romanews-roma-lorenzo-pellegrini-gol-romaspezia-coppa-italia
Foto Tedeschi

HIGHLIGHTS ROMA CROTONE – Torna a vincere la Roma anche in Serie A battendo il Crotone allo Stadio Olimpico superando il Sassuolo in settima posizione a quota 58 punti. Una buona partita per gli uomini di Fonseca che costruiscono molto anche nel primo tempo ma trovano le reti soltanto nella ripresa con le doppiette di Borja Mayoral e Lorenzo Pellegrini e la rete di Mkhitaryan. Inizia bene la settimana per i giallorossi che ora dovranno affrontare l’Inter di Conte mercoledì prossimo prima del derby contro la Lazio sabato alle ore 20:45.

La Roma ripropone la difesa a 4 come contro lo United, Reynolds schierato a sinistra, inizio da titolare per Darboe

La formazione giallorossa scenderà in campo con il 4-2-3-1 che bene ha fatto nel ritorno di Europa League contro il Manchester United all’Olimpico. Per Fonseca spazio a Fuzato in porta, sulle fasce Karsdorp e Reynolds con Ibanez e Kumbulla al centro della difesa. Ancora spazio a centrocampo con Cristante che avrà il compito di aiutare la prima da titolare per Darboe. Dietro all’unica punta Borja Mayoral spazio a Pedro, Pellegrini e Mkhitaryan. Il Crotone di Cosmi giocherà con il consueto 3-5-2 con Simy e Ounas in attacco. Per i pitagorici Cordaz in porta, terzetto difensivo composto da Djidji, Golemic e Magallan a tutta fascia sia Molina che Reca. A centrocampo spazio a Cigarini da regista con Messias e Benali ai suoi lati.

Leggi anche:
Mayoral: “Dobbiamo chiudere bene la stagione”

La Roma prova a far la partita, il Crotone riparte in contropiede

La squadra di Fonseca fa il match nei primi 10 minuti con un ottimo possesso palla ma lascia poi campo alla formazione di Cosmi che prova soprattutto con Ounas a farsi vedere in attacco. La prima occasione per i giallorossi è arrivata con la punizione di Pellegrini da 18 metri che è stata deviata in angolo da Cordaz con i pugni.

Giallorossi rimangono sempre in proiezione offensiva, traversa per Mayoral

Sono sempre i giallorossi a fare il gioco con la squadra ospite che si limita a difendere nella propria metà campo senza dar fastidio alla manovra della Roma. Grande occasione per la squadra di Fonseca con Mayoral che di testa vede il suo pallone stamparsi sulla traversa. La squadra di casa continua a macinare gioco senza trovare la rete.

Con il passare dei minuti cala il ritmo del match, ci prova da lontano con Pellegrini

Il match scende di ritmo di minuto in minuto con la Roma che gestisce sempre il gioco ma senza essere realmente pericolosa dalle parti di Cordaz. Ci prova Lorenzo Pellegrini da lontano ma il suo tiro è docile tra le braccia del capitano rossoblù. Il possesso palla sembra sempre molto orizzontale e sterile per i giallorossi.

Leggi anche:
Sono 150 le presenze per Pellegrini con la Roma

Chiude in avanti il primo tempo la formazione giallorossa, alto il destro di Darboe

Prova la Roma a spingere negli ultimissimi minuti della prima frazione. L’occasione migliore è per Darboe ma il destro del giovanissimo centrocampista giallorosso termina alto sulla porta di Cordaz che sembrava comunque sulla traiettoria. Dopo due minuti di recupero il primo tempo termina sul risultato di 0-0 con un’ultimissima occasione di Pedro che di testa la mette alta.

Leggi anche:
Nessun tiro del Crotone in 45 minuti, è la prima volta

Parte il secondo tempo, un cambio per parte, entrano Juan Jesus e Rispoli

La ripresa inizia con un cambio per tutte e due le squadre che sostituiscono rispettivamente Ibanez e Reca. Al loro posto giocheranno il secondo tempo Juan Jesus e Rispoli. Non cambia nulla a livello tattico per entrambe le formazioni che rimangono quindi con gli schieramenti della prima frazione.

Passa in vantaggio la Roma grazie al gol di Borja Mayoral

Torna al gol lo spagnolo Borja Mayoral che di sinistro trafigge Cordaz sull’assist di Mkhitaryan che ha sfruttato benissimo un contropiede nato dalla punizione battuta velocemente da Pedro che con un lungo lancio ha trovato perfettamente l’armeno che ha rilanciato perfettamente poi l’azione giallorossa che ha aperto le marcature.

Leggi anche:
Borja Mayoral incubo delle neopromosse

Il primo cartellino giallo della partita è per Darboe

Primo cartellino per il giovane centrocampista della Roma che ha frenato la corsa di Messias da dietro, ineccepibile la scelta dell’arbitro. Primo cartellino per il numero 55 che è al suo esordio da titolare in Serie A.

Ci prova il Crotone dopo il gol subito, due ottime parate per Fuzato

Si è svegliata la squadra ospite dopo il gol subito dopo soli 90 secondi dall’inizio della ripresa. Ci ha provato la formazione di Cosmi con il colpo di testa di Messias che è terminato di poco al lato. Vuole subito rimettere la partita in parità a pochi minuti dal vantaggio della punta di casa. Si fa vedere Fuzato che con due ottimi interventi riesce a salvare la Roma che sta subendo le iniziative del Crotone dopo il vantaggio.

Spazio per Santon e Pastore, out Reynolds e Pedro

Prova a cambiare qualcosa Fonseca che ha sostituito un inconsistente Reynolds e Pedro che aveva giocato anche nel match contro il Manchester United. Al loro posto dentro Santon e Pastore che in questo finale di stagione sono tornati disponibili dopo un’annata da dimenticare per entrambi.

Raddoppia la Roma, grande giocata di Lorenzo Pellegrini

A 20 minuti dal termine la Roma prova a chiudere il match con il raddoppio di Lorenzo Pellegrini. Una gran giocata quella del numero 7 che sfrutta la rimessa laterale di Santon e con una grandissimo gesto tecnico riesce a superare prima Golemic e poi trafigge Cordaz all’angolino. Sesto gol per il centrocampista in questo campionato.

Sempre Pellegrini che chiude il match con la sua doppietta

In tre minuti la Roma mette in cassaforte la partita con la doppietta di Lorenzo Pellegrini. Un gol di sinistro dal limite dell’area che ha trafitto Cordaz sul primo palo. Un tiro radente al termine di un’ottima azione coordinata da Pastore e Mkhitaryan che ha fornito la palla al numero 7 e capitano giallorosso.

Poker giallorosso, in gol anche Mkhitaryan su assist di Karsdorp

Dopo cinque mesi torna al gol anche Henrik Mkhitaryan che di sinistro trafigge Cordaz dopo l’ottimo assist di Rick Karsdorp. Una Roma che sembra trovare i giusti meccanismi nel finale aiutati anche dal risultato che da molte più chance alla squadra di Fonseca con il Crotone che sembra ormai inerme in campo.

Gli ultimi cambi per i giallorossi: dentro Bove e Zalewski, fuori Cristante e Diawara

Due nuovi esordi per la Roma di Fonseca. Si tratta del primo match in campionato sia per Bove e per Zalewski. Entrambi nati nel 2002 calcano per la prima volta i campi di Serie A dopo l’esperienza nella primavera di Alberto De Rossi. I due giovani hanno sostituito l’altro esordiente Darboe e Bryan Cristante.

Leggi anche:
Esordio per Bove in Serie A

Doppietta anche per Borja Mayoral, sono 10 in campionato per lui

A pochi secondi dalla fine arriva anche la doppietta per Borja Mayoral che raggiunge quindi la doppia cifra in campionato. Un gol che serve da ciliegina sulla torta per l’ottima partita giocata dalla punta ex Real Madrid che a suon di gol si vuole conquistare la conferma con la maglia giallorossa.

4 Commenti

  1. Ma com’è v’è presa sta pastoremania pe du passaggi dritti…non abbiamo mai discusso delle qualità dell uomo di cristallo..

  2. Perché di passaggi dritti dentro la squadra non è in grado di farlo nessuno oltre a lui…Nelle squadre serve anche la qualità

    • Pastore deve fare solo una cosa .. andare dai Friedkin, salutarli con un sorriso da suddito, dire che lui vuole restare ancora alla Roma, specie adesso che arriva Mourinho, che e’ disposto a diminuirsi lo stipendio, come segno della sua riconoscenza verso la Roma che lo ha raccolto tutto rotto, lo ha curato per anni , gli ha pagato stipendi che manco Messi e CR7, e lui ha giocato, in questi credo 25 anni alla Roma, sempre rotto che molti credevamo fosse gia’ morto e sepolto da tempo, 7 minuti circa compresi i supplementari. Credo, allora, che i Friedkin, e anche Mou, ma per ora da smart observer, apprezzerebbero la proposta, questa proposta di un campione mai continuo, mai decisivo, mai conclamato, mai riconosciuto, se non da pochissimi intenditori di Calcio (Saba, per esempio) che con lui e per lui hanno perso tempo e fumato chissa’ quante sigarette nell’ attesa che potesse diventare il supercampione che prometteva di essere ..

Comments are closed.