Foto Tedeschi

HIGHLIGHTS ROMA ATALANTA – Un match dai due volti, quello fra Roma ed Atalanta, che hanno dato vita all’Olimpico ad una partita in cui hanno regnato qualità e soprattutto intensità. I giallorossi, in attesa del grande appuntamento di giovedì prossimo contro il Manchester United, per 60 minuti sono stati vittima sacrificale dello strapotere dell’Atalanta. Dopo l’episiodio dell’espulsione di Gosens, per doppio giallo, la partita ha cambiato rotta con gli uomini di Fonseca che hanno preso il pallino del gioco e sono andati più e più volte vicini al sorpasso. Dunque, al vantaggio nel primo tempo della Dea firmato Ruslan Malinovskyi, ha risposto con un siluro da fuori e complice una svista da parte di Gollini, Bryan Cristante, uno dei tanti ex della partita. Un punto in classifica che serve a poco per entrambe le squadre, con l’Atalanta che non riesce a superare il Milan al secondo posto e con i capitolini che non accorciano sulle pretendenti al quarto posto.

Le scelte di Fonseca e di Gasperini

Contro l’Atalanta in piena corsa Champions, Fonseca schiera il suo 3-4-2-1 ideale. Fra i pali torna Pau Lopez, dopo aver riposato contro il Torino. In difesa riecco Mancini, che sarà affiancato da Cristante ed Ibanez; sulle fasce Karsdrop e Calafiori che ha vinto il ballottaggio a discapito di Bruno Peres. A centrocampo la qualità di Villar abbinata alla corsa di Jordan Veretout. Davanti ad assistere Dzeko, torna il duo con capitan Pellegrini e Mkhitaryan.

Gasperini, dopo la vittoria con la Juventus, conferma i due terzi della difesa che ha battuto i bianconeri: con Palomino e  Djimsiti, torna Romero. Centrocampo titolare con Gosens e Mahele ai lati e De RoonFreuler in mediana. In attacco spazio al match winner di domenica Ruslan  Malinovskyi, con Ilicic e Zapata. Panchina per Muriel.

Leggi anche:
Roma-Atalanta, le parole di Calafiori

Buon ritmo in avvio

Roma-Atalanta è iniziata con ritmi piuttosto alti, mantenuti da entrambe le squadre: tanta intensità a centrocampo, con qualche fallo di troppo. Giallorossi che cercano costantemente di ripartire dal basso, mantenendo un pressing costante, mentre gli uomini di Gasperini fanno la partita tramite il possesso palla. Prima occasione per Malinovskyi, che imbeccato da Duvan Zapata calcia, trovando pronto Pau Lopez che respinge. Sorprende la posizione avanzata di Bryan Cristante, che come richiesto di tallonare e di tallonare il fantasista ucraino.

Occasioni da una parte e dall’altra

Cristante dal basso imbecca in profondità sulla fascia Dzeko sfuggito alla marcatura di Romero. Palla in mezzo e due volte bravo Gollini, che prima toglie la palla dalla testa di Mhkitaryan e poi si fa trovare pronto sul tiro di Pellegrini. Non c’è un minuto di pausa, in quanto sul ribaltamento di fronte è Zapata che conduce la ripartenza: il colombiano punta Ibanez, lo salta, ma spara da posizione defilata lontano dalla porta di Pau Lopez.

Leggi anche:
Roma-Atalanta, Romero: “Dzeko è l’attacante che ho sofferto di più”

Zapata vicino al vantaggio

Tra gli highlights di Roma-Atalanta bisogna menzionare un’altra grande ripartenza dell’Atalanta guidata dal solito Malinovskyi che trova al limite dell’area Duvan Zapata che scaraventa un potente destro che Pau Lopez respinge. 20 minuti molto gradevoli con le squadre che giocano a viso aperto. Per la Roma ottima prova generale in vista del grande match di Europa League giovedì contro il Manchester United.

Sale l’intensità dell’Atalanta

L’Atalanta dimostra tutta la sua qualità: con tre tocchi gli atalantini arrivano a calciare in porta con una certa facilità. Questa volta tocca a Feuler imbeccare il tridente avanzato che sembra molto ispirato questa stasesra. Zapata in veste di assist-man questa volta trova Ilicic che calcia in porta e chiama Pau Lopez al grande intervento in calcio d’angolo. Dopo un primo quarto d’ora molto equilibrato, ora è l’Atalanta che detta i rimi di gioco, facendosi sempre più pericolosa.

Dea in vantaggio

Fase centrale del primo tempo tutta di marca nerazzurra: dopo le occasioni di Zapata e Ilicic, tocca ancora una volta a Malinovskyi aprire le danze. Con un azione corale gli uomini di Gasperini vanno da destra a sinistra con grandissima qualità. Freuler trova Zapata che non solo controlla una palla complicata, ma riesce anche ad allargare su Gosens, poco servito fino ad ora. L’esterno tedesco confeziona splendidamente il suo sesto assist in stagione, trovando il 18 ucraino in area che con il sinistro scarta il cioccolatino offerto dal compagno di squadra. Dea meritatamente in vantaggio.

Strapotere fisico di Zapata: Roma in bambola

Sta salendo in cattedra Duvan Zapata. I bergamaschi galvanizzati dal vantaggio, stanno iniziando a creare azioni in quantità industriali. L’attaccante colombiano, con la sua fisicità, sta letteralmente mandando in bambola la difesa giallorossa: Calafiori in un’occasione è costretto a fermarlo con un fallo e a diventare il primo ammonito del match. Al 32′ è sempre il numero 92 che si gira e con un pallone meraviglioso ispira Freuler che dall’interno dell’area calcia, con un ancora ottimo Pau Lopez che respinge. Roma totalmente posseduta ed in bambola in questa fase: dopo un avvio coraggioso, gli uomini di Fonseca sembrano essersi intimoriti dal vantaggio ospite.

Ripartenza da manuale dell’Atalanta

Al 38′ Ilicic taglia in due la linea mediana del centrocampo della Roma e serve Duvan Zapata che ha la meglio nel duello con Cistante e va via ed imbecca Maehle. L’esterno danese, chiude il triangolo, e crossa verso il 92 atalantino spizza e trova Malinovskyi che conclude, per fortuna di Pau Lopez, una splendida ripartenza con una conclusione del tutto sbilenca. Solo Atalanta al tramonto del primo tempo. Fonseca per cercare di variare qualcosa e cambiare ritmo, in fase d’attacco ha chiesto a Villar di abbassarsi e costruire a 4. Non cambia la fase difensiva invece, che rimane a 3 con Cristante a tallonare l’autore del gol Malinovskyi. Termina così il primo tempo.

Leggi anche:
Le parole di Malinovskyi all’intervallo

Roma-Atalanta: gli highlights del secondo tempo

Inizia il secondo tempo del match fra Roma ed Atalanta. E’ Fonseca a fare la prima mossa, anche se costretto: infatti Calafiori, non al meglio, già prima dell’inizio della partita lascia il posto a Bruno Peres. Nell’Atalanta si continua a riscaldare Muriel. Dal punto di vista tattico non cambia nulla: entrambe le squadre continuano sul 3-4-2-1.

Leggi anche:
Roma, infortunio per Calafiori. Al suo posto Bruno Peres

Ammonito Villar

Secondo tempo partito com’era finito il primo. E’ l’Atalanta che detta i ritmi di gioco e che riparte costantemente. In una di queste è Villar che mette il suo nome a referto: lo spagnolo, infatti, ferma con le cattive il solito Malinovskyi, involato verso Pau Lopez e si procura il secondo giallo del match.

E’ solo Atalanta

Ritmi troppo elevati dell’Atalanta per questa Roma che grazie a Pau Lopez si mantiene a galla. L’estremo portiere spagnolo salva sull’ennesima azione splendida di Zapata e compagni: é proprio il colombiano che trova Ilicic che calcia verso la porta. Pau Lopez devia in angolo con i piedi.

Cambi per Gasperini

Doppio cambio consueto per Gasperini: fuori Malinovskyi e Ilicic, dentro Pasalic e Muriel. Assetto che cambia leggermente per la Dea, che ora con il numero 9 avrà due punte colombiane vere e proprie con il croato a sostegno.

Clamoroso errore di Muriel

Roma sempre più in bambola. Un altro momento saliente degli highlights di Roma Atalanta è un’ennesima ripartenza della Dea: Zapata vince l’ennesimo in velocità con Ibanez nettamente in difficoltà e mette in area l’assist perfetto per Muriel. Il numero 9, fra l’incredulità di compagni ed avversari, da due passi spara alto, tenendo ancora la Roma in vita.

Espulso Gosens

Possibile svolta del match: per un pestone di Gosens su Veretout, l’esterno tedesco si procura il secondo giallo del match ed è costretto a lasciare l’Atalanta in 10 per gli ultimi 20 minuti. Gasperini cerca di correre subito ai ripari, con Toloi che preleva Duvan Zapata. Con l’entrata del difensore della Nazionale Italiana bergamaschi che passano al 5-3-1 in fase di non possesso

Occasione per Dzeko

La Roma prova a far valere la superiorità numerica: Veretout allarga sulla destra per Karsdrop che con un cross insidioso imbecca Dzeko. Il Cigno di Sarajevo si gira splendidamente e calcia, non inquadrando però lo specchio.

Bomba da fuori di Cristante: è 1-1

All’improvviso è luce per la Roma. La legge del gol dell’ex colpisce ancora. E’ Bryan Cristante che con una botta da fuori gonfia la rete, complice anche una lettura non perfetta da parte di Gollini. Primo gol in stagione in Serie A per il centrocampista naturalizzato difensore da Paulo Fonseca. Giallorossi all’assalto per provare a ribaltare il risultato.

Leggi anche:
Roma-Atalanta, le parole di Cristante

Fonseca all’assalto: fuori Villar, dentro Carles Perez

Con l’Atalanta in dieci e con il pareggio ottenuto, Fonseca si gioca il tutto per tutto per vincere la partita: non entra Borja Mayoral, ma Carles Peres che preleva Gonzalo Villar che era stato ammonito in precedenza. Un cambio del tutto offensivo che testimonia la voglia dei giallorossi di ribaltare il risultato.

Paratona di Gollini su Dzeko

La Roma sta mettendo alle corde un’Atalanta lontana parente rispetto a quella dei primi 60 minuti di gioco. Pellegrini orchestra la ripartenza ed imbecca Dzeko che punta Palomino, lo salta e scaglia un potente destro verso la porta. Solo una grande di Gollini impedisce il soprasso.

Borja Mayoral per Mkhitaryan

Fonseca per gli ultimi cinque minuti si gioca la carta doppia punta, con l’entrata di Borja Mayoral al posto di un ancora non ottimo Mkhitaryan. Lo spagnolo condividerà il peso dell’attacco con Dzeko per tentare l’assalto al bottino pieno. Giallorossi che con l’attacco “pesante” passano al 4-3-1-2 con Pellegrini a centrocampo e Carles Perez nella posizione di trequartista.

Quattro minuti di recupero. Ibanez espulso.

Quattro sono stati i minuti di recupero per chiudere il match. Nel finale degli highlights di Roma-Atalanta da menzionare l’espulsione di Ibanez per doppio giallo, da cui è scaturita l’ultima punizione potenzialmente pericolosa per la Dea. Muriel, però, ha scaraventato alto dalla porta difesa da Pau Lopez. Finisce 1-1 con un punto a testa che non serve a nessuno ai fini della classifica.

Leggi anche:
Le pagelle di Roma-Atalanta