• Dipendenti licenziati: ascoltato Vito Scala dalla procura federale. Cosa rischia la Roma

    Giacomo Emanuele Di Giulio
    26/03/2024 - 16:07

    Continuano le audizioni da parte della Procura Federale sul caso dei due dipendenti licenziati dopo il furto del video hard

    Dipendenti licenziati: ascoltato Vito Scala dalla procura federale. Cosa rischia la Roma

    SCALA DIPENDENTI LICENZIATI – La Procura Federale continua le audizioni per il caso dei due dipendenti della Roma licenziati dopo il video hard rubato e divulgato da un calciatore giallorosso della Primavera. Nella giornata di oggi, come riporta l’agenzia Ansa, è stato ascoltato Vito Scala che ha risposto alle domande del procuratore Chinè per più di un’ora. Ora mancano solamente le parole del calciatore che ha diffuso il filmato. Se l’indagine confermasse le responsabilità del tesserato ci sarebbe la violazione dell’articolo 4 (Osservanza dei principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva), mentre per la Roma quella del numero 6 per responsabilità oggettiva (rapporto di immedesimazione organica che lega il sodalizio sportivo a (colui o) coloro che, al suo interno, sono investiti del potere di agire in nome di questo).

    Vedi tutti i commenti (6)

    Scrivi un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    *

      Tutti i commenti

    1. …ancora non se capisce che “responsasbilità oggettiva” ci dovrebbe avere l’a.s. Roma per le azioni sconsiderate di un dipendente compiute peraltro in forma privata e non nello svolgimento di mansioni societarie

    2. Il Milan per il comportamento schifoso di Robinho è stato punito? Si è mossa 9 anni fa’ la giustizia sportiva? La società Ha subito punizioni per responsabilità oggettiva? …mah

    3. Il giocatore era minorenne. Se un maggiorenne da un telefonino con dentro un proprio video hard ad un minorenne penso sia perseguibile per pedofilia.

    Seguici in diretta su Twitch!

  • Leggi anche...