Falcone-Zalewski: cosa si sono detti arbitro e Sala Var dopo il contatto in area

Formazione 1
02/04/2024 - 11:07

Falcone-Zalewski: cosa si sono detti arbitro e Sala Var dopo il contatto in area

FALCONE ZALEWSKI VAR – L’episodio del minuto 55′ di Lecce-Roma ancora tiene sul banco degli imputati Marcenaro e il Var. Come riportato da Il Romanist, durante il consueto appuntamento con Open Var su Dazn, l’emittente ha cercato di mettere un punto sulla ricostruzione della vicenda tramite gli audio della sala Var e le parole dell’ex arbitro Antonio Damato.

Le parole di Damato e gli audio della sala Var

Come sarebbe dovuto intervenire per te il Var?
“Se fosse stato fischiato calcio di rigore in campo, il VAR avrebbe fatto il silent check come è stato fatto anche in caso di non rigore. Noi preferiamo che questi calci di rigore non vengano assegnati perché non vi è un’evidenza chiara di un intervento fraudolento da parte del portiere sull’attaccante. Fermo restando che gli elementi in caso di concessione di un calcio di rigore live, a velocità normale, per supportare una decisione di questo tipo da parte del VAR ci sarebbero stati e, quindi, ci sarebbe stato un silent check”. 

In questi casi di episodi così dubbi come ci si comporta?
“Sicuramente il calcio è uno sport di contatto e, quindi, già di per sé si espone a episodi che non sono né bianchi né neri, ma stanno nel mezzo. Quindi, quelli grigi, purtroppo, si espongono a questo tipo di interpretazione, nella quale molto spesso la migliore decisione la prende l’arbitro dal campo. Il VAR interviene solo davanti a un chiaro ed evidente errore. Questo di Zalewski, se l’arbitro avesse fischiato sul terreno di gioco calcio di rigore, il VAR probabilmente avrebbe avuto elementi per fare il check perché ci sono elementi per sostenere la decisione di concedere un rigore. Non essendo, però, una dinamica chiara ed evidente da calcio di rigore da on field review, rimane quello che ha visto l’arbitro”. 

L’audio della sala Var

Sala VAR: “Mi dai l’immagine quella frontale?”
Sala VAR: “Guarda Ale, non è un contatto. Ma è il portiere che lo prende poi?”
Sala VAR: “No, perché lui gioca la palla”.
Sala VAR: “Per me questo poi diventa un contrasto di gioco, perché va addosso il portiere, colpisce prima il suo difensore. Guarda. E poi vanno addosso a lui, ma diventa quello diventa uno scontro di gioco. Non vedo imprudenza, per me è tutto regolare”.
Sala VAR: “Abbiamo controllato su Zalewski e non è nulla”.

Vedi tutti i commenti (9)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. Alla terza giornata, in Roma Milan, fu dato un rigore analogo perché Rui Patricio si scontrò con loftus cheek dopo che questi aveva giocato il pallone.
    Episodio del tutto sovrapponibile a quello di ieri sera.
    Allora, come anche ieri, l’arbitro non ravvisò nulla di irregolare ma – al contrario di ieri – fu il VAR ad intervenire di sua sponte e a richiamare la on field review.
    Come la mettiamo? 🧐

  2. scandaloso, se penti la punta dello scarpino in velocita, danno il rigore, a questo lo hanno investito in due, in maniera scomposta, e non hanno dato nulla, roba da pazzi e so pure pagati per rovinare ed indirizzare i campionati

  3. Secondo me questo non è rigore perché, al momento del contrasto, Zalewski ha già giocato la palla. Poi se ogni tanto hanno dato rigori per episodi simili, hanno sbagliato le altre volte a darli.

    1. Ma ti rendo conto o no che il fatto che in molti altri casi analoghi il rigore sia stato concesso NON sia un dettaglio sul quale si possa sorvolare?!?!
      Il regolamento non è mai cambiato, ma gli stessi che allora giustificarono il rigore dato al Milan per il contatto Rui Patricio – Loftus Cheek, ora sostengono che l’analoga collisione tra Zalewski e Falcone (+ il difensore del lecce) NON giustificasse un penalty!!!!

    2. Per tua informazione il regolamento fine anche a palla già giocata e procuri un danno è fallo quindi rigore……ricordati del rigore dato al Milan per il fallo di tuo sul giocatore del Milan che aveva già giocato la palla….

      1. tra l’altro l’azione poi continua e la palla ritorna nella zona di zalesky che ovviamente non la può rigiocare perche è steso a terra dolorante….ingiustizia clamorosa…….

    3. Se ti arrivano due persone addosso in area in maniera scomposta è fallo e quindi rigore anche se la palla non ce l’hai. Non è che se la palla ce l’ha il Lecce il portiere può dare un pugno all’attaccante.

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...