Dopo Lecce-Roma infuria la polemica sul Var, Caressa: “Facciamo come ci pare”

Formazione 1
03/04/2024 - 11:31

Dopo Lecce-Roma infuria la polemica sul Var, Caressa: “Facciamo come ci pare”

LECCE ROMA CARESSA – A distanza di quasi due giorni da Lecce-Roma, non accenna a diminuire il clima di polemica nei confronti di Marcenaro e la sala Var in occasione del mancato rigore per contatto tra Falcone e Zalewski. Come riportato dal Corriere dello Sport, nel consueto appuntamento con Sky Calcio Club anche Fabio Caressa ha detto la sua, alimentando il fuoco della discussione sui social, dove le sue parole si sono diffuse ampiamente.

Caressa, le parole diventate virali dopo Lecce-Roma

Sul contatto Zalewski-Falcone
“Al Var hanno detto che era un normale contrasto di gioco. Che cosa vuole dire “normale contrasto di gioco” e non tocca mai la palla non lo so! Ma è andata così”.

Sul metro di giudizio del Var
“La regola aurea di quest’anno me pare: famo come ce pare”.

SEGUI ROMANEWS.EU ANCHE SU X!

Vedi tutti i commenti (12)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

    Tutti i commenti

  1. È triste constatare che poi quelli che fanno gli errori più marchiani, sono sempre i soliti e guarda caso, quasi sempre contro le stesse squadre, strane coincidenze

    1. Gli fischiavano pure quando ci SCIPPAVA uno scudetto (e scippava anche una champions) con l’inter? ah no li il “sistema” andava bene, e perculava anche gli altri

      1. D’accordo al 100% con asr e aggiungo bastaaa con lo sciamano portoghese!!.andiamo avanti per favore

  2. Intervistare rocchi per vedere cosa ne pensa per schiarirci le idee, anzi no, perchè ce li confonde🤣🤣🤣

  3. Tutti sanno ma parlano poco per il semplce motivo che a noi ci capitano 8 volte su 10 situazioni “dubbio” e quindi siamo quelli che giustamente recriminano di più. Alle altre, o non gli succede niente o se succede qualcosa, è roba di poco conto o nei casi delle strisciate del nord guarda caso le decisioni sono sempre a favore. Parlarne è come dire al vicino di casa “hai visto, hanno rubato lì. Meno male che a noi non è successo”. Vale la regola che finchè non ti toccano il tuo orticello perchè lamentarsi? Se le cose vanno bene per loro perchè dovrebbero criticare un sistema marcio visto dove loro ne fanno parte per primi. E’ arrivato il Var, sono cambiate regole, altre cambieranno, ma la verità è che per i più le cose non cambieranno forse mai. Forza Roma sempre

    1. Per forza, il var non è una “intelligenza artificiale” che agisce da sola, ma è sempre l’uomo di prima che si faceva le regole da solo e ti fa vedere quello che conferma le sue regole, mai quello che è in realtà se non in casi in cui non ne può fare e per gioco forza è costretto. Perché a volte basta far vedere l’immagine un “frame” (un secondo prima o dopo) di quello che si deve esaminare e la realtà cambia come dal giorno alla notte. Proprio come ho postato su FB l’immagine, presa dai filmati di Dazn un secondo prima del contatto tra Zelewski e Falcone c’è quello con il n° 29 che entra con la gamba alta e tesa sul giocatore della Roma

      1. tranquilli …mercenario sarà uno dei papabili a presidente dell’aia. No AIA, stimata casa venditrice di pollame e uova, bensì quell’accozzaglia di incapaci (a pensarla bene) che arbitra il calcio ed è asservita alle strisciate ed al pinguino biancoceleste. Faccio alcuni nomi: bergamo, pairetto, rosetti, bomber rocchi (ricordate che ci ha rifilato una tripletta in un iuve/ROMA del 2015) per non parlare dell’innominabile quaglia attuale capo della suddetta aia. Un saluto a tutti i Romanisti e sempre FORZA MAGGICA!!!

  4. A prescindere dal contatto con Falcone che è il più evidente, nessuno finora ha notato che il contatto con Zalewski l’ha avuto il giocatore con il n°29 del Lecce a gamba tesa su di lui e questo secondo il mio personale parere da profano, posso anche sbagliarmi, ma è da rigore più di quello con Falcone

Seguici in diretta su Twitch!

Leggi anche...