Foto Tedeschi

ROMA FELIX – E’ senza dubbio il nome sotto del momento in casa Roma. Felix Afena-Gyan a Genova è stato l’eroe di giornata, con la doppietta che ha regalato i tre punti ai giallorossi. Entrato a pochi minuti dalla fine, il giovane giallorosso ha trascinato la squadra con due gol, di cui uno che ha incantato il pubblico. E ora si è preso i riflettori.

Leggi anche:
Felix, parla l’agente: “Il video? Basta farne un problema, per lui non c’era nulla di male. Con Mourinho crescerà tantissimo”

Così è arrivato alla Roma

La sua bella storia con la Roma inizia in Ghana, dove un video immortalava le sue capacità calcistiche e la sua velocità. Una clip giunta fino a Trigoria, da dove hanno però richiesto un provino nella Capitale, riferisce La Gazzetta dello Sport. Sin da piccolo la mamma Juliet aveva provato a farlo ingaggiare dall’Asante Kotoko, uno dei club più famosi del Ghana che non ha però un settore giovanile. Il calcio, tra l’altro, era già nel destino del 18enne, visto che lo zio aveva intrapreso la stessa carriera, seppure con risultati più modesti. Sufficiente però a far sì che il 10 aprile 2018 Felix fosse davanti alla tv ad assistere alla storica impresa giallorossa contro il Barcellona in Champions League. E in quel momento è scattata la scintilla, il ragazzo si è innamorato della squadra di Trigoria. Trenta mesi più tardi ha convinto i capitolini con un provino, ma ha dovuto sostenerne anche altri (Atalanta e Sassuolo su tutti), perchè la società era in un momento di transizione tra Pallotta e Friedkin e non c’erano responsabili di mercato. A 4 giorni dalla fine del mercato di gennaio, poi, il via libera di Tiago Pinto. E poi ha stregato anche Mourinho, che l’ha mandato in campo diverse volte fino alla consacrazione contro i liguri. Tanto che è arrivato anche un bel regalo da parte del tecnico, con tanto di polemica social per una frase in sottofondo. Ma lo stesso Afena, con maturità, ha chiarito la faccenda. Al momento, si sta prendendo la scena a Trigoria, e, anche se al momento non si sente pronto per la Nazionale, in Ghana, quando si parla di pallone, il suo nome viene fuori con insistenza.