Foto Tedeschi

ROMA VERONA, L’AVVERSARIA – La Roma si prepara a scendere nuovamente in campo all’Olimpico per affrontare il Verona di Juric. L’obiettivo è come sempre vincere, per scacciare definitivamente la crisi e tenersi stretto il terzo posto, ancora insidiato da Juventus e Atalanta. Dopo la sconfitta a tavolino per 3-0 nel girone di andata, causata dal mancato inserimento di Diawara nella lista over 22, i giallorossi vogliono rifarsi.

Prossimi impegni

Roma-Verona (20° turno di Serie A, 31 gennaio ore 20.45, Stadio Olimpico)
Udinese-Verona (21° turno di Serie A, 7 febbraio ore 15.00, Stadio Friuli)
Verona-Parma (22° turno di Serie A, 15 febbraio ore 20.45, Stadio Bentegodi)
Genoa-Verona (23° turno di Serie A, 20 febbraio ore 18.00, Stadio Ferraris)

Come il Verona arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di Serie A ha visto il Verona impegnato in casa contro il Napoli. Il match andato in scena al Bentegodi è terminato con una clamorosa vittoria in rimonta per i gialloblù. I partenopei sono passati in vantaggio dopo appena un minuto dal fischio d’inizio con Lozano. Al 34′ però gli uomini di Juric sono riusciti a riportare il risultato in parità grazie alla rete di Dimarco. Nel secondo tempo poi sono arrivati gol che hanno definitivamente messo ko gli azzurri, siglati rispettivamente da Barak e Zaccagni. La sfida è quindi finita 3-1 per il Verona, che ora si trova all’8° posto in classica con 30 punti.

Punti di forza e debolezze

Il bilancio del Verona in campionato è positivo: in 19 gare sono arrivate 8 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte. I gol realizzati sono stati 25 (media di 1.32 a partita) e quelli subiti 18 (media di 0,9 a partita). Con questi numeri, quella gialloblù è attualmente la miglior difesa della Serie A, insieme a quella della Juventus. Gli uomini di Juric non brillano in Serie A per il numero di tiri (185 totali e 89 in porta, quintultima) e di cross (81 utili e 139 sbagliati) effettuati e per il numero di corner battuti (76, quintultimi). Sono però tra le prime 6 squadre che hanno macinato più chilometri in campo (media di 109.7 a match). I gialloblù sono stati piuttosto sfortunati con i legni finora: ne hanno colpiti ben 12. Solo il Milan ha fatto peggio (14). Un record però lo detengono, quello relativo ai fuorigioco fischiati (49). Sono invece ultimi per quanto riguarda i gol messi a segno di testa (2). Negativi anche i dati relativi al possesso palla: tengono il pallone in media per 22’51 minuti (quartultimi in Serie A), 12’52 dei quali nella loro metà campo e 9’59 in quella avversaria. Fino a questo momento il rendimento del Verona è stato migliore in casa, dove ha collezionato 5 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte, ha segnato 15 gol e ne ha subiti 10 (media di 1.70 punti a gara). In trasferta invece sono arrivate 3 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte, sono state realizzate 10 reti e ne sono state incassate 8 (media di 1,44 punti a gara). Un’occhiata al cronometro rivela che la squadra di Juric tende ad essere più pericolosa tra il 60′ e il 75′ (33% dei gf) e che risulta invece più vulnerabile nel primo quarto d’ora della ripresa (33% dei gs).

I numeri dei singoli

Per la Roma l’uomo da tenere d’occhio nel Verona è senza dubbio Mattia Zaccagni, miglior marcatore con 5 gol realizzati in 19 partite. E’ anche il giocatore che ha effettuato più tiri (21) e servito più assist (5). Sul secondo gradino del podio c’è invece Barak (4 reti). Dimarco spicca tra i compagni di squadra per il numero di occasioni da gol create (12). Ilic vanta invece la più alta percentuale di precisione dei passaggi (85%). Ceccherini è il giocatore che vince più duelli aerei a partita (media di 3.4) e Vieira è quello che macina più chilometri in campo (media di 11.3). Il giocatore più utilizzato da Juric in stagione è il portiere Silvestri (19 presenze su 19), finito nuovamente nel mirino della Roma per sostituire Pau Lopez. L’estremo difensore gialloblù ha collezionato ben 5 clean sheet in 19 partite (26.3%). Solo Donnarumma e Gollini hanno fatto meglio.

Le scelte di Juric per Roma-Verona

Il modulo più utilizzato da Juric in campionato è senza dubbio il 3-4-2-1, impiegato in 16 match su 19. Per la sfida contro la Roma il tecnico del Verona dovrà fare a meno degli infortunati Benassi (problema al polpaccio) e Veloso (lesione muscolare al polpaccio). Da valutare invece Ruegg (distorsione alla caviglia), Favilli (lesione muscolare coscia destra) e Vieira (lesione muscolare coscia sinistra). Out anche lo squalificato Magnani. In porta ci sarà come sempre Silvestri, poi difesa a tre con Dawidowicz, Gunter e Lovato. Davanti spazio a Faraoni, Tameze, Ilic e Dimarco. Sulla trequarti, dietro all’ex giallorosso Kalinic, ci sarà invece la pericolosa coppia formata da Barak e Zaccagni. A disposizione anche i due nuovi acquisti Sturaro e Lasagna.

La probabile formazione

VERONA (3-4-2-1): 1 Silvestri; 27 Dawidowicz, 21 Gunter, 6 Lovato; 5 Faraoni, 61 Tameze, 14 Ilic, 3 Dimarco; 7 Barak, 20 Zaccagni; 29 Kalinic.
A disp.: 22 Berardi, 25 Pandur, 15 Cetin, 72 Danzi, 8 Lazovic, 40 Bessa, 9 Salcedo, 10 Di Carmine, 13 Udogie, 90 Colley, 17 Ceccherini, 33 Sturaro, 92 Lasagna.
All.: Ivan Juric

BALLOTTAGGI: Faraoni-Dimarco, Dimarco-Lovato.
IN DUBBIO: 19 Ruegg (distorsione alla caviglia), 11 Favilli (lesione muscolare coscia destra), 26 Vieira (lesione muscolare coscia sinistra).
INDISPONIBILI: 24 Benassi (problema al polpaccio), 4 Veloso (lesione muscolare al polpaccio)
DIFFIDATI: Dimarco, Zaccagni.
SQUALIFICATI: Magnani (un turno, salta la Roma)

Martina Cianni