21 Luglio 2022

Filippo Roma: “Con Dybala ho ripercorso le emozioni di Batistuta. A Roma farà meglio che alla Juventus”

Le parole del giornalista sul colpo di mercato dei giallorossi

Il giornalista Filippo Roma è intervenuto ai microfoni de “il Diabolico e il Divino”, trasmissione condotta da Giuseppe Falcao e Simone LP su New Sound Level 90FM. Ecco, di seguito, le sue parole:

La Roma ha preso Dybala, che ne pensi?

Con Dybala ho ripercorso le emozioni di Batistuta nel 2000. È un progetto da campione a fenomeno. Lo abbiamo visto anche quest’anno lo storico problema degli infortuni della Roma si è molto ridotto. Per me Dybala da argentino qual è ha momenti di forza e momenti di fragilotà, ha bisogno di un ambiente caldo come il nostro e non uno freddo come quello di Torino. Qui a Roma ti mettono al centro del progetto, e io sono convinto che farà ancora meglio di quanto abbia fatto alla Juve.

È successa una cosa importante, l’annuncio dello studio di fattibilità per lo stadio a Pietralata, ci siamo?

Secondo me potrebbe esserci una congiunzione giusta nell’asse presidenza, proprietà e giunta. Probabilmente alla luce di un progetto meno ambizioso dal punto di vista immobiliare, se punti solo sullo stadio è più semplice. A prescindere poi dalla tifoseria la giunta mi sembra per il “sì”questa volta.

Capitolo Lazio, sembra che il Flaminio possa diventare il loro prossimo stadio

Ci ho fatto un servizio dentro il Flaminio, c’è una foresta dentro. È in uno stato di totale abbandono, dispiace vederlo così. Sarebbe bello però se le due squadre avessero due stadi diversi. Poi storicamente è il loro stadio, è a Roma nord, è più piccolo, tanto loro sono di meno (ride, ndr.). La possibilità di avere due società dentro Roma con due stadi diversi mi riporta un po’ alla concezione di calcio inglese, mi piacerebbe come cosa.

E l’Olimpico allora? Sarà solo lo stadio della nazionale?

È una bella domanda, una volta svuotato delle partite di calcio sarà importante capire cosa succederà. Da tifoso mi sento contrastato, da una parte ci sono affezionato ma dall’altra è stato anche teatro delle più grandi tragedie della nostra storia. Chissà che ci faranno. È comunque uno stadio nel quale le partite le vedi malissimo, per trovare parcheggio è un disastro, andava bene negli anni ’70, è ancronistico.

Noi percepiamo un po’ di nervosismo da Spalletti, la pensi come noi? Lo hai mai conosciuto?

Il Napoli lo stanno smantellando, a noi va bene eh (ride, ndr.), dobbiamo prenderci il quarto posto quindi per noi non è un male. Ti devo dire che l’ho apprezzato come allenatore. Non scordiamoci che prima della Conference l’ultimo trofeo vinto era la Coppa Italia con lui. Lui ha solo sbagliato la gestione della parte finale della carriera di Totti. Il suo limite è il carattere. Io una volta presi un caffè con lui perché feci uno spot a Trigoria, inizialmente era pure arrabbiato che fissiamo li noi de “Le Iene” poi si è calmato e ci ha offerto un caffè, è stato carino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.