GREEN PASS STADIO – Gli stadi d’Europa gradualmente hanno ricominciato ad accogliere tifosi, sempre secondo le norme anti-Covid. Qualche finale a porte aperte (a capienza limitata) ed anche l’Europeo, che ha visto spettatori tifare sugli spalti dell’Olimpico. Ora si ragiona in ottima prossima stagione.

Leggi anche:
Serie A, resi noti gli orari delle prime due giornate: la Roma giocherà alle 20:45

La situazione

Il calcio si prepara a ripartire anche in tal senso. La riapertura degli impianti sportivi al pubblico è oggetto di analisi e discussione delle istituzioni, che formulano ipotesi per risolvere la questione. Stando a La Gazzetta dello Sport, potrebbe essere il Green Pass l’ingrediente giusto per compiere passi avanti. Domani a Palazzo Chigi dovrebbe riunirsi la cabina di regia che, dopo aver ascoltato il Cts (Comitato tecnico-scientifico) detterà poi le linee guida del Paese a partire da agosto. Tale certificato, che garantisce vaccinazione, guarigione o tampone negativo, potrebbe essere fondamentale per le riaperture degli impianti, visto che si punta a consentire l’accesso solo alle persone dotate di Green Pass. La speranza sarebbe il 100% di capienza, ma difficilmente si arriverà a tale cifra. Dopo la prima giornata si potrebbe alzare la percentuale dal 25% già testato, ed aumentare poi gradualmente fino alla riapertura totale, ma dopo oltre un anno e mezzo. C’è però il nodo distanziamento. Perchè con la regola attuale di un metro (lateralmente e verticalmente), all’Olimpico, ad esempio, non si potrebbe andare molto oltre il 25% di capienza. Quindi eventuali cambiamenti circa la quantità di pubblico arriveranno solamente qualora venisse annullato il fattore distanziamento. L’idea sarebbe quella di riempire i settori con vaccinati e guariti, mentre i settori con tamponi negativi conserverebbero la norma della distanza. Secondo la rosea introdurre il Green Pass allo stadio potrebbe avere infine due buoni aspetti: tutelare la salute dei presenti e dare una spinta alla campagna vaccinale.

1 commento

  1. trovo giusto poter accedere a luoghi molto rischiosi per la diffusione del Covid19 e delle sue tante varianti, muniti di un green pass .. e’ una forma di sicurezza sanitaria e civile per tutti ..

Comments are closed.