romanews-roma-roger-ibanez-chris-smalling-scamacca-genoa
Foto Tedeschi

ROMA GENOA, L’AVVERSARIA – Dopo essere tornata a vincere contro la Fiorentina, la Roma si prepara a scendere nuovamente in campo per affrontare il secondo impegno della settimana. Il prossimo avversario in campionato è il Genoa di Ballardini, attualmente al 13° posto in classifica. L’obiettivo dei giallorossi è sempre lo stesso: tornare in zona Champions. Il tanto agognato quarto posto è però ancora occupato dall’Atalanta, a pari punti con la Juventus.

Prossimi impegni

Roma-Genoa (26° turno di Serie A, 7 marzo ore 12.30, Stadio Olimpico)
Genoa-Udinese (27° turno di Serie A, 13 marzo ore 20.45, Stadio Luigi Ferraris)
Parma-Genoa (28° turno di Serie A, 19 marzo ore 20.45, Stadio Ennio Tardini)
Genoa-Fiorentina (29° turno di Serie A, 3 aprile ore 15.00, Stadio Luigi Ferraris)

Come il Genoa arriva alla sfida con la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto il Genoa impegnato in casa contro la Sampdoria. Il derby della Lanterna è terminato 1-1. Dopo un primo tempo finito a reti inviolate, il rossoblù Zappacosta ha sbloccato il risultato al 62′ e ha portato in vantaggio i padroni di casa. La squadra di Ranieri ha però risposto al 77′ con Tonelli. La stracittadina è quindi terminata con un pareggio, che ha avvicinato il Genoa al 12° posto del Bologna, attualmente avanti di un punto.

Punti di forza e debolezze

Il rendimento del Genoa in Serie A è negativo: 6 vittorie, 9 pareggi e 10 sconfitte, 27 gol realizzati (media di 1.08 a partita, 5° peggior attacco del campionato) e 37 subiti (media di 1.48 a partita). I rossoblù non vincono da un mese. Gli ultimi 3 punti conquistati in campionato risalgono infatti al 6 febbraio (2-1 contro il Napoli). Da quel momento sono arrivati 3 pareggi e una sconfitta. La squadra di Ballardini è ultima in campionato per il numero di tiri effettuati (185, di cui 88 in porta) e penultima per il numero di cross utili (75), di corner battuti (80) e di gol segnati di testa (2). E’ invece terza per il numero di parate effettuate (99) e sesta per la media dei chilometri percorsi a partita (109). E’ inoltre tra le squadre che hanno colpito meno pali (4) e che invece ne hanno subiti di più (13). Il Genoa non spicca nemmeno per possesso palla (media di 23 minuti a match, solo 8 nella metà campo avversaria, 43.7% totale). Il rendimento dei rossoblù è migliore in casa, dove hanno collezionato 4 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte, hanno messo a segno 19 gol e ne hanno incassati 20 (media di 1.23 punti a gara). In trasferta invece i numeri non sono buoni: 2 vittorie, 5 pareggi, 5 sconfitte, 8 reti realizzate e 17 subite (media di 0.92 punti a match). Un’occhiata al cronometro rivela che il Genoa tende ad essere più pericoloso nel primo quarto d’ora della ripresa (33% dei gol fatti tra il 45′ e il 60′) e più vulnerabile negli ultimi 15 minuti di gioco (30% dei gol subiti tra il 75′ e il 90′).

Numeri dei singoli

Il miglior marcatore del Genoa è l’ex giallorosso Destro, autore di 9 gol in 20 presenze. L’attaccante è anche il giocatore che ha creato più occasioni da gol finora (16). Il miglior assist man è invece Ghiglione (4). Scamacca spicca per il numero di tiri effettuati (25). Rovella invece è il giocatore che macina più chilometri in campo (media di 11 a partita). Cristiàn Zapata vanta la migliore percentuale di precisione dei passaggi effettuati (88.3%) e Bani il numero più alto di duelli aerei vinti a match (media di 3). I giocatori più utilizzati in campionato da Ballardini sono Perin, Masiello, Badelj e Radovanovic, tutti in campo per più di 1500 minuti. Il portiere rossoblù ha collezionato 6 clean sheet in 22 gare. Ha quindi mantenuto la porta inviolata nel 27.3% delle occasioni (5° migliore in Serie A).

Le scelte di Ballardini per Roma-Genoa

Nonostante il cambio in panchina a stagione in corso, ovvero l’esonero di Maran e l’arrivo di Ballardini, il modulo più utilizzato dal Genoa resta il 3-5-2. Per il match contro la Roma il tecnico rossoblù dovrà fare a meno degli infortunati Luca Pellegrini, out per un problema alla coscia, e Biraschi, ancora ai box a causa di un infortunio alla spalla rimediato mesi fa. Recuperato invece Rovella, che torna a disposizione dopo essere stato fermato da un trauma distorsivo alla caviglia. In porta ci sarà Perin, poi difesa a tre con Masiello, Radovanovic e Criscito. Davanti spazio a Zappacosta, Zajc, Badelj, Strootman e Czyborra. La coppia d’attacco dovrebbe invece essere formata da Shomurodov e Destro.

La probabile formazione

GENOA (3-5-2): 1 Perin; 55 Masiello, 21 Radovanovic, 4 Criscito; 77 Zappacosta, 16 Zajc, 47 Badelj, 20 Strootman, 99 Czyborra; 61 Shomurodov, 23 Destro.
A disp.: Paleari, 22 Marchetti, 25 Onguené, 5 Goldaniga, 29 Cassata, 17 Portanova, 2 Zapata, 24 Melegoni, 18 Ghiglione, 11 Behrami, 19 Pandev, 37 Pjaca, 9 Scamacca, 65 Rovella.
All.: Davide Ballardini

BALLOTTAGGI: Scamacca-Destro, Shomurodov-Pjaca, Strootman-Behrami.
IN DUBBIO:-.
INDISPONIBILI: 88 Pellegrini (problema alla coscia), 14 Biraschi (infortunio alla spalla).
DIFFIDATI: Destro, Ghiglione, Masiello.
SQUALIFICATI:-.

Martina Cianni