Foto Tedeschi

DOSSENA FELIX GHANA – Felix Afena-Gyan, il 18nne fenomeno giallorosso autore della doppietta al Genoa che ha riportato alla vittoria la Roma di Mourinho “è la dimostrazione che quello è un continente straordinario, lui è solo un granello della sabbia d’Africa nel formare calciatori, non mi stupisco, è tutto nella norma: il Ghana è forse uno dei paesi migliori a coniugare fisico e tecnica, ma più o meno tutti i paesi del continente sono delle miniere d’oro”. Lo dice all’Adnkronos Beppe Dossena, ex ct proprio del Ghana, che ribadisce: “se ce ne sono altri come lui? Mi viene da ridere, ce ne sono letteralmente migliaia. Bisogna solo avere voglia di spendersi, di andare là e non fermarsi alle prime informazioni. Se qualcuno ha voglia di farlo avrà le sue soddisfazioni”. Per il giovanissimo giallorosso, semmai, “comincia la parte più difficile: ha le sue doti, adesso bisogna gestire emozioni, tentazioni, prospettive, deve crescere anche fuori dal campo e deve farlo venendo preparato gradualmente. Non solo da Mourinho, ma anche dal procuratore, la società, tutti coloro che gli sono vicini famiglia compresa. Questi soggetti devono metterlo in grado di gestire soldi, carriera, allenamenti. Adesso è tutto fantastico ma poi cominceranno le difficoltà, le responsabilità”.

Leggi anche:
Felix il primo 2003 a segnare in Serie A, altri tre giallorossi i primi per anno di nascita

1 commento

  1. giusto d’ accordo ma un 18 enne cosi sta a Roma e parla romano e Roma con l’ Africa a rapporti millenari….il granello di sabbia èuo’ diventare un Baobab

Comments are closed.