Fonseca: “Mourinho una boccata d’aria fresca nel 2000. Avevo già un accordo con il Tottenham, poi…”

Giacomo Emanuele Di Giulio
18/02/2023 - 12:40

Le parole dell'ex tecnico giallorosso Paulo Fonseca sulla sua carriera e su Josè Mourinho

Foto Tedeschi
Fonseca: “Mourinho una boccata d’aria fresca nel 2000. Avevo già un accordo con il Tottenham, poi…”

FONSECA MOURINHO ROMA – Torna a parlare l’ex allenatore della Roma, Paulo Fonseca. Il tecnico portoghese, attualmente è sulla panchina del Lille in Ligue 1 ed ha rilasciato alcune dichiarazioni a RMC Sport. Tanti i temi trattati dal lusitano riguardanti la sua carriera e uno dei suoi colleghi come Josè Mourinho.

Le parole di Fonseca

Prima di firmare per il Lille, eri vicino al Tottenham. Cosa è successo?
“Dopo la mia partenza dalla Roma c’era l’accordo quasi definitivo, era chiusa. Ma c’è stato l’arrivo di un nuovo direttore generale che ha optato per un altro allenatore. È stato fatto tutto all’ultimo momento, ma questo è il calcio. È una questione di scelte”.

In Portogallo, LaLiga, la Premier League e la Serie A sono molto pubblicizzate. La Ligue 1 molto meno. Cosa ti ha sorpreso di più dal tuo arrivo in Francia?
“Molte cose. Innanzitutto devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla qualità del gioco, le squadre si affrontano a viso aperto e c’è una grande incertezza nei risultati; poi ci sono tanti, tantissimi bravi giocatori in questo campionato, soprattutto giovani. E mi piacciono molto gli stadi, l’atmosfera e il modo in cui le persone vivono le partite. E poi c’è una cosa di cui non abbiamo mai parlato e che mi è piaciuta molto: l’arbitraggio. La qualità e il livello degli arbitri in Francia è stata una sorpresa molto piacevole”.

Mourinho ti ha ispirato molto quando hai iniziato ad allenare negli anni 2000. In quale aspetto lo ha fatto, precisamente?
“Mourinho ha rotto con il tradizionalismo che esisteva nel calcio portoghese all’epoca. È stata una boccata d’aria fresca. Soprattutto, era la sua leadership, il modo appassionato con cui guidava le sue squadre”.

Il Portogallo è il paese degli “allenatori-insegnanti”. Anche tu ti consideri un po’ in questo modo?
“Non mi vedo come tale. È vero che la nostra scuola per allenatori ha avuto molto successo. Ed è da sottolineare che noi, come piccolo paese, con così pochi mezzi, riusciamo ad avere tanti bravi allenatori e giocatori. Mi vedo più come un allenatore portoghese che ha deciso di rischiare una carriera fuori dai suoi confini e che ha avuto il piacere di allenare nei migliori campionati, in Italia e ora in Francia. So che al momento abbiamo pochi allenatori nei massimi campionati – se non dimentico qualcuno, abbiamo Mourinho, Marco Silva e Carlos Carvalhal. Spero che la nostra scuola continui a formare buoni allenatori in modo da essere ancora più numerosi nei migliori campionati. Perché penso che abbiamo qualità”.

Scrivi il primo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*