20 Aprile 2021

De Zerbi: “Superlega è un colpo di stato. Sarebbe giusto fermarsi e non giocare domani col Milan”

Foto Tedeschi

romanews-roma-sassuolo-roberto-de-zerbi-paulo-fonseca

SUPERLEGA DE ZERBI MILAN – “Sono molto toccato e arrabbiato di questa cosa a tal punto che ne abbiamo parlato con la squadra per una mezz’ora. E’ giusto fermarsi come ogni tanto accadeva a scuola. Sono arrabbiato perché è stato fatto un colpo di stato nel calcio”. Alla vigilia della sfida di campionato con il Milan, il tecnico del Sassuolo Roberto De Zerbi è durissimo sulla Superlega. “E’ un comportamento che va a ledere il diritto che il più debole possa farsi strada – dice -, come se un figlio di un operaio non possa sognare di fare il chirurgo o l’avvocato. Domani non avrei piacere a giocare la partita perché il Milan fa parte di queste tre squadre”.

Leggi anche:
Tutti gli aggiornamento sulla Superlega

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

8 commenti

  1. Pablo ha detto:

    Bravo!!!

  2. Barnaba ha detto:

    E che caxxo!!!!!!! almeno qualcuno che ce mette la faccia!!!!!! Aspetto altri protagonisti che possano prendere una parte in questa storia.

  3. Danifisarmonica ha detto:

    Bravo!

  4. Riccardo (AR) ha detto:

    A me Questo De Zerbi ,,,, mi piace , !!!! Bravo Ragazzo … fuori i Cogl….i … chi ce l’ha chiaramente ….

  5. papa max ha detto:

    De Zerbi mi piace sempre di piu’ ..

  6. Claudio ha detto:

    E fatelo davvero caxxo!

  7. Manu 72 ha detto:

    Pensa tutto questo modo di pensare e agire della Juve e consociate come questi delinquenti e assassini del calcio operano già nel nostro calcio italiano, anzi del Loro calcio fasullo propinato ai tifosi .se agiscono così lo fanno anche in Italia. Pestando i valori dello sport , avidi di denaro egoisti e ladri di sogni .. da radiare questi dirigenti.

  8. netzer ha detto:

    niente superlega?
    bravi, vi meritate di continuare con il cialtrone vero finto latinista e traffichini aggiunti che vi perculano a piacimento da anni e anni ricattando per 4 euro proprio le provinciali per estorcergli un voto nei consigli di lega e in federazione, oltre ai voti delle squadre di serie B e C che illegalmente posseggono in maniera occulta.
    bravi, bravissimi, è stata persa un’occasione d’oro per fare pulizia di questi malviventi che gravitano dell’orticello velenoso del calcio italiano, lasciandoli a giocarsi i campionatelki della parrocchia..