Foto Getty

ROMA SAMPDORIA INTERVISTA FONSECA – Tutte le dichiarazioni dell’allenatore giallorosso Paulo Fonseca in occasione di Roma-Sampdoria, match valido per la 27esima giornata di Serie A.

FONSECA A SKY SPORT

Oggi ci voleva pazienza, la Samp si chiudeva. La squadra ha saputo reagire. È soddisfatto?
Siamo entrati bene, è stata la nostra prima partita. Abbiamo creato almeno due situazioni per fare gol. Dopo l’abbiamo preso e siamo stati meno tranquilli. Ma il secondo tempo è stata una gara diversa.

Sente di aver rischiato a rinunciare a Pellegrini?
Non avevo altra possibilità. È stato infortunato e ha fatto 3/4 giorni di allenamento. È entrato molto bene e ha fatto un assist vincente. Vediamo ora che succede.

La Champions League per la Roma è possibile ora attraverso il sorpasso all’Atalanta oppure vincendo l’Europa League anche con Zaniolo?
Abbiamo due possibilità. Ma devo dire che l’Atalanta è in un grande momento. Non è facile. Ma noi dobbiamo crederci fino a fine stagione, non possiamo perdere punti. Dobbiamo prima pensare a noi e alle nostre partite. E poi non dimentichiamo che giocheremo con una grande squadra come il Siviglia in Europa League. Ora dobbiamo pensare prima al campionato, ma sono fiducioso

Dzeko è il più grande attaccante che abbia mai allenato?
Ha dimostrato anche questa sera di essere un giocatore fantastico. Le reti di questa sera le fanno solo i grandi attaccanti.

Cosa ha oggi ibañez più degli altri?
La mia valutazione è avvenuta in allenamento. Mancini ha avuto un problema, si è allenato poco come Pellegrini. Mentre ibañez si è allenato bene e ha fatto una buona partita. Ha meritato questo momento, non è facile per un giovane la prima partita. Ma penso che abbia fatto bene.

Zaniolo può essere l’uomo in più visti i vostri obiettivi?
Sta bene, recupera bene. Si è allenato con la primavera e credo che tra una o due settimane tornerà ad allenarsi con noi.

FONSECA A ROMA TV

Non so se si aspettava una partita così…
E’ stata una partita difficile, la prima dopo il lockdown. Non abbiamo fatto partite di preparazione. Siamo entrati molto bene, abbiamo creato 3-4 situazioni. Dopo abbiamo preso gol e la squadra è stata lunga, ha lasciato spazio alla Samp. Dopo però la squadra ha trovato la strada per l’area avversaria, abbiamo sempre creato situazioni. Abbiamo giocato bene e abbiamo meritato questo risultato.

Il fattore campo viene meno, ma la rosa lunga quanto può aiutare? I 5 cambi?
Sono molto utili in questo momento, non abbiamo i giocatori nel miglior momento ora per questo avere 5 sostituzioni è molto importante. Abbiamo scelto questa squadra in un momento in cui abbiamo quasi tutti i giocatori tranne Pau Lopez e Zaniolo. Abbiamo giocato con qualcuno che si allenato solo per pochi giorni, come Pellegrini, Mancini e Zappacosta. Tutti hanno avuto un buon atteggiamento, sempre credendo che fosse possibile cambiare il risultato. Abbiamo meritato.

Nel primo tempo è mancata aggressione, ma non nel secondo tempo. Cambi o predisposizione mentale diversa?
Abbiamo parlato nell’intervallo e hanno capito che la squadra era molto lunga e che lo spazio tra i settori era molto grande. I centrocampisti erano lontani da Dzeko e Pastore e la difesa dai centrocampisti, abbiamo lasciato spazio alla Samp per creare occasioni. All’intervallo abbiamo parlato, la squadra è stata più aggressiva e corta. Abbiamo corretto e fatto una seconda parte diversa dalla prima.

Roma già in condizione, se la aspettava così o hanno dato qualcosa in più?
Avevamo una buona condizione fisica, è difficile valutare prima della partita. Tutti stanno fisicamente bene, le sostituzioni sono state importanti perché possiamo avere giocatori più preparati per i momenti della partita. Anche fisicamente abbiamo fatto una buona partita.

In bocca al lupo mister, anche perché l’Atalanta e le altre spingono…
Dobbiamo crederci e pensare a noi.