Il punto di Monchi sul mercato: da Alisson a Bianda

Alessandro Tagliaboschi
26/06/2018 - 17:04

Il punto di Monchi sul mercato: da Alisson a Bianda

MONCHI PRESENTAZIONE PASTORE MERCATO – Oggi per la Roma è stato il giorno delle visite mediche e della presentazione di Javier Pastore, ottavo acquisto della squadra giallorossa in questo pirotecnico mese di giugno di calciomercato. Il ds giallorosso Monchi durante la conferenza stampa con ‘El Flaco‘ ha fatto il punto sulle situazioni di mercato:

ALISSON – Fino ad oggi, questa è la verità, non abbiamo nessuna offerta per Alisson. Il mio pensiero non può essere altro che aspettare che finisca il mondiale, speriamo per il Brasile più tardi possibile, fare il riposo che deve fare e poi tornare qui per allenarsi con i compagni. Io insisto, fino a oggi non c’è nessuna offerta, non penso ad altro che alla sua permanenza. Oggi è così, domani non lo so. Il mio lavoro non è pensare al futuro, io penso al presente. Ho letto tante cose ma al telefono del ds non è arrivata nessuna offerta, è la realtà”. 

FLORENZI – “Stiamo provando a fare il rinnovo ma non è facile perché è un calciatore fortissimo. Fino ad oggi non abbiamo trovato l’accordo ma l’idea è che resterà qui ed è condivisa con l’allenatore”.

MANOLAS E PELLEGRINI – “Ho sentito 3-4 volte Kostas, ha un ruolo da ds in futuro, gli piace tanto fare il mio mestiere. A me invece non piace fare il suo. E’ felice della squadra, tutto ciò che ho sentito da lui è di rimanere qui. È la stessa cosa di Alisson. Ho letto che il Chelsea può pagare la clausola, ma il Chelsea fino a oggi non so se abbia l’allenatore o sta cercando altro, per questo sono tranquillo. Su Pellegrini, una settimana fa ho incontrato Pocetta e non abbiamo parlato della possibilità che parta, siamo tranquilli. Per noi Lorenzo e Kostas sono giocatori della Roma al 100%. Sono importanti per il percorso futuro”.

BIANDA – “Con Bianda non è ancora chiusa ma siamo molto vicini all’accordo, è un ragazzo di prospettive importanti anche se ha fatto solo 5 partite con la prima squadra del Lens. L’ho visto spesso tramite i nostri scout, è il profilo di giocatore che mi piace prendere. Significa che il lavoro che fa la direzione sportiva, e non solo il direttore, dà i suoi frutti. Arriverà qui e inizierà ad allenarsi con la prima squadra, a fianco del nostro staff tecnico sarà un acquisto importante. Aspettiamo di chiudere la trattativa più velocemente possibile.

Vedi tutti i commenti (9)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Confermare Manolas (e pure Pellegrini) sarebbe importante. Non so se abbiamo giocato con gli stessi due centrali di difesa due anni consecutivi. Manolas e Fazio formano un coppia importante. Ripartire da loro due ci puo solo aiutare [ancora di piu se rimane Alisson].

  2. Praticamente ha detto che partono Alisson e Manolas,mentre il fortissimo a Florenzi significa che non lo ritengono tale.
    Per chi ha subito decenni di Moggi capire Monchi è un giochetto.
    Hasta!!

  3. Sono tutti sul mercato, è solo una questione di soldi. I giocatori rimangono a Roma solo se decidono di rimanere e far saltare la trattativa. Questo è il succo. Non comprare magliette fino al 1 settembre perché questi vi mandano l’acquisto di traverso, il giorno dopo vedete lo stesso giocatore con maglia diversa. Amen.

      1. Ho scritto che ha comprato poco? O soffri di acidità di stomaco? Ho ripetuto quello che ha detto lui, ovvero che nessuno è incedibile. Ha comprato molto e farà altre cessioni. Quindi se volete comprare le magliette di Manolas o Alisson aspettare il 1 settembre. Ti è più chiaro il concetto?

  4. A me piacerebbe che la Roma avesse l’ambizione di avere dei giocatori incedibili. Con Monchi abbiamo toccato il fondo, e abbiamo rivalutato perfino un confusionario come Sabatini. Finora Monchi ha venduto il meglio di Sabatini e ha provato a vendere Dzeko a gennaio, saremmo arrivati sesti e usciti agli ottavi. Sembra scimmiottare Sabatini, prendendo Kolarov e Pastore sue scoperte, Schick sua trattativa. A me sinceramente questa squadra sembra più debole, vedo acquisire talenti acerbi, mezzi giocatori con ingaggi faraonici, giocatori scomparsi, juventini come Mirante; e i nostri pilastri venduti o sul mercato. Viva la precarietà. Ma Totti e Di Francesco all’identità e all’orgoglio dei Romanisti ci pensano o debbono far far tutto a questo spietato esecutore di plusvalenze, brutta copia di Sabatini? Forza Roma.

  5. Ha ragione Giulio,
    È una questione di soldi, no di tempo,
    Non vinceremo mai così, almeno x i prossimi tre o quattro anni, poi se faranno lo stadio, allora qualcosa si vince, aspettate prima di comprare le magliette, oggi a fontana di Trevi,un turista ha comprato la maglia della Roma e dietro c’era scritto Naingolan, mi si è spaccato il cuore

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...