Agresti: “Florenzi fa troppi ruoli, ha perso la sua identità tattica”

Redazione RN
23/06/2018 - 17:10

Agresti: “Florenzi fa troppi ruoli, ha perso la sua identità tattica”

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Stefano Agresti a Radio Radio: “La Roma avrebbe ceduto Nainggolan già a gennaio. E’ una mossa azzardata, io non l’avrei mai ceduto a meno di sua esplicita richiesta, tantomeno l’avrei dato all’Inter. Se partissero anche Manolas e Alisson scatterebbe un allarme importante. Florenzi fa troppi ruoli, ha perso la sua identità tattica. Si è messo al servizio della Roma e ne paga le conseguenze. Fa tanti ruoli e non è bravo in nessuno”.

Gianluca Piacentini a Tele Radio Stereo“Se il mercato finisse oggi il bilancio sarebbe positivo. La cessione di Nainggolan è dolorosa, ma sono arrivati tanti ottimi elementi. Spezzo una lancia per Santon, che non viene a fare il titolare ma il quinto esterno. Kovacic farebbe comodo, ma al momento non credo siano previste altre entrate a centrocampo. La cessione di Alisson sposterebbe il giudizio del mercato. I soldi della sua cessione possono essere investiti su Ziyech e sulla difesa”.

Andrea Pugliese a Tele Radio Stereo“Al netto della cessione di Nainggolan, il mercato della Roma mi piace. Arriva tanta qualità e talento, il centrocampo sta cambiando fisionomia. C’è il rischio di non vincere subito, ma si mettono le basi per una squadra fortissima. La cessione di Alisson resta molto probabile, direi che la possibilità che resti è al 20%. Bisogna vedere come verranno reinvestiti gli eventuali 70 milioni che entreranno. Il brasiliano mentalmente si sente un giocatore del Real Madrid”.

Alessandro Austini a Tele Radio Stereo: “Nainggolan? Il fatto che la Roma decida di vendere un calciatore che tutti, al di fuori da Trigoria, vorrebbero tenere è un segnale di grande forza. È stata una scelta ponderata e mirata della Roma. È vero che bisognava sistemare i conti anche quest’anno, ma la Roma avrebbe potuto farlo anche in altri modi se avesse voluto. Kovacic? Magari, anche se si è un po’ bloccato la carriera a Madrid. Alisson? Mi delude un po’ che voglia subito andare al Real Madrid. Per lui è arrivata anche un’altra pretendente ed è il Chelsea. Io credo che il giocatore abbia messo in secondo piano l’offerta del Liverpool, credo che abbia una netta preferenza per il Real. Noi non ci stiamo rendendo conto: al 23 giugno Monchi ha preso 9 calciatori e stiamo facendo passare questa cosa per normale. Monchi ha iniziato a farci vedere la sua impronta. Per la Roma sarebbe un problema serio se il Chelsea pagasse la clausola rescissoria di Manolas, non ha messo in conto la cessione di un centrale difensivo titolare. Il colpo di mercato lo farei in cabina di regia”.

Riccardo Angelini a Tele Radio Stereo: “Per il bene di tutti, è giusto che l’avventura di Nainggolan alla Roma sia finita in questo momento. La Roma secondo me è diventata più convinta di sé stessa, delle proprie potenzialità”.

Marco Cassetti a Tele Radio Stereo: “Bianda a mio avviso andrà in prestito in una squadra di seconda fascia. Per me la Roma deve costruire una squadra fatta da uomini veri, che sappiano reagire nei momenti difficili”. 

Franco Melli a Radio Radio: “La Roma ci deve dire se vuole fare una squadra da terzo o quarto posto, o se vuole competere con la Juve per lo scudetto. La rivoluzione copernicana non porta a niente. Un giudizio sul mercato della Roma ancora non si può dare, bisogna vedere le cessioni. Con i giovani in futuro potrai essere competitiva, ma nell’immediato no. La cessione di Manolas sarebbe molto grave. Lui più Nainggolan, come peso specifico, valgono più della vendita dell’anno scorso di Salah. Il rischio che Pallotta vada via c’è, visto che i tempi per lo stadio si allungano”. 

Guido D’Ubaldo a Radio Radio: “Monchi ha preso Bianda, ma è un acquisto in prospettiva. È un difensore giovane, ma non sarebbe l’eventuale sostituto di Manolas che è padrone del proprio destino avendo una clausola rescissoria. Sarri lo vuole con insistenza, per me c’è il 60% di possibilità che vada al Chelsea. Florenzi rimane alla Roma al 70%, per quello che rappresenta, per il ruolo all’interno dello spogliatoio e per il valore tecnico. La firma è stata rimandata per gli impegni del suo agente all’estero”. 

Roberto Pruzzo a Radio Radio: “Il mercato della Roma a oggi è positivo. L’idea di ringiovanire mantenendo la qualità mi sembra una mossa giusta. Sono convinto che Pastore potrà dare tanto nel nostro campionato. La cessione di Nainggolan? Ci sono delle scelte che in certi momenti devi fare per il bene comune. Secondo me la continuità di Pallotta non dipende dalla costruzione dello stadi”.

Vedi tutti i commenti (50)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

    1. Fa un po’ strano che il primo commento non sia di Jacopo, di solito offre lui gli spunti sulla rubrica, ma in sua assenza hai fatto benissimo Spaccia, un FORZA ROMA per iniziare è sempre la mejo cosa.
      Già che ci sono mi rivolgo a Massimo: volevo chiederti una cosa in merito ai bonus. Prendiamo ad esempio Defrel. Quest’anno dubito si siano verificati dei bonus. Se lo cediamo quest’anno, quei 3 milioni di bonus non possono verificarsi, quindi non devi né darli al Sassuolo né contarli in bilancio, giusto? Insomma, cederlo in prestito con obbligo per una 15ina di milioni mi sembra una buona operazione, faresti pure una plusvalenza di quasi 4 milioni nel prossimo bilancio. Giusto? FORZA ROMA!!

      1. Ciao Fidel, il contratto di Defrel, credo lo avevo già scritto, ad ogni modo te lo riposto:

        Defrel è stato preso nel luglio 2017 con prestito fino al 30.06.2018 a 5 milioni con obbligo di riscatto del cartellino per 15 milioni più 3 di bonus. L’01.02.2018 si sono verificate le condizioni concordate per il concretizzarsi dell’obbligo di riscatto. Per cui dall’01.07.2018 Defrel sarà ufficialmente un giocatore della Roma fino al 30.06.2022.

        Nel conto economico del bilancio 01.07.2017-30.06.2018 sono stati contabilizzati i 5 milioni del prestito effettivamente corrisposto al Sassuolo.

        Mentre nel conto economico dei prossimi 4 bilanci di esercizio verrà contabilizzato l’ammortamento del cartellino di 15 milioni pari a 3,75 milioni all’anno più i bonus, ogni volta che matureranno, fino ad un massimo di 3 milioni, che andranno iscritti così come sono ogni volta con segno meno anche in conto economico

        Finanziariamente parlando, invece, al Sassuolo sono stati corrisposti i 5 milioni del prestito e in seguito verranno corrisposto i 15 milioni del cartellino in tre rate del valore ognuna concordata in precedenza dalle due società per la dilazione di pagamento a partire dall’01.07.2018, più i bonus ogni volta che matureranno.

        I bonus….no che je devi da…semmai lui a noi! ?

        Si, credo che a luglio 2019 il residuo del cartellino sarà di 11,25 milioni, per cui un prestito a 1 milione con obbligo di riscatto a 15 milioni genererebbe una plusvalenza di 3,75 milioni.

        Se qualcuno se lo prende..?

      2. Capito, benedetti bonus ahah!! Poi Massimo mi stavo domandando: se a questo bilancio, per il FPF, chiudiamo in positivo, poi quel positivo non si può considerare anche per il prossimo anno? Perché da quanto ho capito, stiamo cedendo adesso più che altro perché Pallotta non ha intenzione di fare una nuova ricapitalizzazione e buttare soldi, dato che tanto con il FPF siamo bene o male a posto (o comunque basterebbero le cessioni di skorupski e tumminello). E poi, prima di calcolare di quanto sarà la forbice da coprire per il bilancio 2018/19, sbaglio o dovrebbero essere considerati i nuovi ricavi TV? Se non sbaglio embè ha scritto tempo fa che la Roma dovrebbe guadagnare almeno una quindicina di milioni in più da questa fonte. Non sarebbe roba da poco. Quando mi saranno più chiari questi 2 elementi, allora, potrò fare una previsione per il prosieguo della campagna acquisti.

      3. Al momento non ho elementi. Potrebbe essere che abbiamo avuto un rosso di 60 milioni ad esempio, l’Uefa almeno per quest’anno ci abbia imposto il pareggio al lordo costi virtuosi e le cessioni, compreso il ninja, servano a questo. Come può essere che Pallotta si sia rotto le balls (perchè altrimenti perchè già dichiarare che siamo usciti dal settlement?) o tutte e due le cose.
        Ma Se siamo usciti dal settlement, l’Uefa avrebbe dovuto darci già da quest’anno un nuovo triennio con tolleranza. Invece…sembra voglia il pareggio. Non so…

        Se l’Uefa comunque ci darà un nuovo triennio dall’anno prossimo con, speriamo una tolleranza maggiore di 30 milioni essendo usciti dal settlement, l’eventuale saldo positivo ai fini Uefa di quest’anno non dovrebbe sommarsi ai prossimi tre. Per i diritti, bisognerà aspettare un altro po’. Quindi credo sia presto per fare previsioni.

    1. Fidel, la mia risposta di prima in effetti fa un po’ schifo! ? ho scritto al lordo dei costi virtuosi invece era al netto….comunque..fa schifo!

      c’era mia figlia che mi metteva fretta per uscire…ne riparliamo meglio domani. Comunque, la cosa certa che al momento c’è molta confusione sia sui diritti tv che sul fpf…..ciao a domani….non mollare di un centimetro!!

    2. Fidel, la risposta che ti ho dato fa un po schifo! ? volevo dire al netto dei costi virtuosi e ho detto al lordo…insomma …fa proprio schifo! …c’era mia figlia che mi metteva fretta per uscire.

      In realtà è vero, abbiamo ad oggi pochi elementi per fare previsioni, ma ne possiamo parlare con più calma domani. Forza Roma!!

  1. Nainggolan farebbe meglio a stare zitto, compresa la moglie. La social dipendenza (non solo social) lo ha spesso messo in cattiva luce. Adesso cerca in tutti i modi di scaricare le colpe sulla Roma per la sua cessione all’Inter del socio Spalletti, per mascherare la sua effettiva voglia di sacrificarsi nuovamente per re pelato toscano. Si è campionibanche negli atteggiamenti, quelli che non ha il Ninja. Forza Roma!

    1. @Cic Ma faresti meglio a stare zitto tu.. Guarda che abbiamo gia avuto chi mandava la moglie a dire minghiate in tv però allora ti andava bene eh ? Hai solo i paraocchi

      1. Forza Roma, il resto passa ..calciatori compresi. Chi vive di frustrazioni per il gioco del calcio NON vive. Daje Roma sempre!

      2. Cic,del Ninja si puo’ dire tutto ma non che non fosse attaccato alla Roma,l’anno scorso ha rifiutato il chelsea ed a novembre i cinesi,che lo avrebbero ricoperto d’oro.Per disprezzare il Toscano metti in mezzo il ninja che voleva rimanere a Roma.se ancora non lo hai capito è stato venduto per soldi e non per il suo comportamento,altrimenti non si spiegherebbero le trattative con i Cinesi a novembre.

      3. Cic per rispettarsi non bisogna essere per forza d’accordo.
        Buon fine settimana anche a te e ….
        Forza Roma, naturalmente

  2. Noi vendiamo Alisson, Manolas e Florenzi i migliori dopo Er Ninja, mentre l’Inter e la Rubentus, comprano tutti i migliori, noi ZERU TITULI, continuamo sempre cosi’, la Cenerentola (o Lupa, che allatta le due) delle grandi, a chi Pianjc, a chi Naing.. Ma quando faremo un salto di QUALITÀ, per essere considerati veramente IN TUTTO IL MONDO!!!!!!????? Aumento di capitale di 115 Mil. piu’ i soldi della Champions, e di molti sponsor gli ultimi QATAR e HYUNDAI, dove sono!!!!??? Una Societa’ di speculatori e BASTA, VERGOGNOSI!!! SEMPRE FORZA ROMA!!!!

      1. però stavolta MazzoneII non ha fatto il copia e incolla dei precedenti messaggi 🙂

    1. Comprendo lo stato d’animo, Mazzone II.
      Se si volge lo sguardo oltre il significato letterale delle parole, non si può non individuare la profonda e legittima esigenza di un cambiamento dello status quo.
      È un sentimento intrinsecamente positivo, da veicolare in modo costruttivo.
      A tal fine, manca solo un passettino per traguardare il pensiero verso l’azione.
      Un suggerimento potrebbe essere quello della raccolta fondi. Potresti, ad esempio, accedere a una delle piattaforme di crowdfunding (è il loro nome, in inglese, non è colpa mia) e avviare una raccolta di denaro collettiva tra tutti i tifosi della AS Roma. In questo modo, potremmo sbarazzarci degli odiosi speculatori americani, liberare la società da tutti i debiti fin qui contratti e sottrarre finalmente la nostra amata squadra dalla tagliola del fair play finanziario.
      Pensa che meraviglia: i tifosi proprietari dell’AS Roma, come l’Hertha Berlino.
      Dài, volere è potere. Non esitare.
      Regalaci un sogno!

  3. Buongiorno popolo giallorossi, la prossima settimana sarà quella decisiva per i trasferimenti di Naingolan e Alisson è comunque sarà anche la settimana degli arrivi salvo visite mediche per Pastore, Santon, Zaniolo, Bianda. Ora il toto mercato si sposta sull’acquisto di un portiere che mi auguro sia Meret, un esterno offensivo che mi auguro sia Chiesa. Ad oggi le operazioni di mercato sin qui svolte da Monchi a me non sono dispiaciute, a tale proposito voglio spezzare una lancia per Santon, indipendentemente dalle sue prestazioni le considerazioni atletiche tecniche sportive e comportamentale dicono che sia un serio professionista se poi tutti lo ricordano per l’errore fatto con la Roma vorrei ricordare anche quanti sono stati gli errori di Florenzi, Dzeko, Manolas, Fazio, ma non è perché sbagliano anche loro sono delle pippe incommensurabili ma è solo perché i loro errori sono stati decisivi per l’esito di una gara. Allora come lo giudicate Bruno Peres che se non ci metteva il piede contro gli ucraini ci scordavamo delle doppie gare con Barcellona e Liverpool. Allora prima di giudicare intanto deve essere accolto come ogni altro giocatore poi non essendo con certezza un titolare è meglio giudicarlo quando sarà chiamato a difendete la nostra gloriosa maglia. Senza polemica ma all’inter sono famosi per disfarsi di giocatori validi Vi ricordo che anche Pirlo e Sedorf erano giudicati alla stessa stregua PIPPE. FORZA ROMA SEMPRE.

  4. Prospetti buoni e interessanti ma per vincere solo fra qualche anno. Nel frattempo il nostro meglio lo diamo agli altri

    1. Tu invece comincia a pensare…basta co sta storia… c’è solo a maja,daje Roma ,mai schiavi del risultato e altri slogan da tifosi ignoranti di quaranta anni fa

      1. Visto che sono ignorante illuminami tu e fammi cominciare a pensare dai, magari riesco ad aggiornarmi e ad arrivare a uno slogan moderno come VINCERE È L’UNICA COSA CHE CONTA! Questo ti aggrada di più vero? Preferisco rimanere nella mia ignoranza e ti saluto così: CHI TIFA ROMA NON PERDE MAI!! FORZA ROMAAAAAAAA!!!!!! (Immagino pure Forza Roma sia anacronistico per te)

      1. Con tutto il rispetto, ma io leggo molti tifosi che si lamentano perché vediamo vincere gli altri. Poi se uno controlla bene si accorge che vince la Juventus e nessun altro da 4 anni. La squadra più forte, ricca e con più mezzi. Quindi non altri ma una sola……..

  5. Un vero tifoso fa il cerchio difensivo attorno alla sua squadra per Difenderla contro Tutto e Tutti dal esterno. Quando uno si declara un tifoso e fa parte del cerchio difensivo ma ad ogni oppurtunita’ si gira all’interno e spara ai suoi per qualsiasi motive e un TRADITORE e basta. He is a Cancer that must be removed to save the team. Questi non sono tifosi Romanisti ne Romani ne Italiani. Al Massimo seguono la religione Fondamentalista del Medio Orientali. Its time for all good tifosi Romani to come to the Aid of their beloved Roma and Oppose these Cancerous Traitors at every turn. A tutti quelli di questo Forum che scrivano in maniera razionale e con eloquenza dalla nostra amata squadra e che mi insegnano l’Italiano, You Make My Day, Thank You! Scusate, l’Italiano non e la mia lingua. Forza Roma Today & Forever!

    1. Ciao grande, ti assicuro che ci sono italiani che scrivono molto peggio di te, sei stato chiaro in tutto. Tranquillo che non molliamo di un centimetro nella battaglia, FORZA ROMA SEMPRE COMUNQUE E OVUNQUE!
      P.S.: una curiosità se posso: da dove scrivi Rick? Un saluto!

      1. [CAT] Fidel96 grazie per il vostro supporto. Io scrivo da Windsor Ontario Canada. Il mio nonno ha venuto all’America dopo la prima guerra mondiale dove lui era un “genio” metallico militare al fronte Asiago dove costruiva ponti e fortificazioni. Lui aveva una foto di un muro di casa vicino al Piave con lo scritto “E meglio vivere un giorno da leone che 100 anni da pecora” e questo diventato il nostro modo di vivere. Un colonnello americano che era patrone di una azienda di metallo di Ditroit (laltra parte della riviera di Windsor) gli ha fatto una lettera che garantiva lavoro specializzato alla sua azienda. Nel 1920 lascio il suo piccolo paese circa 60km est da Roma e viene in America.

    2. Hai perfettamente ragione, Dobbiamo fare quadrato per difendere la Roma dalla proprietà stessa della Roma, prima che ce se vendono pure mi, tu nonna e la cugina di Monchi

  6. A mio avviso la cessione di Nainggolan per valore tecnico, tattico, caratteriale, affettivo, economico, e per la destinazione del giocatore, sara’ forse la piu’ dolorosa di sempre. Ma anche solo tecnicamente era il calciatore box to box piu’ forte che abbiamo mai avuto in squadra.

    1. Di sicuro è la più dolorosa della gestione Americana. Personalmente ho sofferto molto anche quella di Lamela, altre due che non ho preso benissimo sono state rudiger e Marquinhos (non considero giocatori acquistati prima della gestione Americana). Delle altre sinceramente chissenefrega. Spero non si aggiunga anche quella di Alisson, lui sarebbe davvero una grande perdita.

  7. Quanto mi piace Agresti quando commenta che Florenzi si è messo al “servizio” della Roma e per questo ne paga le conseguenze, fa tanti ruoli e non è bravo in nessuno. Ma se non è bravo in nessun ruolo non è poi quel campione che dice di essere per volere 4 milioni all’anno. Oppure mi sbaglio? Forza Monchi!

  8. Dato che manca jacopo, il superpippone ve lo faccio io oggi, così avete oggi e domani per leggerlo. Capisco che sarà complicato e ad almeno tre persone che ultimamente si sono affacciate su questa pagina scoppierà il cervello dopo tre righe, visto il loro livello intellettivo. Ma per tutti gli altri (i nuovi intendo …perchè i vecchi utenti se li sono già sorbiti )penso possa essere interessante. Un punto da cui partire per valutare la campagna acquisti della nostra Roma.
    Abbiamo più volte detto in questi mesi che in una società di calcio i movimenti finanziari (ovvero i soldi reali che entrano ed escono) seguono una strada, le iscrizioni in conto economico (quello che noi comunemente chiamiamo bilancio) di questi movimenti finanziari ne seguono un’altra.
    In questo contesto si inseriscono anche i concetti di plusvalenza e ammortamento:
    Giocatore X preso ad esempio a luglio 2018 con un quinquennale a 20 milioni.
    Finanziariamente la squadra che acquista pagherà alla squadra cedente la somma di 20 milioni in un massimo di tre rate (questo prevede la norma) di importo stabilito in accordo dalle due società. Con il prestito con obbligo di riscatto si aggira la norma delle tre rate e il corrispettivo pagato per il prestito del primo anno fungerà di fatto come una quarta rata.
    Di questi movimenti finanziari, il conto economico non verrà minimamente interessato. O meglio, verrà interessato secondo altre modalità attraverso le quali i movimenti finanziari verranno iscritti nel medesimo.
    Nell’esempio precedente di giocatore acquistato, a prescindere dai movimenti finanziari che interesseranno l’operazione, quello che verrà iscritto in conto economico è l’ammortamento annuale più l’ingaggio. Significa che nel conto economico annuale andrà iscritta la somma tot del costo del cartellino/anni di contratto, ovvero 20 milioni /5 anni di contratto = 4 milioni, più l’ingaggio lordo. Quindi l’ammortamento iscritto nei 5 conti economici successivi sarà di 4 milioni.
    Se il giocatore lo vendi l’anno successivo si andrà a calcolare la plusvalenza o la minusvalenza in questo modo. Costo residuo ammortamento del cartellino: Ancora 4 anni di contratto con 4 milioni di ammortamento = 16milioni. Se il giocatore lo vendi a 20 milioni si genera una plusvalenza di 4 milioni, se lo vendo a 15 si genera una minusvalenza di 1 milione. Questo a prescindere dai reali movimenti finanziari che interesseranno l’operazione.
    Nel caso di giocatore ceduto, a prescindere dai movimenti finanziari che regoleranno l’operazione la plusvalenza o la minusvalenza generata verrà tutta totalmente iscritta nel conto economico dell’anno in cui lo si cede.
    Alcuni esempi di operazioni di mercato:
    Salah è stato ceduto a giugno 2017 a 42 milioni di parte fissa più 8 di bonus.
    Tutta la plusvalenza è stata contabilizzata nel conto economico dell’esercizio 01.07.2016-30.06.2017.
    Sempre nel conto economico verranno depennati fli ammortamento e gli ingaggi lordi residui.
    Finanziariamente parlando, invece, la Roma riceverà dal Liverpool 42 milioni in tre tranche del valore ognuna concordato in precedenza dalle due società. In oltre il Liverpool, ogni volta che matureranno le condizioni concordate per i bonus, corrisponderà alla Roma la cifra corrispondente fino ad un massimo di 8 milioni, cifra che ogni volta andrà iscritta così com’è con segno + anche in conto economico.
    Defrel è stato preso nel luglio 2017 con prestito fino al 30.06.2018 a 5 milioni con obbligo di riscatto del cartellino per 15 milioni più 3 di bonus. L’01.02.2018 si sono verificate le condizioni concordate per il concretizzarsi dell’obbligo di riscatto. Per cui dall’01.07.2018 Defrel sarà ufficialmente un giocatore della Roma fino al 30.06.2022. Nel conto economico del bilancio 01.07.2017-30.06.2018 sono stati contabilizzati i 5 milioni del prestito effettivamente corrisposto al Sassuolo, più l’ingaggio lordo. Mentre nel conto economico dei prossimi 4 bilanci di esercizio verrà contabilizzato l’ammortamento del cartellino di 15 milioni pari a 3,75 milioni all’anno più i bonus, ogni volta che matureranno, fino ad un massimo di 3 milioni, che andranno iscritti così come sono ogni volta con segno meno anche in conto economico, più gli ingaggi lordi.
    Finanziariamente parlando, invece, al Sassuolo sono stati corrisposti i 5 milioni del prestito e in seguito verranno corrisposto i 15 milioni del cartellino in tre rate del valore ognuna concordata in precedenza dalle due società.
    Cristante è stato preso in prestito che andrà dall’01.07.2018 al 30.06.2018 per 5 milioni con obbligo di riscatto dall’01.07.2019 al 30.06.2023, quindi 5 stagioni a 10 milioni. Altri 10 milioni sono di bonus legati a determinati obbiettivi del calciatore e della squadra.
    Nel conto economico 01.07.2018-30.06.2019 verranno iscritti nei meno i 5 milioni del prestito. Dopodiché i restanti 10 milioni verranno ammortizzati nei cinque anni di contratto a partire dall’01.07.2019 iscrivendo in conto economico nei meno 2 milioni per ogni anno più i bonus ogni volta che matureranno, più l’ingaggio lordo.
    Finanziariamente parlando, invece, la Roma corrisponderà all’Atalanta un primo bonifico di 5 milioni per il prestito al momento del trasferimento, dopodiché pagherà sempre all’Atalanta gli altri 10 milioni nel numero di rate stabilito nell’accordo tra le due società.
    Quindi, quando si cede un calciatore la plusvalenza generata viene iscritta tutta e subito in conto economico. L’ammortamento viene depennato, così come l’ingaggio. Quando si acquista, invece, in conto economico va solo il prestito, se c’è, o solo l’ammortamento relativo all’anno a cui si riferisce il bilancio. Più ovviamente l’ingaggio lordo.
    Anche in questo contesto si inserisce la logica di una campagna acquisti/cessioni. Abbiamo detto più volte che dall’inizio di ogni esercizio finanziario, ovvero dall’01.07 di ogni anno alla fine dell’esercizio stesso ovvero il 30.06 di quel determinato anno, la Roma deve sostenere dei costi. Sono sostanzialmente la somma di quelli non sportivi (costi amministrativi, per le strutture, oneri fiscali e oneri finanziari) che ammontano a circa 120/130 milioni stando a quello che si può capire dalle ultime cessioni e quelli sportivi (ingaggi al lordo dei calciatori allenatore e staff, stipendi si tutti i dipendenti sportivi, commissioni procuratori…i cosiddetti costi allargati) che ammontano a circa 210 milioni. Tot 340 milioni di euro. Se vogliamo calcolare quelli che saranno i ricavi nella prossima stagione dobbiamo sommare i diritti tv nazionali per campionato e coppa Italia, i ricavi da sponsor, quelli degli abbonamenti allo stadio e poi ipotizzare un incasso annuo al botteghino. Sui diritti tv, ad ora, ci sono poche certezze, ma se ci rifacciamo giusto come esempio ai ricavi che si sono avuti per diritti tv, sponsor e botteghino nella stagione 2016/17 possiamo ipotizzare ricavi per circa 140 milioni ai quali andrebbero aggiunti 15 milioni di nuovi sponsor (qatar airways e Hyundai) . A questi vanno aggiunti quelli della qualificazione Champions. Ad oggi immaginando che la Roma esca agli ottavi come quarta, si può ipotizzare un incasso tra premi bonus, market pool e botteghino che si aggira intorno ai 45 milioni. Quindi i ricavi certi che la Roma avrà nella prossima stagione saranno si circa 200 milioni. A fronte di costi che si aggirano, come detto, sui 340 milioni la Roma avrà da recuperare attraverso altri ricavi una somma che sarà di circa 140 milioni. Gli altri ricavi potranno essere solo quelli che si avrebbero di volta in volta andando avanti in Champions league e quelli da trading calciatori. Ed ecco che da qui possiamo tornare alla campagna acquisti/cessioni estiva. Immaginiamo che la Roma non si fosse mossa in questa campagna acquisti. Tutto sarebbe rimasto come prospettato prima e 140 milioni non li avremmo ricavati neanche vincendo la champions, risultato che ci darebbe al massimo 70 milioni aggiuntivi. Uscendo agli ottavi di Champions, per pareggiare il bilancio a giugno, altro che cessione di Nainggolan….bisognerebbe vendere mezza squadra a giugno 2019.
    Ecco a cosa dovrebbe servire una campagna acquisti nel calcio di oggi. A migliorare una squadra, certo, ma contemporaneamente cercare di mettere quante più plusvalenze a bilancio, o conto economico..è uguale, anche lasciando il costo della rosa invariato tra ingaggi e ammortamenti, nel caso non lo si voglia ridurre. Questo per mettersi al riparo da un eventuale rosso monstre in conto economico alla chiusura dell’esercizio al 30.06 in caso di stagione non soddisfacente specialmente in champions league. Altrimenti le cessioni dolorose a fine anno ci saranno per forza e saranno anche tante. Ora, Tralasciando un attimo il discorso relativo agli ingaggi possiamo fare un esempio: Immaginiamo per ipotesi che la Roma oltre agli acquisti già fatti compri anche non so…Ziyech, Areola, Chiesa, un difensore centrale ed anche un altro centrocampista. La spesa totale ai aggirerebbe sui 150 milioni ed oltre. Somma totale dei cartellini dei giocatori acquistati che la Roma pagherebbe alle squadre cedenti come detto prima in 4/5 anni. A noi, però, questo per adesso non interessa. Quello che ora ci interessa è che, Come detto, quando acquisti in conto economico non va iscritta la cifra totale del cartellino del calciatore, ma quella o del prestito, quando c’è, o dell’ammortamento dell’anno in corso in caso di acquisto definitivo. Se ipotizzassimo che anche gli altri acquisti venissero fatti con la formula del prestito con obbligo come quelli fatti fino ad ora a parte Coric, a cinque milioni di prestito per ogni calciatore avremo iscrizioni in conto economico per 40/50 milioni totali. Questi si andrebbero ad aggiungere ai costi. In questo caso il gap tra costi e ricavi salirebbe a 180/190 milioni. Ipotizziamo che la Roma ceda Alisson, Florenzi, Manolas, ed El Sharaawy. L’incasso totale sarebbe di circa 140 milioni, che la Roma riceverebbe dalle squadre che hanno acquistato i cartellini dei nostri giocatori sempre in 4/5 anni. Ma a noi questo per adesso non interessa. A noi per adesso interessa questo: Calcolando le plusvalenze, come ad inizio post, si avrebbe la possibilità di iscrivere a bilancio, già ora, circa 140 milioni di plusvalenze appunto. Il gap tra costi e ricavi sarebbe a quel punto solo di 40/50 milioni. Questo sarebbe il rosso di bilancio che avremmo a giugno prossimo anche ipotizzando di uscire come quarti nel girone di champions. Molto diverso dai 140 milioni che avremmo avuto senza né cedere e né comprare alcun calciatore. Ogni risultato ulteriore nelle coppe, ad esempio terzo posto nel girone con retrocessione in EL e eventuali turni superati nella competizione oppure ogni turno superato in Champions oltre i gironi andrebbero a ridurre questo rosso, che verrebbe quasi azzerato anche solo accendendo ai quarti. Con l’immobilismo in campagna acquisti invece anche facendo i quarti di champions avremmo un rosso a giugno prossimo di oltre 100 milioni, con conseguente svendita dei calciatori più rappresentativi, come il ninja per esempio quest’anno. Questo perché l’obbiettivo è sempre cercare di ottenere almeno il pareggio in conto economico, sia perché un’azienda dovrebbe avere sempre questo almeno come obbiettivo minimo, sia perché il fpf te lo impone. Ora, io non so cosa farà Monchi, non posso saperlo. Però ho voluto fare questo post, che funge ovviamente solo da esempio, affinché tutti coloro che vogliono farsi un’idea di come funziona una campagna acquisti/cessioni, possano avvalersi di queste informazioni per farsi la loro opinione in autonomia e apprezzare o criticare il lavoro del ds con cognizione di causa.

    Se vi è piaciuto il pippone mettete un like ?….scherzo!

    Ciao veri fratelli giallorossi e Forza Roma!

    1. Ahahahah grande Massimo, mi ci mancava proprio oggi, adesso sto più rilassato. Ti ringrazio anche per la risposta precedente, ora mi è più chiaro. Il primo luglio, quando sarà tutto più chiaro, proverò ad anticipare le mosse di Monchi. E poi inizierà il ritiro e finalmente cominceremo a parlare di calcio giocato, non vedo l’ora. FORZA ROMA!

      1. Ahaha, vero…Per non sentire troppo la mancanza dello Jacopo nazionale.

        Va beh, per te ormai ste cose sono l’Abc….

        però ricordiamoci che il pippone allontana il co.j..e!

    2. Ma quindi no american straccions?

      No se intasca i soldi Pallotta?

      No Monchi tornatene in Spagna?

      No ridimensionamento?

      No vincono gli altri perché gli americano non hanno una mentalità vincente?

      Non se fa così Massimo74… In questo modo togli tutte le certezze ai “tifosi” mono-neuronati

      1. No Inter che contende lo scudetto alla Juve? (ricordi?)?

        Ti dico un’altra cosa…non si vendono neanche i cancelli di Trigoria…forse quelli ce li lasciano!

        Ciao UltrasRoma75!!

    3. Adesso ho capito tante cose in più……. che dire sei stato un po’ lungo a volte ma non così complesso da non capire….. poi per carità ci saranno quelli che ti risponderanno… lo vedi …. gli americani allora vonno solo guadagnacce….straccions…. e vabbè a quelli risponderò sempre nello stesso modo…. vattelappianderculo tu e tutti quelli come te!!!agahahhahahah
      Direi commento molto interessante grazie mille….. ci può stare quello che hai detto comunque ….. anche con le altre cessioni cambiando magari qualche nome volendo ma il discorso fila liscio ora:.:…. forza Roma sempre e comunque !!!!

      1. Dici bene Balbo 2…Vattela ecc… ecc…..che poi non è altro che: Amico, non sono d’accordo con te, ma ti stimo e rispetto tanto il tuo pensiero….giusto? ?

        Ovviamente Monchi né venderà né comprerà i giocatori che ho indicato io…farà quello che riterrà opportuno….il mio era solo un esempio estremo per dire come funziona….spesso si dice che la strategia è abbassare l’età e il monte ingaggi….ma non è sempre e per forza vero. Perché se cedi Nainggolan, togli a bilancio 3 milioni di ammortamento e 4 netti di ingaggio. Se metti Pastore metti in bilancio gli stessi 3 milioni di ammortamento e gli stessi 4 netti di ingaggio. E l’età è la stessa. Quindi né abbassi l’età, né riduci l’ingaggio. Ma se lo fai, ad esempio, nella stessa sessione di mercato metti in bilancio, nei +, 30 milioni di plusvalenza per Nainggolan, mentre per Pastore metti in bilancio, nei -, solo i 4/5 milioni del prestito.

        Il saldo sarebbe di + 25 milioni con una operazione del genere che metti in bilancio, che equivalgono quasi a quello che guadagni quando ti qualifichi alla Champions e sono 25 milioni che aiuterebbero, insieme ad altre operazioni, a raggiungere il pareggio a fine anno con conseguente non svendita dei calciatori. Quindi il mercato ha sempre questa duplice valenza, tecnica ed economica.

        No no…non ringraziarmi che nell’esempio ho ceduto Manolas…per gli amici questo e altro! ?

  9. P.S. in aggiunta ai soldini già citati mettiamoci pure che c’è ancora qualche strascico pesante che gli addetti ai lavori sanno ed è di dominio pubblico per loro, mentre il tifoso comune non lo sa, riguarda Gerson che potrebbe costare alla Roma altri soldi in più se perde la causa con il suo vecchio procuratore.