24 Agosto 2022

Il rientro di Bonucci la carta Miretti: ecco le mosse di Allegri per sfidare Mourinho

Sabato allo Stadium il big match tra Juventus e Roma

Mancano tre giorni al big match che andrà in scena allo Juventus Stadium. Sabato alle 18:30 i bianconeri sfideranno la Roma di José Mourinho che arriva a Torino dopo aver vinto le prime due partite di campionato.

Le mosse bianconere

Come analizza La Gazzetta dello Sport, Allegri dopo il pareggio contro la Sampdoria, in vista della Roma potrebbe studiare degli aggiustamenti. Che qualcosa non sia andato per il meglio nella Juve di Genova è stato evidente anche al tecnico livornese. Soprattutto nel primo tempo la squadra bianconera è parsa in difficoltà nella costruzione. Sui social è stata diffusa un’immagine eloquente: contro la Sampdoria, in mezzo al campo c’era un’autentica voragine popolata solo da giocatori blucerchiati.

Contro i giallorossi Max potrebbe variare i modulo, dal 4-4-2 o 4-4-1-1 al 4-3-3. Alcune soluzioni, però, presupporrebbero l’arrivo di un altro attaccante o di nuovo l’impiego di McKennie sotto punta (deludente). Difficile, invece, che si rischi Kean dal primo minuto: innanzitutto perché svuoterebbe la panchina di una delle poche armi offensive da giocarsi in corso d’opera, quindi perché la giovane punta italiana pare poco adatto da seconda punta in appoggio a Vlahovic per caratteristiche. Kean potrebbe anche essere utilizzato da esterno d’attacco, come negli ultimi 10’ con la Samp, ma a quel punto resterebbe fuori uno tra Cuadrado e Kostic, a meno di strane alchimie tattiche. La sensazione è che Allegri non si scosterà di moltissimo dal sistema di partenza visto a Marassi, per poi al limite portare correttivi nello sviluppo del match. Basterà per battere una Roma partita con due vittorie e zero gol subiti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.