Certo, tirare tanto se poi non si riesce a concretizzare è un puro esercizio di stile.

Roma – Manchester United con la maledizione degli infortuni

Anche Pedro, desaparecido del girone di ritorno, nell’ultima passerella europea di stagionale ha suonato uno squillo di tromba, tra i più positivi dei suoi. Come all’andata però, Fonseca è finito ancora preda della maledizione degli infortuni. Questa volta a pagare dazio è Smalling, costretto a lasciare a metà del primo tempo il posto al giovane della Primavera Darboe, e Bruno Peres capitolato nella ripresa. E così con una Roma incerottata, già scesa in campo con la formazione più agée della sua storia nella competizione (29 anni e 247 giorni), il portoghese si congeda dal palcoscenico europeo almeno senza perdere l’ultima battaglia, con una prestazione generosa, grintosa, dimostrando cuore e attaccamento alla maglia. Perché la maglia va sempre onorata!

GSpin

9 Commenti

  1. Di più da questa partita non si poteva chiedere.
    La qualificazione era stata compromessa nel secondo tempo di Manchester.
    Duole dire che anche oggi Fonseca abbia inciso in negativo ritardando la sostituzione di Peres e favorendo in questo modo il 2-2 che ha chiuso i giochi.
    Però tutti sono usciti con la maglia sudata e dopo aver dato tutto.
    Ora voltare definitivamente pagina

  2. Bastano 2 giovani per capire quanta pochezza nei famosi “titolari” nei loro ruoli.

  3. C’è poco da commentare. Questo M.U. era battibilissimo se non ti sbracavi all’andata. Anche avessimo perso 3 a 2 ce la potevamo giocare al ritorno. E comunque vorrei ringraziare l’UEFA che come al solito predica bene e razzola male. Ha fatto un gran casino per la Superleague in nome dello sport e come al solito arbitraggio scandaloso (andata e ritorno) sempre in favore dei soliti. La semifinale col Liverpool fu totalmente pilotata. Io non dimentico

  4. A Manchester eravamo in vantaggio 2 a 1..
    E abbiamo preso tutti gol in contropiede…
    Forse sarebbe stato più ragionato aspettare e ripartire NOI in contropiede.
    Forse 2 gol te li facevano comunque,ma la qualificazione sarebbe stata apertissima.
    Capito zorro??

  5. D’accordissimo su tutto erik, ma che aria tirava si capiva bene,appena si sono ritirate dalla superlega l’uefa si è subito genuflessa con un bel ” bentornati a casa “

  6. Ma quale se e quale ma, sembra come se il 2° tempo di Manchester fosse stato un episodio sfortunato occasionale. Ma ce li siamo scordati quanti 2° tempo la Roma ha giocato in quel modo se non peggio? Perchè per avere un atteggiamento “normale” bisogna essere sempre frustati e linciati dai tifosi? Visto il loro masochismo, spero che il nuovo mister li frusti prima di ogni impegno!

  7. il secondo tempo di manchester come il 90% della stagione fallimentare è stata colpa di Fonseca allenatore recidivo e incompetente con scelte sbagliate e allenamenti inutili da 45 minuti (le partite si giocano di 90 minuti per chi non lo sapesse) per non parlare della difesa a 3 vista in tutte le salse e con una media gol subiti da RETROCESSIONE, è un grande uomo ed un signore è vero ma come allenatore il peggiore degli ultimi 40 anni e non mi sbilancio oltre perchè non c’ero. ieri è stato bravo peccato che ne ha sbagliate altre 68 di partite, DAJE MOURINHOOOO

  8. Fonseca è una persona perbene e un buon allenatore, ma quello che ha combinato a Manchester, con in ballo l’accesso alla finale, è davvero incomprensibile.
    Un errore di testarda presunzione, ordinare alla squadra di continuare a giocare come nel primo tempo invece di giocare sotto palla, facendo densità, per togliere spazi e campo al Manchester.
    Di fatto ha reso impossibile giocarci la qualificazione al ritorno, causando un danno potenziale, sportivo ed economico, di proporzioni enormi.
    Forza Roma

Comments are closed.