Foto Tedeschi

ROMA AJAX INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-Ajax, match valido per il ritorno dei quarti di Europa League.

Dzeko a Sky Sport

Complimenti un’altra grande prestazione…
Alla fine ce l’abbiamo fatta che è la cosa più importante, anche se abbiamo sofferto tanto anche oggi. La squadra ha fatto vedere carattere, soprattutto dopo l’1-0. In passato avremmo mollato, oggi abbiamo corso fino alla fine e abbiamo meritato la finale

Cristante non si libera del pallone e fa ripartire l’azione dal basso poi corsa incredibile di Calafiori…
Bisogna stare lì dove arriva la palla. A 35 anni magari corro di meno, ma la palla è arrivata lì. Sono stato fortunato, ma contento. Quello che abbiamo fatto col gol dovevamo farlo anche in altre situazioni. Sono contento anche per l’assist di Calafiori, che non ha giocato tanto quest’anno e oggi è stato decisivo.

Questa Roma può arrivare in finale?
Siamo arrivati qui, vuol dire che sì. Non abbiamo avuto un cammino facile, sicuramente. Braga e Shakhtar sono forti, Ajax ancora di più. Siamo arrivati in semifinale battendo squadre forti. Ci aspetta una squadra con un grande nome, ma noi siamo la Roma. Dobbiamo dare tutto per andare in finale.

Tu hai vinto tanto in carriera, adesso ci sarà il fascino di affrontare lo United per te. La Roma può giocarsela alla pari?
Siamo arrivati in semifinale, vuol dire che sì. Sicuramente non abbiamo avuto un cammino facile. Il Braga è forte, lo Shakhtar non ne parliamo, l’Ajax ancora di più. Siamo arrivati in semifinale battendo squadre forti. Ora ci aspetta un’altra forte, ma noi siamo la Roma e dobbiamo dare tutto per arrivare in finale.

Contro il Liverpool e oggi c’è solo una cosa in comune: tu. Tutti gli altri sono cambiati. Al di là della fascia ti senti la Roma?
Meno male che sono stato in campo allora (ride, ndr). Questo è il mio sesto anno qui. Ci sono stati tanti alti e bassi in questa stagione. Al livello personale non ero al meglio per tante cose, ma non mi piace guardare indietro. Quello che è successo è successo. Dobbiamo guardare avanti. Siamo in semifinale e tanti non se lo aspettavano. Ci sono tanti ragazzi che giocano una semifinale per la prima volta. Dobbiamo divertici perchè non si gioca ogni settimana all’Old Trafford.

Quanto è importante per te restare alla Roma il prossimo anno?
Difficile pensarci adesso. Abbiamo una semifinale da giocare e altre 8 partite in campionato. Bisogna giocare fino alla fine e poi vediamo.

Da ex calciatore mi chiedo quanto possa essere stato complicato per te dover fermare il motore e farlo ripartire al livello mentale… ormai la Roma ce l’hai dentro…
E’ dura. Tu lo sai meglio di tutti. Hai giocato a livelli alti con una squadra. Certe cose erano difficili da accettare, ma io sono sempre stato forte di testa e penso che non potevo arrivare qui se ero uno labile di testa. E’ una cosa che mi ha portato sempre avanti, anche in questa situazione. Non torno mai indietro, la cosa importante è la Roma, non la fascia o Edin Dzeko.

Dzeko a Roma TV

Hai messo la firma sul passaggio del turno…
Sì, dopo la semifinale di Champions un’altra semifinale di Europa League. Una cosa bellissima per la Roma, la società e i tifosi. Siamo contenti di giocarcela con lo United per la finale.

Con questo gol entri ancora di più nella storia della Roma…
Sì, sono contento perchè il gol di oggi ci ha portato in semifinale. Più di tutto sono contento per la squadra.

E per i tifosi…
Certo. Purtroppo non potevano stare oggi qui con noi. Sarebbe stata un’altra grande serata internazionali con i tifosi. Speriamo che possano tornare presto perchè la Roma ha bisogno di loro.

3 Commenti

  1. Grande Edin, ma non è certo merito del gioco e del tecnico se arriviamo in semifinale.
    Baricentro bassissimo, tutti passaggi al portiere che invece di rilanciare smista la palla ai difensori. Ma che modulo è? Abbiamo avuto il 28% di possesso palla… roba che nemmeno la più scarsa squadretta di serie C farebbe! Il bello è ce cose del genere le vediamo costantemente anche in campionato. Il gioco di Fonseca è assolutamente RIDICOLO! Funziona se hai Neuer e un Mascherano in difesa ma anche altri 9 fenomeni davanti. Spero che i Friedkin abbiano gli occhi per vedere lo schifo di gioco del mister e che sia un motivo di giudizio quando a fine stagione dovranno decidere per la conferma o meno. Fonseca non è l’allenatore giusto. Va bene per l’Ucraina o il Portogallo ma è scarso.
    Arriviamo in finale, magari vinciamo la finale e poi cordialmente CIAO alla prossima.

Comments are closed.