Roberto Gualtieri

ROMA GUALTIERI – Il candidato sindaco Roberto Gualtieri, e grande tifoso della Roma, è stato intervistato da Il Romanista. Tra gli argomenti affrontati nell’intervista anche lo stadio della squadra di Trigoria e la sua passione per i colori capitolini. Questo uno stralcio di quanto dichiarato.

Leggi anche:
Gualtieri fa i complimenti a Mourinho: “1000 panchine, queste emozioni fanno del calcio lo sport più seguito”

La fede giallorossa

“Quanto sono romanista? Sono parecchio romanista. […] – ammette Roberto Gualtieri – Negli ultimi anni, tra gli impegni in Europa e quelli al Governo, non sono riuscito a essere vicino alla squadra quanto in passato ma certo continuo a seguirla. I ricordi più belli sono sicuramente legati alla stagione dell’ultimo scudetto. La gioia dopo Roma-Parma è indimenticabile, così come i festeggiamenti per giorni in tutta la città, non smettevamo più di parlare dello scudetto: durante una cena in pizzeria con i soliti amici a un certo punto le nostre compagne ci presero a male parole proprio perché non ne potevano più di sentire solo il calcio come unico argomento…”.

Lo stadio

“Lo stadio va fatto e lo faremo – promette il candidato sindaco del PD – Ma come ho già detto non è un metodo serio quello di fare ‘urbanistica elettorale’, mettersi cioè a indicare un’area piuttosto che un’altra senza i necessari lavori istruttori degli uffici. Ora invece abbiamo bisogno proprio di serietà, perché sullo stadio non si può più continuare a sbagliare come ha fatto la Raggi in tutti questi anni prendendo in giro i tifosi. Un progetto così rilevante merita di essere approfondito in tutti i suoi aspetti da chi governa la Capitale. Con la società ci siederemo dunque intorno al tavolo per un lavoro di istruttoria rigoroso e poi decideremo insieme. Lo Stadio della Roma deve diventare una grande opportunità per tutta la città. […] Considero quindi molto importante che un gruppo industriale solido come quello guidato dalla famiglia Friedkin abbia intenzione di investire nella Capitale. […]Se venissi eletto ai tifosi della Roma – conclude Gualtieri – dico che nei primi cento giorni avvieremo un confronto con la società per esaminare tutte le possibili alternative”.

2 Commenti

  1. Condanmati alla mediocrità, anche stavolta saremo costretti a scegliere il male minore.
    Mi auguro solamente che possano scomparire dalla scena politica tutti i romani venduti al partito di “Roma ladrona”. La dignità prima di tutto.

Comments are closed.