ROMA-FROSINONE, LE PAGELLE – La Roma torna a vincere battendo 3-1 il Frosinone. Nainggolan sblocca la gara, poi Ciofani gela lo stadio con il gol del pari. Il raddoppio arriva con una magia del nuovo arrivato El Shaarawy. Chiude i giochi Pjanic  con la rete definitivo 3-1. I giallorossi salgono a quota 38 punti a tre lunghezze da Inter e Fiorentina.

Giulia Spiniello

SZCZESNY 6,5. Rimane spiazzato sul gol di Ciofani poi amministra con disinvoltura.

RUDIGER 6. Non dispiace in questo nuovo ruolo a tutto campo, sembra divertirsi a correre su quella fascia: buoni spunti e buona corsa nonostante non sia un fulmine di guerra.

MANOLAS 6,5.     Mostra la solita sicurezza, ma avrebbe bisogno di un leader al suo fianco.  Si immola si Blanchard e non tira mai indietro la ga nonostanteAmmonito per un fallo su Pavlovic, salterà il Sassuolo per diffida

DE ROSSI 5. Tiene in gioco Ciofani nell’azione che porta all’1-1. Diverse sbavature anche in fase di costruzione con suggerimenti fuori misura su cui gli attaccanti faticano ad arrivare.

ZUKANOVIC 6. Salva un gol sulla linea poi arriva in ritardo e sbaglia completamente il tackle su Ciofani che insacca alle spalle di Szczesny. Si riscatta con l’assist per il raddoppio di El Shaarawy. Esce tra gli applausi.

PJANIC 6. Con molte ombre la sua prova anche oggi se non fosse per il diagonale secco e precisissimo che confeziona all’83 per il 3-1 ma deve ringrazie il suo capitano che lo innesca con un assist al bacio.

KEITA 6. Luci e ombre al rientro per il maliano che fatica a prendere posizione nel nuovo schieramento voluto da Spalletti.  La sua semplicità ed esperienza servono a mettere ordine ma non lascia un segno indelebile.

NAINGGOLAN 7. Bravo a inquadrare la rete da terra in un batti e ribatti in cui spunta il suo piede per il suo secondo gol in tre gare da trequartista. Il ruolo cucito addosso da Spalletti gli piace molto e si vede.

SALAH 4,5 Completamente fuori dal match, sembra un pesce fuor d’acqua: non ne azzecca una.

DZEKO 5. Prova sfruttare i pochi palloni giocabili che gli arrivano ma Leali gli nega la gioia del gol. La sua gara somiglia troppo alle ultime apparizioni: pollice verso anche questa sera.

EL SHAARAWY 7.  Gran gol al debutto: un tacco pazzesco anticipa il difensore e inquadra la rete.  Dinamico, si muove molto, ha voglia di mettersi in mostra. Benvenuto!

Dal 58′ TOTTI 6,5. Entra al posto di Dzeko e illumina con un assist di qualità che riesce a far svegliare il soporifero Pjanic per il gol del 3-1.

Dal 74′ Maicon NG. Entra al posto di Zukanovic.

Dal 81′ VAINQUEUR NG.  Entra al posto di Salah.

SPALLETTI 7 La cura funziona, si iniziano a vedere i primi frutti del suo lavoro. Fa bene a insistere con Nainggolan incursore, il belga lo segue alla lettera. Aveva bisogno come il pance di queste tre punti, meritati.

8 Commenti

      • Keita non ha sbagliato un passaggio ed ha contrastato alto, piuttosto lo scarso è stato Pjianic oltre al solito lento, impreciso, antisportivo e scarso de rossi. Continuate a difendere il segone e poi stiamo altri dieci anni a fare figuracce quando gioca lui.

  1. Inizio a pensare che Dzeko non sia semplicemente tagliato per giocare in Italia. Di chance ne ha avute molte, si è fatto un girone intero e non ha mai, ripeto mai convinto, neanche in quelle poche volte che ha segnato. Doumbia, per dire, è stato processato giocando la metà della metà delle partite del bosniaco. Edin fa fatica a creare gioco, quando stoppa la palla di petto non riesce neanche a girarsi. Può capitare che un giocatore non si trovi bene in un campionato diverso.

Comments are closed.