• Giudice Sportivo: assolto Acerbi dall’accusa di razzismo. Il Napoli risponde: “Siamo basiti”

    Giacomo Emanuele Di Giulio
    26/03/2024 - 15:56

    Il difensore dell'Inter è stato assolto e potrebbe giocare già il 1 aprile contro l'Empoli

    Giudice Sportivo: assolto Acerbi dall’accusa di razzismo. Il Napoli risponde: “Siamo basiti”

    ACERBI ASSOLTO JESUS – Il Giudice Sportivo si è espresso sul caso Acerbi-Juan Jesus. Il dottor Gerardo Mastrandrea ha assolto il difensore italiano dell’Inter dall’accusa di razzismo. La motivazione, come riporta La Gazzetta dello Sport, è l’insufficienza di prove relative al battibecco con il difensore brasiliano durante la sfida contro l’Inter che ha chiuso la 29a giornata di Serie A. Per questo motivo il calciatore potrebbe essere convocato per la sfida contro l’Empoli del 1 aprile.

    Il comunicato del Napoli

    Dopo la decisione del Giudice Sportivo, il Napoli ha risposto tramite un comunicato in cui ha preso le difese di Juan Jesus e ha lanciato l’hashtag #iostoconjj. “Il signor Acerbi non è stato sanzionato. A questo punto il colpevole dovrebbe, per la “giustizia” sportiva, essere Juan Jesus, che avrebbe accusato un collega ingiustamente. Non è ragionevole pensare che abbia capito male. Il principio di maggiore probabilità di un evento, ampiamente visibile dalla dinamica dei fatti e dalle sue scuse in campo, che nella giustizia sportiva è preso in considerazione, scompare in questa sentenza. Restiamo basiti.”

    “Inoltre – prosegue la nota del club azzurro – se quanto accaduto in campo, lo dice la sentenza, “è sicuramente compatibile con l’espressione di offese rivolte…dal calciatore interista, e non disconosciute nel loro tenore offensivo e minaccioso dal medesimo”, perché non irrogare a quest’ultimo alcuna sanzione? Perché, poi, lo dice sempre la sentenza, “essendo raggiunta sicuramente la prova dell’offesa”, nessuna decisione è stata assunta dalla “giustizia” sportiva al riguardo per punire il responsabile? Restiamo ancor più basiti. Il Napoli non aderirà più a iniziative di mera facciata delle istituzioni calcistiche contro il razzismo e le discriminazioni, continueremo a farle da soli, come abbiamo sempre fatto, con rinnovata convinzione e determinazione

    Vedi tutti i commenti (15)

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

      Tutti i commenti

    1. Solita farsa. C’è ora il precedente, finalmente non potranno essere più chiuse le curve basterà mascherare un po’ ed essere assolti. Hanno dato prova che il razzismo non esiste è solo frutto di paranoie. Si dovrebbe non andare più allo stadio e speriamo fortemente in questa superlega con l’augurio che la Roma abbandoni questo patetico teatrino dei poteri

    2. Si vede che è appoggiato bene sentenza scandalosa fa il paio con il dito rivolto alla curva allo stadio olimpico

    3. Si vede che è appoggiato bene a palazzo …sentenza scandalosa fa il paio con il dito rivolto alla curva allo stadio olimpico

    4. Assolto perché indossa una maglia strisciata (e giusta). Il resto è solo una spiegazione che parte ridicola e finisce nel grottesco. Poi ci si lamenta che i giocatori forti non vogliono giocare in in Italia o ci vengono a svernare a fine carriera. Ridicoli tutti!
      ASR SEMPRE E COMUNQUE!

    5. solita prassi italiana contro i potenti (INTER) non si procede, tanto parlare contro il razzismo e poi lo si incoraggia con certe decisioni vergognose che sono un offesa per l’umanità intera .

    6. Mi rendo conto che certe sentenze provochino rabbia, specie se anticipate da condanne esemplari pronunciate dai social ma, piaccia o non piaccia, senza prove non si può condannare nessuno.
      Neppure la cosiddetta giustizia sportiva può farlo. Forse.
      L’unica verità che esiste è quella processuale ed evidentemente non è stata trovata l’evidenza che le parole di JJ fossero vere e quelle di acerbi false.
      Amen.

    7. Ottima decisione sono tutti fantocci a palazzo le iniziative contro argomenti sensibili sono di facciata senza alcuna volontà di cambiare le cose

    8. C’è una grande ipocrisia anche in commenti che ho letto qui sotto.
      Le prove, se solo ci fosse stata voglia di cercarle, si sarebbero trovate.
      Bastava solo indagare con gli altri giocatori presenti in campo.
      Penso che una cosa del genere in Inghilterra non sarebbe mai successa. Poi non lamentiamoci dello schifo in cui è sprofondato il nostro calcio.
      Visto l’elemento rozzo cafone e maleducato io credo al 100% a Juan Jesus, non un grande giocatore, ma un bravissimo ragazzo, dedito in privato a numerose iniziative lodevoli.
      Mi auguro che ora il RAZZISTA ACERBI sia trattato come merita in tutti i campi dove gli capiterà di giocare.
      Tutti meno quello delo Lazio, i cui tifosi sono piu’ razzisti di lui

    Seguici in diretta su Twitch!

  • Leggi anche...