13 Gennaio 2022

Darboe: “Quando incontrate altri rifugiati ricordatevi la mia storia. Non siamo così diversi”

Foto Tedeschi

DARBOE UNICEF – Tramite un video condiviso da UNICEF su Twitter, Ebrima Darboe ha raccontato il suo viaggio dal Gambia fino alla Roma. Il calciatore giallorosso si è raccontato così, nella speranza che la sua storia possa aiutare a sconfiggere razzismo e xenofobia: “Io sono nato in Gambia, il 6 giugno 2001. Nel nostro paese non siamo ricchi, ma ci divertiamo un sacco a giocare a calcio. Era l’unica scelta che avevo quindi ho deciso di partire. Sono partito e il viaggio è stato lungo e duro. Partivamo con il pullman da Paese a Paese. La destinazione era la Libia, il viaggio è durato tre mesi. Quando è arrivato il momento siamo andati in mare per partire, poi siamo partiti con il gommone. Dopo due ore e mezza circa è arrivata una grande nave, di quelle che salvano le persone. Eravamo tutti felici, perché speravamo di avere una vita migliore. Mi hanno detto che avrebbero cercato di portarmi alla Roma e io ho risposto “Cosa? Roma?!” “Sì, Roma!”. La Roma la conoscevo anche quando stavo in Gambia. Quando incontrate altri rifugiati ricordatevi la mia storia e ricordate che non siamo così diversi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

6 commenti

  1. simonsaved ha detto:

    Veramente incredibile. Spero possa diventare un campione e restare nella Roma.

  2. wolf redyellow ha detto:

    Le premesse ci sono tutte … si tratta di un ragazzo molto coraggioso e con un grande cuore …. non possiamo che aurargli in bocca al lupo , ma dopo quello che ha passato ….la vita ormai non può che sorridergli .!!!!!!!!!!

  3. YELLOW&RED LIVES MATTER ! DAN , CACCIA LI SORDI! FACTA,NON VERBA ha detto:

    Non ce lo devi ricordare,lo sappiamo.

  4. LUCIANO SIBIO ha detto:

    Senza nulla togliere alla vicende personali di Darboe, ma oggi serve alla Roma un interditore di centrocampo che elevi il tasso fisico e muscolare del centrocampo e non un uomo d’ordine peraltro con scarse capacità di inserimento e tiro in porta,e su tutte e due queste cose Darboe deve ancora migliorare.
    Sia ben inteso manco Oliverira è un interditore di centrocampo che elevi il tasso fisico e muscolare del centrocampo stesso,ma al momento dovrebbe avere più capacità di inserimento e tiro.

  5. Luca66 ha detto:

    Bellissima storia. Daje Darboe, alla Roma o ovunque tu vada, tanto successo per te e tutti i nostri fratelli. Cent’anni fa gli italiani facevano quello che fanno adesso i cosiddetti rifugiati, ora in condizioni ben più complacate…