22 Novembre 2021

Genoa-Roma, l’analisi tattica: giallorossi dominanti e vincenti grazie ad una transizione spettacolare

Foto Tedeschi

romanews-roma-esultanza-squadra-romaempoli

GENOA ROMA ANALISI TATTICA – Roma dominante, convincente, applicata ma serve una transizione spettacolare e una perla di Felix per tornare da Marassi con i 3 punti per i giallorossi di Mourinho. Operato il controsorpasso a Juventus, Fiorentina e Lazio issandosi nuovamente al quinto posto a 3 lunghezze dalla ritrovata Atalanta, sempre più antagonista principale all’ultimo posto Champions rimasto disponibile. 

Moduli e sviluppi di gioco

Con il suo primo 3-5-2 stagionale, Mourinho comincia a definire sempre più la svolta verso una difesa a 3 centrali con Kumbulla che imposta centralmente, Mancini e Ibanez braccetti. Karsdorp a destra e l’accomodamento di El Shaarawy come quinto di sinistra. In mezzo c’è finalmente densità vicino a Veretout davanti alla difesa con Pellegrini mezzala di destra, Mkhitaryan dalla gara sontuosa che di abbassa a mezzala di sinistra e davanti due punte di ruolo come Abraham e Shomurodov. Shevchenko disegna un 5-3-2 molto compatto centralmente con Biraschi, Masiello e Vasquez davanti a Sirigu e con Cambiaso e Sabelli quinti difensivi. In mezzo Rovella giostra centralmente dettando i tempi, con Badelj e Sturaro ai lati a supporto di Pandev di raccordo ed Ekuban.

Leggi anche:
Mourinho ritrova la sua africa e vince contro tutto e tutti

Primo tempo di predominio senza pungere

Con moduli speculari per entrambe, sono inevitabilmente come prassi i duelli individuali e la capacità di una catena di prevalere sull’altra a determinare sviluppi di gioco. Un avvio giallorosso subito autoritario con la Roma che parte forte scalando in avanti, muove palla a due tocchi con la spinta puntuale e ficcante di Karsdorp a destra ed El Shaarawy a sinistra che da ampiezza finendo sempre più dentro al campo. Le due mezzali giallorosse sono di raccordo, mentre Veretout si abbassa per avviare il primo palleggio quando non è Kumbulla se il Genoa attende in mezzo. La Roma entra bene coi traccianti dentro al campo, col palleggio i giallorossi si preparano la profondità per le 2 punte che però attaccano sempre e insieme la profondità giocando sempre molto vicine agevolano il 3 contro 2 coi centrali rossoblu diventando prevedibili. Pellegrini e Mkhitaryan si alternano nell’occupare lo spazio che si crea dalle due punte che allungano i centrali avversari, anche perché il Genoa in fase di non possesso si abbassa subito a differenza della Roma che tiene sempre una linea alta. Il primo tempo scivola via con la Roma che ha supremazia territoriale e possesso palla e con l’indice di pericolosità pesantemente condizionato da due errori marchiani di Shomurodov, ma lo 0 a 0 non si schioda dal tabellino della cronaca.

Leggi anche:

Ripresa con la Roma che serra i ritmi

Si riparte con gli stessi 22, con Shomurodov che prosegue subito dove aveva concluso il primo tempo così come la Roma aumenta la produzione di cross dall’esterno soprattutto con Karsdorp. La Roma rientra bene con azioni avvolgenti e recupero immediato di palla in mezzo come da caratteristiche, col Genoa che fatica ad uscire. Shevchenko corre ai ripari inserendo Hernani per Pandev, passando ad un 5-3-1-1, e con uno in più in mezzo i giallorossi trovano ancora meno spazi. Dopo 70 minuti inesistenti in termini offensivi il Genoa trova la prima e unica occasione, ma clamorosa, della sua gara di contenimento. Sarà l’unico sussulto dei rossoblu, perché poco dopo fa il suo ingresso Felix Afena che rileva un poco brillante Shomurodov e da un recupero palla basso riparte una transizione spettacolare. Un gioco sugli appoggi che innesca Mkhitaryan che apre in due il Genoa che si era alzato momentaneamente, l’armeno ritrovato assiste Felix e in 7 secondi dalla riconquista la Roma attraversa tutto il campo e trova il gol in un momento non semplice ponendo rimedio allo stallo preoccupante. Lo svantaggio suggerisce a Shevchenko Ghiglione e Bianchi per Sabelli e Biraschi, virando verso il 4-3-3, mentre Kumbulla alza bandiera bianca facendo fare nuovamente capolino (chissà per quanto) al recuperato Smalling, giocatore determinante per le sorti difensive giallorosse. Buksa e Gaidames, due mezzali assaltatrici, per Sturaro e Badelj, mentre Mourinho perde anche Pellegrini (entra Bove), ma ormai la Roma era già tornata Felix col suggello finale che corona una prestazione confortante.

Maurizio Rafaiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

6 commenti

  1. Vincent Vega ha detto:

    Solita prestazione inguardabile, 80 minuti sostanzialmente di nulla contro un Genoa pieno di assenti e livello serie B. Bello il contropiede del primo gol ma è una goccia nel mare. Non che prima della disfatta col Bodø fossi particolarmente entusiasta, ma da lì in poi siamo precipitati in un abisso.

    • ermenegildo stocazzetti ha detto:

      No tranquillo lo sapevamo anche prima della trasferta col Bodø che sei sempre il consueto gatto nero aggrappato agli zebedei. Magari usi le stesse sostanze del protagonista di un famoso film di cui porti il nome.

  2. Lupogiallorosso ha detto:

    Scienziato gli assenti li aveva anche la roma e cmq le partite le giochi e le vinci anche contro le squadre di serie b sul campo non sul divano. Ha giocato così male dal creare una decina di occasioni da gol nette . Unico appunto i gol bisogna segnarli… e dominato una partita…. giocata male ??? Certo non ha una rosa da real o bayern o psg quindi se vuoi vedere lo spettacolo e le vittorie facili tifa un altra squadra … forse quella delle quaglie che hanno giocato alla grande nemmeno un tiro in porta.

    • Vincent Vega ha detto:

      Al Genoa, squadra che ha come obiettivo dichiarato la salvezza, mancavano Destro, Caicedo, Maksimovic, Criscito, Cassata, Fares…Praticamente ha dovuto schierare una squadra di serie B scarsa. La Roma se continuerà a giocare a livello Genoa, di punti ne farà pochi. Di calcio parlo volentieri, alle scemenze invece non sono interessato: salta serenamente i miei commenti e passa oltre.

  3. Papa Max ha detto:

    La Roma meritava una vittoria che sembrava pero’ impossibile fino all’ ingresso di Felix .. questo diciottenne entra e, senza troppi fronzoli, corre e tira e segna due grandi gol .. la Roma di Mou e’ vero che ha meno punti di quella di Fonseca dello scorso anno (grazie anche a PENZO, a MARESCA , a ORSATO, a GUIDA … e a un centrocampo assolutamente da rinforzare e ad una difesa non esattamente fortissima .. ma gioca meglio e corre e lotta fino al 95esimo .. non eravamo piu’ abituati a questa voglia e resistenza fisica .. e ancora ci mancano Spina e Zaniolo in fase di riabilitazione .. Maresca ne ha dirette due di partite della Roma quest’ anno .. perse tutte e due … e con ammonizioni dolorose e arbitraggio molto fastidioso ..