24 Ottobre 2015

Il prefetto non arretra. Avanti così

RASSEGNA STAMPA – La linea tracciata la scorsa estate da Prefettura e Questura resterà tale. Le istituzioni non intendono fare alcun passo indietro rispetto alle nuove norme di sicurezza all’interno dello stadio Olimpico. Perquisizioni minuziose, multe e Daspo in caso di turbativa. Le curve si svuotano, scrive Il Tempo, i tifosi restano a casa ma per le autorità preposte a gestire l’ordine pubblico questo è l’ultimo dei problemi. Semmai può esserlo per le società che rischiano di perdere dei ricavi, ma anche qui la voce botteghino influisce in minima parte sul bilancio dei club relativamente interessati della presenza dei loro stessi clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti

  1. alex ha detto:

    mi raccomando continuate a votare pd anche alle prossime elezioni, cosi lo stadio lo chiuderanno proprio

    • Flavio ha detto:

      Il PD non c’entra niente, il prefetto è l’ex capo dell’antiterrorismo e della digos, non ha niente di politico, semmai è tendenzioso di per sè che stiano facendo di tutto per chiudere le curve! Pare che chiunque vada in curva, prima di essere un consumatore sia un teppista già sicuro al 100%, mah

  2. Daje Pallotta ha detto:

    Ma che diamine !!
    Fino a ieri la curva era un paradiso per famiglie con bambini, dove c’era un clima gioviale e sereno ora con queste sue scelte , il prefetto ha rovinato tutto questo idillio.

  3. paolo ha detto:

    Certo che gli incassi al botteghino non intaccato, la curva è quasi tutta abbonata e hanno già incassato. Vediamo il prossimo anno senza abbonamenti poi ne riparliamo