18 Giugno 2009

IL MONDO: Roma, Spafid in campo

Un’anticipazione dell’articolo che sarà pubblicato domani su Il Mondo, venerdì 19 giugno 2009I contratti sono tre e ormai pronti. Unoper il marchio e gli altri due rispettivamente per impianti sportivi e società. La cordata svizzera costituita dall’agente Fifa Vinicio Fioranelli e da Volker Flick per rilevare la As Roma insisterebbe per chiudere l’operazione. I rumor intorno al destino del club giallorosso si susseguono da settimane (il titolo ha ripreso a correre crescendo da 0,58 a oltre 1 euro) ma, malgrado i sondaggi esplorativi di Mediobanca per valutare ipotesi alternative come la pista libica o l’industriale farmaceutico Angelini, la famiglia Sensi è ancora in sella.Un apparente stallo che avrebbe spinto gli aspiranti acquirenti svizzero tedeschi (coadiuvati dall’avvocato Nicola Irti) a valutare una nuova strada. Tutto ruota intorno alla credibilità dell’offerta di Flick e Fioranelli: la soluzione sarebbe effettuare prima un deposito presso Spafid, la fiduciaria di Mediobanca per 201 milioni di euro e, poi, tornare a negoziare gli ultimi dettagli. All’avverarsi delle condizioni (firma del preliminare, chiusura della due diligence e obblighi di notifica all’antitrust) i soldi passerebbero direttamente ai Sensi. Un meccanismo che ricorda un po’ l’elementare regola «pagare moneta, vedere cammello», che aiuterebbe però a sbloccare l’impasse degli ultimi giorni e convincere definitivamente sia Mediobanca sia la famiglia Sensi circa la reale solvibilità dei compratori. Nel caso di esito positivo, Fioranelli e Flick dovranno poi lanciare un’opa. Operazione che aggiunta, ai 140 milioni, di investimenti per arricchire la rosa del club nel prossimo quadriennio porta a circa 500 milioni il costo complessivo dell’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.