IL PAGELLONE DI PAOLO FRANCI: ** ´Da T-Max Tonetto alla bacchetta spezzata di David Pizarro´

Redazione RN
06/04/2009 - 0:00

8 a Francesco Totti
Torna a ciucciarsi il dito per due volte infilzando il vecchio complice dell’ epopea scudettata. Si dirà: sì, ma con due rigori. Rispondiamo: sì, i rigori, quelli che ci hanno defenestrato dall’Europa. Ha una voglia di essere protagonista, di portare la Roma davanti a Genoa e Fiorentina, che è addirittura lacerante. Lo vedi dalle corse e le rincorse e chissenefrega se il ginocchio fa male e scricchiola un po’. Alla fine, prende il vaso del fiele e lo rovescia addosso a chi ha impugnato tavolozza e colori per dipingerne lo struggente tramonto. Da Zelig la battuta sul derby: “Spero di non smettere prima…”.

8 a Max Tonetto

T-Max si ripresenta tagliandato e con le marmitte lucide, tornando a pirateggiare sul binario mancino, quello preferito. Il look rasato gli dà quel non so che di cattivaccio di turno e in alcuni momenti parte talmente veloce che alla fine ha dovuto togliere i moschini spiaccicati sul parabrezza. Quando il pivello Lavecchia gli si pianta davanti come un vecchietto al semaforo, prende il rigore sacrosanto e lo consegna al capitano. Quando l’ex laziale Mudingayi spara una polpetta avvelenata, ci mette il capoccione e sventa la minaccia. Ce ne fossero…

7 a Simone Perrotta

Un bentornato anche a lui, puledrone di razza, che nitrisce per il campo sbuffando calcio al servizio del capitano e provando mirabolanti tagli che, più di una volta, non finiscono col boato per un soffio. Sul gol di Marazzina fa la figura del fesso, ma è evidente che non era lui che doveva fare a capocciate con l’ex meteora romanista.

7 a Marco Di Vaio

Non gonfia la rete ed è già una notizia, considerando la squinternata prova difensiva della Roma. Lesto e pericoloso come un puma di montagna, si danna l’anima provando a rendere commestibili tanti, troppi passaggi e lancioni improbabili. Quando il gol sembra cosa fatta, all’orizzonte spuntano quattro stelline tatuate – Mexes – che si immolano a stopparne la cometa.

7 alla Bestia Baptista

Poggia le carioca terga sulla panca perché intontito dal fuso orario. Quando Spalletti decide di toglierlo dallo scaffale lui ringrazia sentitamente e, largo sulla sinistra, prova a far dimenticare le recenti prove imbarazzanti. Quando Castellini gli si sdraia davanti come una signora attempata sul lettino dei Bagni Mario di Milano Marittima, lui pianta i gamboni tra palette e secchiello e finisce giù, un po’ toccato, un po’ alla Balotelli. Insomma, se quei rigori ce li danno contro sbraitiamo per una settimana, se arrivano in dote piazziamo sul piatto il vecchio 45 giri che suona così: “Il rigore c’era oh, Castellini l’ha preso in pieno”. Sì vabbè.

6 a Daniele De Rossi

L’alibi c’è, perché le scorie tinte d’azzurro non potevano non farsi sentire. Pare una di quelle “Ape car” che ciondolanti e cariche, s’arrampicano sulla salita tutte curve, con la spia della riserva ormai sul fisso. Quando la benzina finisce scende e spinge caparbio, attingendo a piene mani da tigna, grinta e carattere, regalando cose preziose soprattutto in difesa.

5 a Marco Motta

L’occhio sveglio e rapido osserva lo stagionato Bombardini e il pensieraccio che possa essere un pomeriggio sul genere “Aiuta anche tu un anziano” pare cosa fatta. Il risveglio è brusco, perché sulla corsia di sinistra l’ex romanista è una falce affilatissima e pericolosa che lo tagliuzza senza pietà. Mai visto così in difficoltà e meno male che il dirimpettaio è un fan di Tania Cagnotto, più dedito al carpiato che all’affondo.

5 a David Pizarro

Fossimo a “Ballando con le Stelle” saremmo i primi ad applaudirne piroette e veroniche strette. Il problema è che lui dovrebbe dirigere l’orchestra e non lo fa, perdendo palloni pericolosi e sbagliando passaggi che di solito manda a destinazione anche bendato. Si capisce subito che la bacchetta è spezzata e lo spartito è più giù di un paio di toni, ma può capitare.

Paolo Franci
(Quotidiano Nazionale)

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...