• Il Pagellone – Dal ricordo di Riva alla seconda vittoria targata De Rossi

    Giacomo Emanuele Di Giulio
    30/01/2024 - 11:13

    | Romanews.eu
    Il Pagellone – Dal ricordo di Riva alla seconda vittoria targata De Rossi

    PAGELLONE MARCACCI – Dal popolo di Cagliari e l’eurogol di Viola passando per il successo della Roma che accorcia sulla Champions fino all’espulsione di Milik in Juventus-Empoli. I voti di Paolo Marcacci alla settimana calcistica.

    Il pagellone

    10 Il popolo di Cagliari.
    Non la gente, non il pubblico: il popolo. Quello al quale Gigi Riva ha fatto capire che in una terra così autentica uno come lui se lo sarebbero meritato. Lui, di conseguenza, non li ha più lasciati. Nemmeno adesso.

    9 Nicolas Viola
    Il Dottore del Cagliari, neolaureato, contro il Torino segna il gol del definitivo 1 – 2. Non basta ai sardi per riportare in asse la gara contro i granata, però la fattura del gol è pregevole: arpiona e controlla il pallone sul lato destro dell’area, poi si gira e con il sinistro declama un endecasillabo il cui ultimo accento è un fremito di rete, a un millimetro dal palo.

    8 Baldanzi – Colpani
    Il fantasista dell’Empoli e il “tuttocampista” del Monza mettono a segno due reti, rispettivamente contro Juventus e Sassuolo, di quelle che si definiscono “su carta millimetrata”, tramite due traccianti a pelo d’erba delicati ma inesorabili.

    7 Daniele De Rossi
    Tre punti d’oro in una serata faticosa; il voto è motivato soprattutto dalle dichiarazioni molto intelligenti e protettive nei confronti della squadra nel dopo partita.

    6 Gianluca Scamacca
    Torna al gol contro l’Udinese, in una partita che l’Atalanta regola nel primo tempo, risalendo la china nella gerarchia di Gasperini.

    5 Juventus
    Battuta a vuoto per quanto riguarda la scalata al vertice, in un pomeriggio che sembrava predisposto per segnare tanti gol e continuare a mettere pressione all’Inter.

    4 Lazio – Napoli
    Partita da vorrei (mica tanto) ma non posso (si è visto).

    3 Gianluca Aureliano
    La direzione di gara in Fiorentina – Inter è da vietare ai minori. Ne combina di tutti i colori, da quando Lautaro abbatte Parisi in occasione del vantaggio interista fino al rigore concesso alla Fiorentina sull’uscita di Sommer.

    2 Davide Massa
    Milan – Bologna gli sfugge di mano abbastanza presto, come dimostra il numero spropositato di cartellini gialli, oltre agli episodi dei rigori.

    1 Theo Hernández
    Il regolamento, questo sconosciuto. Rigore sbagliato in tutto e per tutto.

    0 Arkadiusz Milik
    Un’entrata da codice penale, su Cerri, che laccia la Juventus in inferiorità numerica sin dalla prima parte del primo tempo.

    Paolo Marcacci

    Scrivi il primo commento

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

    Seguici in diretta su Twitch!

  • Leggi anche...