19 Febbraio 2009

DELFINO IN RETE: CARO SPALLETTI, **L´AMBIENTE HA RAGIONE. IL **TERZO POSTO E´ ALLA PORTATA

 
Lanciare l’allarme-rosso per la sconfitta di Bergamo è esagerato, soprattutto alla luce di quella che può essere definita una grande rimonta, tuttora in corso. Non va dimenticato infatti che, nelle ultime 14 giornate, dal derby di 3 mesi fa, la Roma ha ottenuto 10 vittorie su 14, recuperando 8 punti al Genoa e 7 alla Fiorentina. Grazie al pareggio in extremis dei viola nello scontro diretto di Marassi, la disfatta di Bergamo è stata peraltro archiviata senza danni particolari. Delle squadre in lotta per il terzo e quarto posto, la Roma resta quella più in forma, e fino a prova contraria sono le altre ad avere problemi. La Juventus ha vinto due sole partite (aiutini con la Fiorentina e gol in pieno recupero a Catania) nelle ultime sei giornate. Il Milan (1 solo punto in due partite) in una settimana ha detto addio allo scudetto, ha subito il sorpasso dalla Juve e si è visto dimezzare il vantaggio sulla quarta (da +6 a +3). Il Genoa, negli esami di maturità contro Roma e Fiorentina, ha preso 6 gol e appena 1 punto. La stessa Fiorentina, che nel girone di ritorno ha ottenuto gli stessi punti della Roma (10), è reduce da due risultati positivi ottenuti solo grazie ad altrettante reti realizzate in extremis contro Lazio e Genoa. Colpi di fortuna senza i quali i viola sarebbero oggi al sesto posto dietro a Genoa e Roma. In sintesi se la Roma ha qualche rimpianto per le ultime trasferte di Reggio e Bergamo, le altre non è che se la passino tanto meglio, anzi…Altra situazione positiva per la Roma è rappresentata dagli scontri diretti, in cui i giallorossi sono in vantaggio sia con la Fiorentina (1-0) che con il Genoa (1-3, 3-0). Nonostante le accuse di Spalletti all’eccessiva euforia del popolo romanista, sorpassare Genoa e Fiorentina sembra dunque assolutamente alla portata. Dopodichè fare un pensierino al terzo posto (che da quest’anno vale l’accesso diretto in Champions) è più che legittimo visto che 3 mesi fa il Milan era a +15 e oggi a +5. E se non è il Milan l’obiettivo può diventare la Juve, tecnicamente inferiore ai rossoneri e che tra un mese la Roma ospiterà all’Olimpico per ribaltare lo 0-2 di Torino. La sconfitta di Bergamo è stata fisiologica, la marcia in campionato puo riprendere da subito. Rispetto al -15 di 3 mesi fa, l’attuale -2 dal quarto posto non può e non deve preoccupare più di tanto. Stesso discorso per la Champions. L’Arsenal non vale nè il Manchester, nè il Liverpool nè il Chelsea. Approdare ai quarti per il terzo anno consecutivo è assolutamente alla portata della Roma. O secondo Spalletti stiamo pensando troppo in grande?
 
Giulio Delfino(Radio Rai)
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.