Fermo Immagine: Roma non ti svilir, se in porta c’è Svilar

Redazione RN
10/03/2024 - 22:51

Continua l’appuntamento con la rubrica di Paolo Marcacci al termine delle partite della Roma. Ogni post-gara un commento su quanto mostrato dagli uomini di Daniele De Rossi

Getty Images
Fermo Immagine: Roma non ti svilir, se in porta c’è Svilar

FIORENTINA ROMA MARCACCI – Continua l’appuntamento con la rubrica di Paolo Marcacci al termine delle partite della Roma. Ogni post-gara un commento su quanto mostrato dagli uomini di Daniele De Rossi.

Roma non ti svilir, se in porta c’è Svilar

È, ancora una volta, un rigore un po’ più parato che sbagliato dal tiratore, in questo caso Biraghi. Era stato così anche nel vibrante finale contro il Feyenoord in Europa League. La serata è stata quella che è stata, con una formazione un po’ troppo “ibrida” all’inizio e ben presto innervositasi anche a causa dell’atteggiamento di Massa. Gli episodi hanno pesato molto, così come gli errori individuali, a cominciare da quelli difensivi nell’area della Roma. Alla fine, però, ce n’è uno che fa girare la partita, col senno di poi.

Un bel gesto tecnico, peraltro, va premiato al di là di ciò che alla fine viene decretato dal tabellino. Allora mettiamola così: se la Roma è rimasta in partita fino alla fine, il merito è del suo portiere, che la tiene viva nelle speranze di raggiungere il pareggio. Poi accade, per una serie di motivi, perché gli uomini di De Rossi, grazie all’impatto buono di Baldanzi sulla partita, pur se difettano quanto a produzione di potenziali assist negli ultimi venti metri e di conclusioni realmente pericolose, il pareggio lo trovano sull’ultimo granello di clessidra. Detto tutto questo, in una serata in cui chiaramente sul fronte romanista i sorrisi tornano all’improvviso, vogliamo ribadire che il portiere del presente e del futuro non va cercato altrove; casomai gliene va affiancato un altro di mestiere e che abbia una serena accettazione del ruolo di secondo. Nello specifico, la reattività e la freddezza in occasione dei rigori avversari sono soltanto una tessera del mosaico, visto che ha esibito completezza in uscita, tra i pali, nelle parate a terra. In porta, la vita è adesso, come canta un grande romanista.

Paolo Marcacci

Vedi tutti i commenti (1)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Spero di cuore che Belotti non lo facciano più appizzare dalle parti di Trigoria dopo la sceneggiata sul rigore e tutti o tuffi che ha fatto stasera.

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...