Foto Tedeschi

CSKA SOFIA ROMA ABRAHAM – Con 6 gol in 6 gare di Conference League, Tammy Abraham si conquista la palma di capocannoniere di coppa della Roma. E’ lui il nuovo “bello di notte”, il goleador delle serate europee giallorosse. “Bello di notte” era l’appellativo attribuito a Zibi Boniek dall’avvocato Gianni Agnelli durante la sua militanza nella Juventus, in riferimento alle sue buone prestazioni in occasione delle partite di coppa. Oggi i tempi sono cambiati, e dopo il calar del sole si giocano anche le gare di campionato, ma non cambia la sostanza. Il giovane talento inglese, che contro il CSKA Sofia ha realizzato la sua seconda doppietta consecutiva in Europa dopo quella rifilata nel 4-0 allo Zorya, mentre fatica ancora a trovare la giusta marcia in campionato, si sta imponendo come l’uomo in più di Mourinho per provare a conquistare questo la prima edizione della Conference League. Torneo che non sarà prestigioso come una Champions, ma potrebbe servire a riaprire la bacheca di Trigoria.

Roma direttamente agli ottavi di Conference League

Vincere aiuta vincere. E allora perché non provare seriamente ad arrivare fino in fondo alla competizione, sfruttando l’opportunità data dal primo posto nel girone? Forse in pochi credevano alla parziale battuta d’arresto del Bodo in casa dello Zorya. Il pari e la contemporanea vittoria dei giallorossi hanno consentito alla Roma di godersi, fredda, la rivincita sui norvegesi dopo l’inaspettato 6-1 e il 2-2 nel doppio confronto. I giallorossi chiudono dunque al comando il gruppo con 13 punti, uno in più del Bodo Glimt (che va ai playoff) e si qualificano direttamente agli ottavi di finale.  Una buona notizia per Mourinho che evita il turno di spareggio e quindi un doppio impegno in meno in stagione.

Borja Mayoral cerca spazio e lo meriterebbe

Due partite in meno da giocare sono tanta roba sotto l’ombra del Colosseo con l’infermeria che si svuota e si riempie a tempi record. In Bulgaria la Roma ha infatti perso Nicolò Zaniolo per infortunio. La gara dell’azzurro è durata appena 16’, costretto a chiedere il cambio dopo essere entrato per sostituire Darboe. Lo Special One potrebbe ora approfittarne anche per dare più spazio a Borja Mayoral che si è ben comportato a Sofia. Oltre a segnare il secondo gol della partita, una sua invenzione, è stato protagonista di una buona prestazione e di tanti buoni comportamenti. Nonostante le tante panchine, dallo spagnolo non sono mai arrivati sfoghi reclamanti più attenzione. Ha sempre continuato ad allenarsi e a lavorare con la stessa intensità a Trigoria, sperando di trovare, prima o poi, il suo posto al sole e soprattutto di sfruttarlo al meglio come è stato bravo a fare a Sofia.

GSpin

3 Commenti

  1. Infatti non si capisce perché Borja non gioca di più; ha nettamente più classe di Shomourodov e può essere un ottima spalla per Tammy!
    Ma perché Mou ha fatto entrare Zaniolo, giocatore estremamente delicato, sul 3 a 0 su di un campo del genere col freddo? Non poteva lasciare Mayoral fino alla fine con Shomourodov?

  2. Mayoral è il più sottovalutato da mourinho, ma secondo me può comodamente essere affiancato ad abraham, sarebbe un peccato lasciarlo andare via perché secondo me era ed è l’arma in più della Roma

Comments are closed.