• IL PAGELLONE DI FRANCI. 10 all´ ´amico Russo´, 9 al ´geniale Ayroldi´

    Redazione RN
    23/09/2010 - 0:00

     
    10 all’amico Russo
    Io st’uomo lo adoro. Sì certo, vado controcorrente perchè quando qualcuno ti regala una cosa mai vista non devi far altro che sorridere e ringraziare. Grazie amico Russo (con la maiuscola, quell’altro, quello che si doveva comprare la Roma è già carta per incartare le scarpe..) per averci regalato un nuovo mondo, dove i fischietti suonano al contrario, le bandierine s’alzano come al Palio di Siena e sì, le linee del campo sono sinuose e in movimento come le chiappe della Arcuri. Grazie amico Russo e non dar retta a quell’orda frignante di isterici romanisti, tu sei un profeta, un precursore, un esploratore e noi ci inchiniamo al tuo cospetto: erano duemila anni che aspettavamo uno che facesse fare la figura del pirla ad Attila.
    9 al geniale Ayroldi
    Lui è quello che ha fottuto Rosetti al mondiale con una di quelle corbellerie che se vai su youtube e fai la ricerca “corbellerie arbitrali” non la trovi e ti appare il messaggio: “Gentile utente, la corbelleria in questione è talmente una corbelleria che sarebbe da corbelli fartela vedere”. Se l’arbitro Russo fa la frittatona fischiettando sghembo, lui è la gallina che depone le uova, scaldandole con quella bella bandierina svolazzante. Ne fa talmente tante che alla fine della partita c’è stato anche un piccolo parapiglia davanti agli spogliatoi: erano Boldi e De Sica che se lo litigavano per i prossimo cinepanettone.
    8 a Marco Borriello
    Sfonda la porta quando la speranza è un flebile anelito mostrando le zanne alla panchina. E’ un licantropo famelico quello che s’aggira nella brughiera bresciana, cercando il gol con grandguignolesca dedizione. I cacciatori longobardi lo impallinano un paio di volte stendendolo senza pietà, ma il rigore in questa partita è come il pantalone a vita alta: a Roma non va più di moda. Lo stilista è un tal Carmine Russo, ma di lui s’è già detto.
    7 a Phil Mexes
    Sì sette, come i metri che c’erano tra il suo piedone e la linea dell’area, quando Hatemaj inciampa sull’umidità dell’aria e raccatta quel rigorino mica da poco. Il biondo la prende a male e reagisce isterico, come se gli avessero dato contro un rigore inesistente per un fallo che non c’è fuori area. Ma dimmi te sti francesi quanto sono strani…
    7 a Hetemaj
    Pare una pomata contro l’herpes e invece è un furbo signorino che prima ti purga e poi ti piglia per i fondelli con un casquet che è un capolavoro. Su cosa sia inciampato quando Mexes gli arpiona il pallone è ancora un mistero: chi dice l’umidità, chi una mosca grassoccia, chi un’insidiosa defecatio di storno. Il mistero è aperto e del caso si occuperà prossimamente Voyager, la trasmissione sui grandi misteri dell’universo.
    6 a Claudio Ranieri
    Con quel suo tono stile “Ciolsi” (che poi sarebbe Chelsea ma quando lo dice lui io lo scrivo così) ne ha per tutti, compreso il pre-pensionato Marcello Lippi, uno che ha fatto la figura del pirla (come Attila) al mondiale e non solo: Ranieri dice che alla Juve ci fu la famosa “cena della piadina” con Blanc, quando i due s’incontrarono clandestinamente per ricostruire la Juve e dargli il benservito.
    I bene informati ci raccontano che consigliò Antonio Conte alla Juve e in alternativa Ciro (chi? Ciroooooooooo) Ferrara, il ritorno di Cannavaro, l’acquisto di Diego e per non farsi mancare nulla pure Fabio Grosso. Ora ditemi voi: se questo dovesse venire alla Roma che combinerebbe? Io lo so: Carlos Bianchi in panchina, Fabio Junior per Borriello e soldi, De Rossi e Perrotta per Bartelt, con Camoranesi al posto di Menez. E volete che non ci sia un posticino anche per Cannavaro in luogo di Juan?
     Paolo FranciQuotidiano Nazionale

    Scrivi il primo commento

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

    Seguici in diretta su Twitch!

  • Leggi anche...