25 Luglio 2022

I “fab four” assieme? Difficile, ma mai dire Mou

Lo Special One studia il sistema migliore per far convivere tra loro gli attaccanti giallorossi

Con l’arrivo di Paulo Dybala alla corte di José Mourinho, il livello dell’attacco giallorosso è aumentato ancora di più. Se il reparto offensivo dovesse rimanere invariato fino a fine mercato, il materiale che lo Special One si troverebbe tra le mani sarebbe tra i migliori del campionato italiano.

Il futuro dell’attacco della Roma

I tifosi giallorossi sognano. E se Mourinho non volesse rinunciare a nessuno tra Zaniolo, Dybala e Pellegrini? Questa è la domanda che si fa l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport. Secondo la rosea, se i “fantastici quattro” dovessero giocare insieme in campo, una delle opzioni più plausibili sarebbe quella di formulare un 4-2-3-1. In tal caso il fantasista argentino si piazzerebbe a destra, Nicolò al centro e il capitano giallorosso a sinistra. Tutti e tre giocherebbero alle spalle di Abraham.

Quella sui “fab four” non è l’unica domanda alla quale l’allenatore portoghese dovrà dare una risposta. C’è anche un’altra questione. Una delle rivelazioni dell’ultimo campionato è stato Zalewski, o non sarà facile avere per lui lo stesso spazio. E a destra c’è Karsdorp, uno degli insostituibili di Mou. Se Zaniolo andasse via, però, un 4-2-3-1 con Dybala, Pellegrini e Zalewski non sarebbe impossibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

2 commenti

  1. Itti54 ha detto:

    Certo, bella idea del kaiser. Per far giocare, o mantenere la titolarità come se dice oggi, l’erede di Roberto Carlos, cioè Karsdorp, una buona idea sarebbe dar via Zaniolo, così si fa spazio a Zale. Non c’è limite alla testardaggine e all’ignoranza autolesionista.

  2. Romolo ha detto:

    Ricordo che ai tempi dell’Inter Mou schierava in attacco contemporaneamente eto’o snejider pandev e milito e non mi sembra che sia andata poi tanto male! Fate i giornalisti e parlate di quello che vi compete, la squadra per fortuna è in buone mani! Daje che quest’anno ci divertiamo